E-sport, il futuro è ora!

E-sport, il futuro è ora!

E-sport, il futuro è ora!

77
0

Il sodalizio fra e-sport e betting è nato negli scorsi anni e col passare del tempo questa disciplina continua ad avere sempre più seguaci. E mentre lo sport “reale” è fermo, quello virtuale galoppa più che mai.

ALL’ORIGINE DEGLI E-SPORT – “Massimo un’oretta al giorno non di più” dicevano le mamme negli anni 80-90 ai propri figli. Ricordo che la mia prima console fu il nintendo 8 bit (ma i più grandicelli si ricorderanno dello storico commodore 65). Nintendo e Sega si contesero il monopolio dei videogames per quasi un ventennio fino all’arrivo della Sony sul mercato con la mitica PlayStation. Poi sbarcò la X-box. Ma contemporaneamente, i gamers, lasciavano le console per giocare dai nuovi potentissimi personal computer che, anno dopo anno, erano diventate una sorta di base aerospaziale, iper-accessoriate e super potenti.

La rivincita dei nerd, gli sfigati di una volta, che invece da diversi anni a questa parte, prima negli USA e in Asia e poi in Europa sono stati capaci di creare una vera community, numerosissima e molto remunerativa. World of Warcraft, Dota, League of Legend, sono solo alcuni dei titoli più importanti e per cui ogni anni, milioni di gamer di scontrano in tornei con montepremi altissimi, mandati live dalle TV e a volte anche giocati in uno stadio reale, colmo di tifosi. Secondo ValuePenguin, una piattaforma di analisi di finanza personale, la metà dei gamer professionisti di Esport attivi in Corea Del Sud non arrivano a guadagnare più di 50 mila dollari all’anno (beh sputaci sopra dico io) ma ci sono top gamer che arrivano a portare a casa milioni di dollari l’anno come ad esempio Kuro Salehi Takhasomi, in arte “KuroKy”, capaci di guadagnare oltre 3,5 milioni di dollari in premi.

FIFA E IL CALCIO DA CONSOLE – Lo stesso percorso, da amatoriale a professionale (e professionistico) lo ha avuto il video games della Electronic Arts, Fifa con le sue versioni annuali. Negli ultimi anni, diversi club europei e anche italiani (se non erro la Sampdoria è stata la prima del nostro Bel Paese) hanno creato un e-team, ingaggiando ragazzini che fanno questo di mestiere. Gente che si allena ore e ore al giorno e che al momento nella vita fa proprio questo. Niente male! Ogni anno si moltiplicano i tornei ufficiali del gioco FIFA e in questo periodo di quarantena, anche noi di SNAI abbiamo quotato pre match diversi incontri. Sì perché ovviamente l’industria del betting ha subito fiutato il business. Gli e-sport, col seguito che ha e col target giovanile (e quindi che mastica pane e web 365 giorni l’anno) è il perfetto upgrade del classico mercato della scommesse.

FORMULA 1 ESPORT SERIE A – Nato nel 2017, questo campionato, che si gioca appunto col video game della EA sports, è alla sua quarta stagione. E col passare degli anni, sono tanti gli ex piloti di F1 che si sono cimentati in questo campionato virtuale. Domenica scorsa Sky ha proposto in diretta la serata del Bahrain, con tanto di qualifiche e gara e la telecronaca agli analisti Sky che in genere ci accompagnano per la stagione reale. Devo dire che mi sono molto divertito a vedere il GP. E si sono senza dubbio divertiti anche i nostri clienti SNAI visto che hanno potuto guardare la gara in diretta streaming e scommettere sul vincente in tempo reale. In pista c’erano i conosciutissimi Vandoorne, Norris, Latifi, Gutierrez, Herbet e Hulkenberg che correvano per le varie scuderie del circus, McLaren e Ferrari comprese. Alla fine la vittoria, dopo 29 giri è andata a Zhou su Renault.

E QUESTA POMERIGGIO TOCCA ALLA MOTOGP – Forte dell’esperimento in F1, Sky questo pomeriggio alle 15 con il commento tecnico di Guido Meda, ci porterà virtualmente al Mugello dove si correrà il gran premio virtuale d’Italia e a correre, dalle loro postazioni pc, saranno i veri protagonisti della stagione che al momento, causa coronavirus, è stata posticipata: dai fratelli Marquez a Quartararo, da Vinales a Bagnaia, passando per Espargaro, Rins, Mir e tanti altri. Credo che ci sarà da divertirsi perché un conto è correre con la moto in pista e un conto è cercare di proiettare le stesse traiettorie e prestazione con un joystick. Vedremo chi la spunterà. Al momento la nostra lavagna favorisce Alex Marquez (il fratello minore di Marc) a QUOTA SNAI 2,75.

Scopri tutta l’offerta completa del GP virtuale d’Italia QUI!

Continuate a leggere sportnews e mi raccomando #restateacasa #andràtuttobene

C’È ANCORA TANTO SPORT SU SNAI! VIVILO LIVE!

E OGNI GIORNO ALLE 14,30 E ALLE 21:30, PARTECIPA GRATUITAMENTE ALLO SNAITRIVIA! IL QUIZ CON UN MONTEPREMI DI 500 EURO AD OGNI PUNTATA!

(Credits: Getty Images)

(77)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE