Volley, undicesima giornata di Superlega.

Volley, undicesima giornata di Superlega.

Volley, undicesima giornata di Superlega.

15
0

L’undicesima giornata della Superlega ha regalato due risultati assolutamente a sorpresa, con due delle principali pretendenti alla conquista del prossimo scudetto sconfitte sul campo di due squadre interessanti ma certo non competitive per i vertici della classifica. Civitanova è stata battuta con un netto 3-0 a Busto Arsizio ad opera di una Revivre che da quando ha recuperato il bomber olandese Abdel-Aziz ha ritrovato gioco e fiducia nel gruppo: poche ore dopo questo brutto scivolone, che ha fatto seguito alla recente sconfitta nella finale del Mondiale per Club in Polonia, il tecnico biancorosso Giampaolo Medei ha rassegnato le dimissioni. La società marchigiana sta decidendo chi sarà il nuovo tecnico: le voci più insistenti sono quelle dell’ex ct azzurro Mauro Berruto e dell’ex biancorosso Boban Kovac, ct della Slovenia nel recente Mondiale. Inatteso pure il passo falso di Perugia in quel di Padova, dove il sestetto di Baldovin ha trovato nel regista Dragan Travica il fulcro ispiratore del proprio attacco: 3-1 il punteggio finale, con Luigi Randazzo che però si è purtroppo infortunato al crociato del ginocchio destro nel corso del quarto set. I campioni d’Italia restano comunque in vetta alla classifica in solitaria a quota 28, inseguiti a due lunghezze da Modena: la formazione di Julio Velasco ha faticato cinque set prima di domare una Siena che sta crescendo giornata dopo giornata e ha trovato il suo trascinatore nell’opposto cubano Hernandez, autore di 26 punti. Molto bene Trento, salita al terzo posto in virtù della bella affermazione colta a Ravenna con un Simone Giannelli praticamente perfetto in regia e tutti gli attaccanti regolarmente a segno (Kovacevic e Russell 15 punti a testa , Lisinac 13). Salutare successo di Verona a Vibo Valentia: è finita 15-10 al tie break nonostante il marocchino Al Hachdadi abbia messo a segno 37 punti per la Tonno Callipo, eccellente bottino che lo consacra al primo posto nella classifica dei migliori realizzatori con 263 punti. Ennesimo passo falso invece per Castellana, piegata 3-2 a domicilio ad opera di Monza: adesso la panchina di Paolo Tofoli è a rischio e si vocifera l’arrivo di Vincenzo Di Pinto, il “Mago di Turi”.

SCANDICCI A SPRON BATTUTO. Nella nona giornata di A1 femminile è stata caratterizzata dall’impresa di Scandicci contro Conegliano: le ambiziose toscane di Carlo Parisi hanno superato 3-1 le campionesse d’Italia trovando in Isabelle Haak il suo principale terminale offensivo (29 i punti per la svedese). In vetta al gruppo resta Novara nonostante le piemontesi abbiano osservato un turno di riposo: in ritardo di 3 lunghezze si trova la coppia Scandicci-Busto Arsizio: le farfalle di Marco Mencarelli non si arrestano e continuano a stupire tutti. L’ultima vittima è Brescia, battuta 3-1 a Montichiari con un’eccellente prova del collettivo bustocco (Gennari 19, Pisani14). Da mettere in evidenza il primo punto stagionale per Chieri, pur piegata in casa 3-2 ad opera di Bergamo, che continua il suo momento di grazia. Miglior realizzatrice è sempre la tedesca Lippman con 175 punti: 14 li ha messi a segno domenica al Centro Pavesi di Milano nella vittoria per 3-0 della sua Firenze per contro il Club Italia, adesso ultimo in classifica insieme a Chieri. Lunedì sera nel posticipo nessun problema per una frizzante Monza contro Casalmaggiore. L’ultima nota riguarda Giovanni Guidetti: il bravissimo allenatore modenese ha trionfato per la terza volta nel Mondiale per Club femminile con il suo Vafikbank Istanbul: in finale a Shaoxing in Cina ha domato per 3-0 le brasiliane del Minas Telin Clube guidate da Stefano Lavarini. I nostri tecnici sono davvero i migliori nel firmamento interazionale.

Buona pallavolo a tutti!

(Credits: Getty Images)

(15)

Lorenzo Dallari Autore SNAI che tratta la pallavolo, con le quote presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI