Cricket | Indian Premier League

Cricket | Indian Premier League

Cricket | Indian Premier League

16
0

Eccoci qua con un articolo che non pensavo mai di scrivere in Italia………………. Pensavo di farlo solamente in India, Pakistan, Inghilterra, India Occidentale, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Zimbabwe e qualche altro paese nel mondo ma mai nel Belpaese! Ma il mondo è sempre più globale, e grazie a questo il cricket sta diventando sempre uno sport più praticato e più seguito anche in Italia.

UNA BREVE INCURSIONE NELLE REGOLE
Per spiegare bene le regole ci vuole un articolo con la lunghezza del buon vecchio elenco telefonico quindi, per non fare arrabbiare chi deve correggere il mio pessimo italiano, cercherò di spiegare al volo prima di raccontare qualcosa di questo torneo che è in corso in questo periodo.

Ci sono due squadre di 11 giocatori, una squadra lancia, l’altra batte e l’obbiettivo è fare più punti dell’altra squadra. Devono essere sempre due giocatori a battere insieme, cioè è diverso dal Baseball dove potrebbe essere anche uno solo. Il campo è ovale con una zona centrale che si chiama il wicket dove ci sono due stumps, cioè piccoli castelli, tre pezzi di legno e il battitore deve difendere questo “castello”.

Viene dimesso se il lanciatore lancia e la pallina disturba il castello, anche se colpisce la pallina in aria e la pallina viene presa da un altro giocatore. Poi ci sono anche 8 altre maniere di dimissione. La lunghezza di una partita è variabile e dipende dalle regole, la versione più comune sono quelle di 20 Over (un Over vale 6 lanci da un giocatore), 50 Over, 4 giorni (senza limiti di Over e ogni squadra batte due volte) e 5 giorni (le creme delle creme), i Test Matches. L’Indian Premier League è un campionato di partite di 20 Over, cioè ogni squadra ha 20 Over per fare il più alto numero di run possibile, e chi fa più run vince.

LA TELENOVELA DELL’INDIAN PREMIER LEAGUE
La versione di cricket con 20 Over è un fenomeno abbastanza nuovo, inventato per fare diventare più popolare lo sport, una versione più breve che termina entro tre ore, perfetto per le partite serali sotto i riflettori. Se l’Inghilterra ha inventato lo sport, la sua ex colonia l’India è dove lo sport è seguito più di tutto. Se pensate a tutti i campi di calcetto che ci sono a Milano per esempio, se andate a Mumbai troverete forse il triplo di campi di cricket.

Il campionato è nato nel 2008 con 8 squadre di varie città indiane, tutte con proprietari straricchi, spesso collegati al mondo cinematografico di Bollywood. Ogni anno fanno una asta per decidere quali giocatori vanno a quale squadra, con un massimo di otto stranieri nella rosa di cui solo quattro possono stare tra i titolari in una partita. Visto il numero di telespettatori, i diritti TV e gli stipendi altissimi, è il sogno di tutti i giocatori del mondo avere la possibilità di giocare nella IPL.

Gli stadi sono sempre strapieni, tutti hanno super reti alte degne di uno stadio inglese di calcio degli anni ’80, non per problemi di violenza, ma per bloccare questi tifosi entusiastici da una invasione del campo per salutare i loro idoli. Quando i battitori preferiti dei tifosi vengono sostituiti, la telecamera passa sempre ad inquadrare il pubblico, tanti saranno in lacrime e altri con la faccia amareggiata, come quando mangi la tua cena davanti al cane e non gli dai nemmeno un briciolo. Ma purtroppo quest’anno niente da fare, le partite sono state spostate dall’India agli Emirati Arabi, dove verranno disputate senza pubblico.

LA PARTITA DI OGGI
Le 8 squadre giocano due volte contro tutte le altre squadre per un totale di 14 partite, con le prime 4 squadre che giocano il post season. Un format un po’ strano perché c’è una semifinale tra il primo e il secondo in classifica, chi perde giocherà uno spareggio contro chi vince la seconda semifinale che viene giocato tra la 3° e 4° squadra nella classifica. Chi vince questo spareggio andrà in finale contro la squadra che ha vinto la prima semifinale. Il cricket non è mai facile da capire vero?!?

Oggi alle 16 possiamo godere Rajasthan Royals contro Delhi Capitals. Siamo alla sesta giornata, quindi quasi a metà strada della Regular Season, come al solito c’è una partita ogni giorno con due il sabato e la domenica. La squadra “di casa” si trova al settimo posto della classifica con 2 vittorie e 3 sconfitte mentre Delhi Capitals è al secondo posto con 4 vittorie e 1 sconfitta. I Royals hanno perso 3 partite di fila, è dal 2012 che non vengono sconfitti 4 volte di fila, ha perso anche gli ultimi 3 scontri diretti contro i Capitals, quindi i numeri non sono buoni per Rajasthan.

Sulla carta i Royals hanno i giocatori stranieri molto più forti, l’australiano Steve Smith (battitore) e i due inglesi Joss Buttler (battitore) e Jofra Archer (lanciatore), ma le partite non sono mai vinte nella sala di asta, ma sul campo. Dall’altro lato i giocatori dei Capitals stanno mostrando molto più consistenza e i loro lanciatori sono statisticamente i migliori del torneo fino ad ora.

Tre stadi vengono utilizzati per il torneo, in Dubai, Sharjah e Abu Dhabi. La partita di oggi viene giocata a Sharjah, dove il 75% delle partite sono stati vinte della squadra che batte prima. Spesso il campo cambia condizione durante la partita, può diventare più facile per il lanciatore o anche più facile per il battitore. Ma chi decide quale squadra batte o quale squadra lancia per prima? Almeno questo aspetto del cricket è facile da capire, i due capitani fanno un semplice lancio della moneta. Quindi occhio a questo momento che al solito arriva 30 minuti dopo l’inizio della partita, perché potrebbe cambiare notevolmente la possibilità di vittoria di una squadra.

I NUOVI SPORT VANNO AVANTI
Mi sono divertito molto scrivendo queste righe sul cricket, ma allo stesso tempo mi sono reso conto come è difficile spiegare tutto in maniera concisa. Serve qualche foglio in più! Spero di essere riuscito a farvi incuriosire un po’, troverete parecchio materiale sullo sport in italiano in rete. Una cosa che non troverete facilmente è la foto dell’autore di questo articolo in una formazione di cricket, quindi per questo vi do una mano.

adam_grapes_cricket

Ora sono ispirato a scrivere altri articoli con gli sport anglosassoni, è se la mia capa e d’accordo, la prossima settimana passeremo dal cricket alle freccette per parlare del finale del Premier League!

 

(Credits: Getty Images)

(16)

Adam Grapes Autore SNAI che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE