Torna la F1 Esport Series: ma la Ferrari resta fuori

Torna la F1 Esport Series: ma la Ferrari resta fuori

Torna la F1 Esport Series: ma la Ferrari resta fuori

97
0

La nuova stagione di Formula1 è appena partita con la splendida vittoria di Sebastian Vettel in Australia. Un risultato che getta le basi per un avvio di campionato promettente in casa Ferrari. Quest’anno, però, non sarà l’unica competizione che vedrà impegnate le scuderie: l’azienda che gestisce il circus ha infatti annunciato il ritorno anche per il 2018 della F1 Esport Series, il campionato parallelo virtuale con i migliori videogiocatori di simulatori di guida.

La novità della nuova edizione è che ogni giocatore, come accade nella NBA 2K League o nei campionati europei di FIFA, rappresenterà ufficialmente una scuderia e non un’organizzazione eSport. McLaren, Mercedes, Red Bull, Force India, Renault: tutte avranno i loro simdriver ufficiali che competeranno per un montepremi totale di 200.000 dollari. La prima chiara conseguenza di questa scelta è che i giocatori sotto contratto con le varie squadre di eSports sono automaticamente fuori dalla competizione; a meno di rescindere il contratto che li lega a loro per essere poi scelti da un team di Formula 1.

Visti i movimenti degli ultimi mesi risulta altrettanto chiaro che molti team erano stati avvisati delle modifiche alla competizione. A febbraio a muoversi sono stati i Vitality, squadra francese in cui milita anche l’italiano Daniele “Jiizuké” Di Mauro su League of Legends, stringendo un accordo di partnership con la Renault: principalmente per competere su Rocket League, ufficiosamente per partecipare alla F1 Esports Series. Così come Fernando Alonso che già a novembre aveva unito a doppio filo la Logitech, azienda informatica e sponsor della McLaren, con i G2 Esports, una delle più importanti realtà eSport europee, creando il team FA Racing G2 Logitech.

Resta però da capire se e come i piloti virtuali ingaggiati prima dell’annuncio potranno partecipare o meno con una delle scuderie reali. Per molte realtà eSports il format scelto è indubbiamente un danno economico: dovranno rinunciare ai propri piloti ma, soprattutto, alla possibilità di rivedere i propri investimenti tornare indietro. Dal punto di vista della F1, invece, è il modello perfetto di business per rinforzare il proprio brand e quello delle scuderie: una strategia di marketing che, anziché creare qualcosa di nuovo, punta a potenziare un sistema già esistente e a espanderlo sia su un nuovo mercato, quello eSport, che verso un nuovo audiance, quello più giovane dei Millennials e della generazione Z. L’incognita, tuttavia, è il modello stesso, mai testato prima. La NBA 2K League ad esempio, il campionato parallelo virtuale NBA strutturato in modo simile, è appena agli inizi e non ha ancora dati certi da analizzare su cui basarsi.

In generale stiamo assistendo a un trend molto simile nei diversi mercati sportivi. Gli organizzatori, piuttosto che includere le realtà eSport nelle competizioni di videogiochi, tendono a escluderle. La scena simracing, che raccoglie tutti i piloti di simulatori e i vari tornei a loro dedicati, presente anche in Italia con SimRacing Zone e SimRacing Academy, tra gli altri, esiste da vent’anni e in questo periodo di tempo è cresciuta, si è data una struttura e si è sviluppata come uno dei protagonisti della scena eSport mondiale. I simdriver si sono fatti un nome, hanno i loro tifosi e le comunità che li sostengono. Escluderla potrebbe addirittura provocare l’effetto opposto a quello ricercato dal circus della F1: creare una frattura ancora più netta tra il mondo delle macchine reali e quello delle macchine virtuali.

L’unica certezza al momento è che non vedremo la Ferrari nel nuovo campionato eSport. La scuderia di Maranello è stata l’unica tra le dieci squadre di Formula 1 a decidere di non partecipare. Forse troppo impegnata a inseguire il titolo piloti reale che manca da troppo tempo?

Image credits to F1 Esport Series @GFinity Flickr

(97)

Francesco Lombardo Dal 2014 racconto il mondo dell’esport attraverso personaggi, eventi e tornei. Sia sotto il profilo geografico, con notizie dall’Italia e dall’e... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI