NFL – New England Patriots, Houston Texans e molto altro. Uno sguardo alla AFC

NFL – New England Patriots, Houston Texans e molto altro. Uno sguardo alla AFC

NFL – New England Patriots, Houston Texans e molto altro. Uno sguardo alla AFC

108
0

La stagione NFL si sta finalmente riavvicinando, mancano ormai meno di 20 giorni all’inizio dei giochi ufficiali e le premesse per una grande stagione sono tante. È stata una offseason incandescente e ricca di colpi di scena, a partire dalla tarda primavera/inizio estate, periodo durante il quale abbiamo assistito alle combines ed al Draft. Ci sono stati anche numerosi scambi e moltissimi ritiri illustri, non vedremo più giocare leggende come Peyton Manning, Charles Woodson e Calvin “Megatron” Johnson giusto per citarne alcuni, i “gridirons” ci sembreranno un po’ più vuoti e tristi, li rivedremo tra qualche anno nella Hall of Fame. Favorita al titolo parte New England, esattamente come lo scorso anno. Privi di Tom Brady nelle prime quattro partite della stagione a causa dello “scandalo” deflate-gate, i patriots cercheranno di non fare figuracce: guidati da Jimmy Garoppolo, QB che comunque si è sempre fatto trovare pronto quando richiestogli, i Pats non dovrebbero avere problemi a superare questo primo ostacolo della loro stagione abbastanza indenni. Seguono come co-seconde favorite i Panthers, i Seahawks, i Packers e, un gradino sotto, gli Steelers (una delle mie squadre favorite, ma ne parleremo più nello specifico nelle prossime settimane). In ogni caso, sembra banale dirlo,  le stagioni cominciano con il record di 0-0 per qualunque squadra e non è detto che necessariamente le franchigie che si sono distinte positivamente l’anno precedente si debbano per forza riconfermare. Alcune squadre sorprenderanno, altre falliranno. E’ sempre stato così e, anche per quest’anno, le cose non cambieranno. Amiamo questo sport anche per questo.

Ma vediamo più da vicino le due conference, cominciando dalla AFC:

La AFC North, sulla carta, sembra una delle divisions più competitive, se non la più competitiva dell’intera lega (incognita Browns a parte). Gli Steelers e i Bengals sono due squadre da 10+ vittorie in regular e i Ravens si candidano quest’anno come spauracchio generale dopo una offseason di livello con molte acquisizioni importanti nella offensive line ed un paio di rientri illustri nel passing game. SI giocheranno anche loro un posto nei playoffs. E i Browns? C’è RGIII che in preseason sta facendo grandi cose, Josh Gordon è rientrato dopo lo scandalo marijuana dello scorso anno, una branca di nuovi rookies guidati dal talentuosissimo Corey Coleman in zona wideout sono pronti a farsi vedere, c’è sempre anche il TE Gary Barnidge. Fin qui tutto bene. Ma la difesa? È da rivedere. Insomma, rovineranno la domenica di qualche squadra di cartello, ma niente più.

La AFC South sarà la division che seguirò con più attenzione quest’anno (dopo quella dei miei Niners ovviamente) in quanto ci sono due squadre che mi intrigano molto (i Texans ma soprattutto i Jaguars). Tecnicamente questa dovrebbe essere la divisione in cui Andrew Luck ed i suoi Colts vinceranno senza problemi. Io non credo. La miglior squadra nel suo insieme è Houston secondo il mio punto di vista, hanno in Osweiler un QB potenzialmente molto affidabile, ottimi ricevitori (tra i migliori dell’intera lega), una offensive live solidissima ed un’altrettanto solida linea difensiva che non ha niente da invidiare a nessuno. Possono tranquillamente raggiungere le 10 vittorie in stagione regolare e giocarsela nei playoffs. Jacksonville, dal canto suo, è in forte crescita ed è una squadra sulla quale punto molto in questa American Conference, sorprenderà in positivo, ne sono fermamente convinto da mesi ormai. È una squadra giovane e dinamica sia in attacco che in difesa e che ho già avuto modo di commentare ampiamente in un paio di articoli precedenti che invito a rileggere. Spero possa giocarsela con Indianapolis per un secondo posto nella South e buttare un occhio ai playoffs. Ci sono anche i Titans, li vedo al momento ultimi, ma non spacciati. Hanno sicuramente qualcosa da dire, magari non da quest’anno. Il percorso intrapreso è molto simile a quello dei Jaguars, con meno talento complessivo sulla carta ma con margini di miglioramento evidenti: 4-5 vittorie in stagione quest’anno direi che sono alla loro portata.

Veniamo alla AFC East. Riusciranno i Patriots a riconfermarsi padroni della division per l’ennesimo anno consecutivo? La risposta è si. Ma i Jets spaventano, specialmente dopo aver visto cosa sono stati in grado di fare la scorsa stagione, e adesso c’è anche Matt Forte in zona backfield, un innesto enorme. Mi stuzzica anche l’idea di una discreta stagione da parte dei Dolphins, ma qualcosa al momento mi frena. Mi aspettavo più fisicità e più consistenza in difesa la scorsa stagione, ma le cose non sono andate come mi ero immaginato. Adesso però c’è Adam Gase ed il trend potrebbe cambiare: sarà in grado di far fare quell’ulteriore passettino in avanti a Ryan Tannehill, portarlo nell’elite dei grandi quarterbacks e ridare identità ad una difesa che potenzialmente è una delle più concrete? La stagione ce lo dirà ed il mio piede su quel famoso freno potrebbe improvvisamente togliersi.

E qui viene il bello. Sono passati molti anni dall’ultima volta in cui i Denver Broncos non sono partiti come favoriti al titolo della AFC West. Siamo nuovamente in quella situazione ed il motivo fondamentale ha un nome ed un cognome: Peyton Manning. Come detto all’inizio del pezzo, il ragazzone di New Orleans si è ritirato lasciando il posto ad Osweiler …ah no… Brock si è trasferito in Texas abbandonando i campioni in carica al proprio destino. Insomma, non proprio una bellissima situazione nel reparto offensivo della franchigia del Colorado, ballottaggio quindi tra Mark Sanchez e Paxton Lynch …pausa scenica. Qualcosa, almeno in attacco, dovrà inevitabilmente essere rivisto. Favoriti sono i Kansas City Chiefs ma, il vero team da tenere d’occhio è Oakland: sono giovani, sono forti, fanno paura. Derek Carr, Amari Cooper, Khalil Mack e tutte le nuove e numerose acquisizioni della offseason sono pronte a raccogliere la sfida. Ottima stagione lo scorso anno fino alla giornata 8, poi l’inevitabile calo a causa della mancanza di “profondità”. Quest’anno sarà un’altra storia. Punto su di loro qui.

 

(Credits: Lapresse)

(108)

Nicola Tomei Sono Nicola, per gli amici (ma anche per i nemici) Bocchio, lucchese di nascita ma californiano d’adozione, ho vissuto la mia prima gioventù tra la Toscana e la Bay Area (e tutto’ora lo faccio). Sono cresciuto in una famiglia di ciclisti (ho anche praticato per tanti anni) e, conseguentemente, il mondo delle due ruote è una parte importante della mia vita. Conosco bene il significato della parola “Sacrificio”. Ho vissuto da vicino sala stampa e spogliatoi dei San Francisco Giants, sono un tifoso di tutte le franchigie della Baia (Warriors, Giants, Niners, Sharks), scrivo, canto, rappo e il mio idolo è Rafer Alston. Ho un punteggio Ielts Band 9. Sono uno sneakerhead. Ho cenato due volte con Carlos Santana e una volta ho fatto la spesa con George Lucas. Say Who, Say What, Say Where, SAY HEY!

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI