Phoenix1 vs Cloud9: è Ryu la chiave per la finale del campionato NA

Phoenix1 vs Cloud9: è Ryu la chiave per la finale del campionato NA

Phoenix1 vs Cloud9: è Ryu la chiave per la finale del campionato NA

128
0

Nel 2013 arrivò la consacrazione definitiva per colui che sarebbe stato considerato da quel momento in avanti il miglior giocatore di League of Legends: Lee “Faker” Sang-hyeok. Il coreano tra i coreani che, nonostante leggerissimi alti e bassi, ha sempre giocato al di sopra di qualsiasi avversario, meritandosi il soprannome di Unkillable Demon King. Tre campionati del mondo, cinque titoli del campionato coreano, l’IEM Katowice e il Mid-Season Invitational: un palmares invidiabile e probabilmente irraggiungibile.

What if

Faker però gioca in Corea: qual è il nesso con il campionato nord americano? L’anello di congiunzione è Yoo “Ryu” Sang-ook, il connazionale dal cognome simile che è stato il vero artefice dell’ascesa di Faker. Il destino ha voluto che fosse Ryu il creatore inconsapevole della nascita di una stella: uno scontro di abilità in un match valido per la qualificazione mondiale che ha sancito la vittoria di Faker. Uno scontro che sarebbe potuto andare diversamente e porre Ryu sul trono del migliore.

L’esodo

La storia ha deciso diversamente e Ryu ha dovuto ricominciare da un’altra regione il suo percorso competitivo, costretto a riguadagnarsi il rispetto degli avversari partendo dall’Europa. Brevi esperienze nei Millenium e nei Roccat, prima di entrare negli H2K e rimanervi per quasi due anni. Un lasso di tempo culminato con la semifinale mondiale del 2016, persa contro i Samsung Galaxy. Un ciclo che si è chiuso e che ha condotto Ryu a volare oltre oceano per raggiungere il suo attuale team in Nord America: i Phoenix1, adesso alla vigilia della sfida decisiva contro i Cloud9 per accedere alla finale del campionato.

l6eeyv6

Image credits to LoL Esports

La strada per la finale

Proprio Ryu potrebbe essere l’ago della bilancia nella prima semifinale dei playoff nord americani di League of Legends. La sua prestazione contro i Dignitas ai quarti ha permesso ai P1 di ottenere un secco 3-0, grazie anche al ritorno da titolare di Inori in giungla e all’ingresso più che positivo di Stunt in squadra. La certezza della squadra è rappresentata dal tiratore Arrow, eletto il migliore nel suo ruolo. Risultato scontato, quindi? Per nulla. I Cloud9 non sono certo i Dignitas, principalmente come gruppo. I C9 rappresentano l’esempio concreto dello strano fenomeno che avviene quando il valore della squadra è superiore alla somma dei singoli.

Presi individualmente ruolo per ruolo i giocatori dei C9 sono probabilmente inferiori ai P1, fatta eccezione per la corsia superiore in cui Impact è ancora qualche spanna sopra Zig. Dislivello controbilanciato dalla situazione in corsia inferiore dove, come già accennato, Arrow è padrone assoluto; parità, infine, tra Inori e Contractz in giungla. Per questo motivo il destino del match sarà principalmente deciso dall’esito della corsia centrale: ovvero dalla sfida tra Ryu e Jensen.

zk3lljw

Credits to Cloud9

Eppure, presi come gruppo, i Cloud9 potrebbero non avere rivali ed è per questo che restano favoriti per la vittoria della semifinale. Merito dell’head coach Han-Gyu “Reapered” Bok, la mente dietro i successi dei C9 negli anni recenti. Pur immaginando che i P1 riescano a prendere vantaggio nelle fasi iniziali di gioco, risulta davvero difficile credere che i C9 rimangano inermi. Probabile, come già accaduto, che mettano in pratica una strategia a testuggine: ripararsi nei momenti di massima pressione degli avversari, in attesa di un loro errore.

I precedenti parlano di una vittoria a testa per 2-0 nella regular season. Il format “al meglio delle cinque” allarga il range di risultati possibili ma il più probabile resta il 3-2 in favore dei Cloud9.

Pensionati vs TSM

La seconda semifinale sarà invece la sfida tra i FlyQuest e i Team Solo-Mid. I primi non sarebbero mai dovuti arrivare fino a un passo dalla finale. Almeno secondo le aspettative della vigilia del campionato. Una neopromossa in cui giocano le vecchie glorie della regione a cui pochissimi avevano dato credito. I TSM, invece, hanno l’obbligo di arrivare in finale per la loro lunga storia di dominatori della scena competitiva nord americana. Eppure questi FLY sono gli stessi che come C9 riuscirono a porsi come unica diga allo strapotere dei TSM.

L’impresa è possibile ma sulla carta non sembrano esserci speranze: i FLY potrebbero anche vincere il primo game ma soccomberanno poi nei tre successivi per il 3-1 finale in favore dei TSM.

Image credits to Riot Esports

(128)

Francesco Lombardo Matematica e Fisica sono la mia religione. Ho trasformato la passione per i videogiochi in una nuova professione: l'eSports reporter. Ho iniziato a oc... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI