Finale Super Rugby 2018: sabato sarà di nuovo Crusaders-Lions

Finale Super Rugby 2018: sabato sarà di nuovo Crusaders-Lions

Finale Super Rugby 2018: sabato sarà di nuovo Crusaders-Lions

224
0

Per il secondo anno di fila, il più importante trofeo per club dell’emisfero sud, sarà messo in palio nel match fra gli neozelandesi dei Crusaders campioni in carica e padroni di casa e i sudafricani dei Lions che sulla carta, e nelle quote SNAI, partono già battuti. Ma il rugby sappiamo bene, può regalarci sempre grandi sorprese. Scoprite con me quello che c’è da sapere per scommettere al meglio su SNAI sulla finale del Super Rugby 2018 in programma sabato.

ALBO D’ORO SUPER RUGBY – Nato nel 1995 e quindi storicamente giovane, questo torneo rappresenta il top del top per l’emisfero sud. La conformazione e il regolamento è cambiato diverse volte fino ad assumere l’odierna forma: 15 team divisi fra Argentina, Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Sudafrica che si sfidano in una regular season formata da 4 conference con relativi playoff a scontro diretto. La tradizione ha sempre visto in finale una coppia di team dei big three con i neozelandesi dei Crusaders a farla da padroni con 8 vittorie totali. Dominio schiacciante visto che la seconda squadra con la bacheca più ricca di Super Rugby Trophy è un’altra “maori” ovvero i Blues di Auckland con 3 successi. Lo scorso anno i “crociati” sbancarono Johannesburg con una vittoria 27-17, decisamente più netta di quando non disse il tabellino finale, grazie alle mete di Taminivalu, Goodhue e Read e alle trasformazioni di Mo’hunga.

QUI CRUSADERS – Come detto i Crusaders sono dei veri cannibali per quanto riguarda questa competizione. La squadra non solo è oggettivamente la più forte (vedi il record di 14-2 in stagione regolare un percorso praticamente perfetto ma potrà contare anche sul fattore campo nella finale di sabato. Il calore dei 18mila dell’AMI Stadium di Christcurch saranno un fattore ulteriore che fa pendere ancora di più l’ago della bilancia a favore dei neozelandesi. Come dicevamo percorso perfetto nei playoff per i ragazzi di coach Ropbertson che hanno imposto la legge di casa sia nel 40-10 sugli Shark che nel 30-12 sugli Hurricanes. Roster quasi esclusivamente indigeno con le eccezioni degli avanti Alaalatoa e Jager e dei traquarti Macilai e Mataele.

QUI LIONS – Nati nel 1997, un anno dopo la fondazione dei Crusaders, i Lions si sono fatti notare nel Super Rugby solo negli ultimi anni arrivando a raggiungere per la terza volta di fila la finale. Evitare un’altra sconfitta però, sarà davvero dura visto che nessuna squadra sudafricana ha mai battuto nella storia di questa competizione una neozelandese nel proprio stadio. Stagione tortuosa per i rossi di Johannesburg che prima riescono a vincere la conference nonostante lo stesso record egli argentini dei Jaguares e poi fanno quadrato battendo proprio questi ultimi nei quarti e sfruttando il fattore campo anche nello spettacolare 44-26 casalingo sugli australiani dei Waratahs. Anche qui rosa praticamente tutta indigena per coach De Bruin con unica eccezione il tre quarti congolese Tambwe.

OFFERTA E QUOTE SNAI SULLA FINALE – Troppi i fattori che giustificano il grande vantaggio in lavagna per i Crusaders: più completi in ogni reparto, più esperti. Col fattore campo a favore e con una tradizione che parla di 8 vittorie e una sola sconfitta nei 9 precedenti storici fra queste dei franchigie. Inevitabile quindi la quota SNAI di 1,06 nell’1×2 col pareggio a 30 e la vittoria ospite a 8,25. Quote che portano ad un handicap di partenza per i neozelandesi di 18 punti. Per quanto riguarda il margine di vittoria, la fascia 16-20 a 5,75 è quella al momento più probabile. Vi ricordo che il match sarà giocabile non solo pre match ma anche LIVE con kick off a partire dalle ore 9,35 del mattino (orario italiano).

Gioca d’anticipo! Su SNAI puoi già scommettere sugli antepost della prossima stagione.

Gioca responsabilmente!

Credits: Getty Images

(224)

Marco Perciabosco Nato a Milano e per questo indottrinato fin dalla nascita da mio padre alla "malattia" per Inter e Olimpia. La passione e l'amore per il football amer... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI