Giro delle Fiandre su SNAI: l’equilibrio delle quote regna sovrano

Giro delle Fiandre su SNAI: l’equilibrio delle quote regna sovrano

Giro delle Fiandre su SNAI: l’equilibrio delle quote regna sovrano

265
0

Dopo la vittoria di Stybar nell’Harelbeke tutti si aspettano il bis del ceco ma la concorrenza (quasi a pari quota) è agguerritissima: Van Aert, Sagan, Van Avermaet, Van der Poel e Jungels fra i primi rivali. Ma occhio anche a Terpstra che qui stravinse lo scorso anno. Scopriamo insieme tutte le scommesse giocabili su questa classica monumento.

IL PUNTO SULL’UCI WORLD TOUR – La stagione 2019 è entrata nel vivo solo da un mesetto circa con le Strade Bianche dove ha trionfato il francese Alaphilippe. Quindi è stata la volta di due tour storici come la Parigi-Nizza con la vittoria di Bernal e la Tirreno-Adriatico dove Roglic ha messo le basi per il Giro 2019. Di nuovo Alaphilippe alla Milano-Sanremo e quindi Miguel Angel Lopez alla Vuelta di Catalunya. Si va in Belgio, nazione che in queste settimane ha il monopolio del grande ciclismo: al Brugge-Depanne ha vinto Groenewegen; all’Harelbeke finalmente primo squillo del tanto atteso Stybar mentre in settimana successi di Kristoff alla Gent-Wevelgem e di Van Der Poel alla Vlanderen.

FIANDRE, COSI’ LO SCORSO ANNO – Questa classica monumento è senza dubbio una delle più dure dell’intero circuito mondiale e vincerla in solitaria contro pronostico come fecde Terpstra lo scorso anno è impresa non da poco. L’olandese stoccò tutti sull’Oude Kwaremont e arrivò a prendersi il giusto tributo come uomo solo al comando. Grande delusione per Sagan che quindi quest’anno è chiamato al riscatto. Nella storia delle Fiandre è ovvio che i ciclisti belgi l’hanno fatto un pò da padrona col 50% di vittorie negli ultimi 10 anni e con Gilbert ultimi a trionfare nel 2017. Gli ultimi squilli degli italiani risalgono al 2012 col podio di Pozzato e Ballan dietro a Boonen. Ballan che fu l’ultimo azzurro a vincere qui nel 2007.

IL PERCORSO DI DOMANI – Come detto seconda monumento della stagione dopo la Sanremo. Si parte domenica alle 10.30 da Anversa e si chiuderà (indicativamente un 6 ore più tardi) a Oudenarde per un totale di 267 km. Ovvio che non è il chilometraggio a far paura ma i ben 17 muri e 10 pavè che come sembra mettono alla prova resistenza mentale e fisica ma anche la tecnica dei vari protagonisti. Dai 100 km in poi si comincia a far sul serio con il Kwaremont che come detto lo scorso anno fu decisivo. Fra i muri con pendenze più elevate segnalo il Wolvenberg col 17,3% di massima il Koppenberg col 22% e soprattutto i doppi passaggi sul Paterberg (al km 215 e come ultima ascesa) con 360 metri al 12,9% di media con picchi del 20,3%.

QUOTE E OFFERTA SNAI – Come detto nel titolo, la lista dei favoriti è lunga o molto omogeneo nelle quote con ben 6 corridori fra quota 7,50 e 10. I due favoriti sono Stybar e Van Aert appunto a quota SNAI 7,50. Ma dietro è bagarre: cito nell’ordine Sagan, Van Avermaet e Van der Poel a 9; Jungels a 10; Gilbert e Naesen a 15. Via via tutti gli altri con il nostro Trentin a 20 alla pari del campione in carica Terpstra. Presente anche l’eterno Valverde sempre a 20 volte la posta. Fra i giochi aperto potrete scommettere sui testa a testa, sui mini gruppi, sul piazzamento, sul vincente senza belgi, sul team del vincente e sul vincente per la prima volta. Insomma come SNAI, sul ciclismo non c’è nessuno!

Prossime corse su SNAI: Tour dei Paesi Baschi (8-13 aprile), Parigi-Roubaix (14 aprile), Tour di Turchia (16-21 aprile).

 

(Credits: Getty Images)

(265)

Marco Perciabosco Nato a Milano e per questo indottrinato fin dalla nascita da mio padre alla "malattia" per Inter e Olimpia. La passione e l'amore per il football amer... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI