MSI 2017: è ancora dominio orientale

MSI 2017: è ancora dominio orientale

MSI 2017: è ancora dominio orientale

87
0

La competizione internazionale di metà stagione ha confermato il trend degli ultimi anni: le squadre provenienti dall’oriente rimangono ancora le formazioni da battere, capeggiate dalle sudcoreane. Gli SK Telecom T1 sono gli indiscussi capofila, seguiti dai cinesi Team WE e dai taiwanesi Flash Wolves. Unica componente occidentale che sembra resistere è l’Europa, quest’anno rappresentata dai G2 Esports.

Il formato Bo1, partita secca, ha indubbiamente condizionato i risultati del torneo. Un format che in realtà è stato scelto esclusivamente per comodità e per lo spettacolo: ovvero per poter concentrare più partite possibili nello stesso giorno e per dare la possibilità anche alle meno quotate di sorprendere le avversarie nei singoli game. Un formato che tuttavia lascia sicuramente scontente quasi tutte le squadre, ormai abituate a giocare in campionato sfide alla meglio delle tre.

Il punto della situazione e cosa ci aspetta.

 

SK Telecom T1Vincitrice dell’LCK (Corea del Sud)

Otto vittorie e due sconfitte per la formazione coreana tre volte campione del mondo e detentrice del titolo MSI 2016. In realtà, in tutta onestà, le due sconfitte sono arrivate quando i giochi per loro erano già praticamente conclusi. Concentrati e letali allo stesso tempo, gli SKT hanno dominato ogni partita vinta concedendo praticamente nulla agli avversari. Il trio delle meraviglie Huni-Peanut-Faker è stato semplicemente inarrestabile.

 

Team WEVincitrice dell’LPL (Cina)

Grandi aspettative sul ritorno dei WE in  una competizione internazionale: non hanno affatto deluso, anzi. Il secondo posto per loro è più che meritato, grazie al rapido adattamento alle strategie di gioco attuali. Ciliegina sulla torta la vittoria netta sugli SKT nell’ultima partita del girone, senza dimenticare la doppia vittoria sulla formazione europea e sui taiwanesi. Al tempo stesso però son riusciti a perdere un match con i GAM: indice che i cinesi possono essere soggetti a improvvisi cali di concentrazione.

 

G2 EsportsVincitrice dell’EULCS (Europa)

Probabilmente il terzo posto non è veritiero: avrebbero meritato di peggio. Solo con i  FW è arrivata una doppia vittoria, mentre contro GAM e TSM si sono fermati sul punteggio di 1-1. Una terza posizione raggiunta con quattro vittorie e sei sconfitte: decisamente troppo poco per ambire al titolo? Forse sì e forse no: le formazioni occidentali riescono a dare il meglio nelle partite alla meglio delle tre o cinque, difficilmente raggiungono la massima efficienza nelle partite secche. Uno scoglio che andava superato: adesso arriva il momento di dimostrare tutto il potenziale.

 

Flash WolvesVincitrice dell’LMS (Taiwan)

La delusione di questo inizio Mid-Season. D’altronde il girone unico con partite secche è sempre un terno al lotto ma questa volta i FW hanno davvero rischiato grosso. Nonostante il game strappato agli SKT, sono andati sotto 0-2 con i cinesi WE e con i G2, perdendo game alla loro portata. Arrivati a pari punti con G2 e TSM, hanno dovuto conquistare l’accesso alla semifinale nello spareggio con i nord americani. Si può fare di più.

 

TSMVincitrice dell’NALCS (Nord America)

Come ormai ci hanno abituato negli ultimi eventi internazionali, anche in questo caso i TSM non riescono a passare il girone. Quella alle Bo1 sembra essere un’allergia difficile da superare. Soprattutto quando tre componenti del team, il jungler e la coppia della corsia inferiore, sembrano del tutto assenti e rimasti a casa. Vincono con (dis)onore il premio “G2 Vacation 2017” per (im)meritati crediti esportivi all’Mid-Season Invitational. In vista dei prossimi mondiali avranno bisogno di capire come superare il blocco girone: o, almeno, aggirarlo.

 

GIGABYTE MarinesVincitrice della GPL (Vietnam)

Arrivati senza ambizioni, senza nulla da perdere: sono i vincitori morali di questa edizione. Hanno sorpreso Flash Wolves, TSM e G2, “rischiando” di lo sgambetto ai danni di WE e SKT. Escono a testa alta nonostante le sette sconfitte e le sole tre vittorie. La loro regione avrà adesso un posto già garantito ai mondiali di ottobre in Cina. Potremmo ritrovarli tra qualche mese e non è detto che la prossima volta sarà altrettanto facile per gli avversari.

 

Le semifinali

Gli SKT, primi nel girone, affronteranno i FW, quarti. Una partita che sulla carta appare scontata con la vittoria dei coreani. Eppure i taiwanesi Flash Wolves hanno già dimostrato di poter avere la meglio sui detentori del titolo e in una Bo5 non è un’impresa impossibile. Solo molto improbabile. Dalla loro gli SKT sono sembrati sicuri di se, forse anche troppo: non è detto che riescano a mantenere la concentrazione per tutto questo tempo. Non succede, ma se succede…

 

La seconda semifinale vedrà invece scontrarsi G2 Esports e Team WE. I cinesi partono con un leggero vantaggio, avendo sconfitto per due volte su due i G2 nel girone. Eppure la Bo5 potrebbe paradossalmente favorire gli europei, più a loro agio sulla lunga distanza. L’adattamento rapido ai cambi di strategia tra un game e l’altro fanno parte del loro DNA: senza dimenticare che adesso avranno molte più informazioni e statistiche su cui lavorare.

 

Appuntamento dalle 20.00 di venerdì 19 maggio in diretta da Rio de Janeiro: lo spettacolo competitivo di League of Legends.

 

LoL Esports: Calendario

Image credits to Riot Esports

(87)

Francesco Lombardo Matematica e Fisica sono la mia religione. Ho trasformato la passione per i videogiochi in una nuova professione: l'eSports reporter. Ho iniziato a oc... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI