Vuelta de España | Roglič punta al bis

Vuelta de España | Roglič punta al bis

Vuelta de España | Roglič punta al bis

33
0

Dopo la prima settimana in giro per la Spagna a comandare la classifica generale c’è il colombiano Carapaz che ieri durante la prima vera tappa di montagna ha strappato la maglia rossa a Primož Roglič.
I due si daranno battaglia facendo terra bruciata attorno a loro o ci sono outsiders che possono inserirsi durante le prossime due settimane?

CARAPAZ IN ROSSO ROGLIČ IN DIFFICOLTÀ SUI PIRENEI
Il campione in carica e il vincitore del Giro 2019 erano i grandi favoriti d’obbligo alla partenza di questa Vuelta e lo sono ancora, dopo la prima settimana di gara. Ma dopo le prime 5 tappe di studio, per lo più collinari, ieri durante la la prima tappa sui pirenei il colombiano ha attaccato e Roglič (già scottata dalla sconfitta nel recente Tour contro il connazionale Pogacar), ha faticato e non poco. Carapaz ora ha un minuto di vantaggio sul rivale ed è passato a tutti gli effetti, secondo gli addetti ai lavori favorito anche se di poco, sul iridiato Roglič.
Lo spagnolo Mas Nicolau (l’ultimo iberico a vincere la Vuelta è stato Contador nel 2014), il britannico Carthy (sulle orme dei vari Froome 2017 e Yates 2018) e l’irlandese Martin Daniel (vincitore della tappa 3) sono i possibili outsiders in una sfida che potrebbe quindi non essere solo a due.

LE INCOGNITE DEL COVID DURANTE LE PROSSIME DUE SETTIMANE
La convinzione che questa Vuelta non sia solo un affare fra Carapaz e Roglič ci arriva dopo aver visto quanto successo al Giro d’Italia. Meteo e soprattutto covid hanno messo fuori gioco ad uno ad uno i principali favoriti alla vittoria finale: Thomas out per incidente, Yates per positività al tampone e Nibali ha chiuso solo settimo. A vincere è stato contro ogni pronostico Geoghegan Hart che non era certo fra i papabili al trionfo prima dell’inizio del Giro, seguito da un altro underdog Hindley e da Kerlderman con Almeida che ha tenuto la maglia rosa per ben 16 giorni. Insomma, gli imprevisti potrebbero essere dietro l’angolo anche alla Vuelta ecco perché non è escluso che nelle prossime 12 tappe possa succedere davvero di tutto.

CHI VINCE LA SETTIMA TAPPA?
Dopo l’affanno all’arrivo all’Aramon Formigal, Primož Roglič deve dimostrare a tutti che quello è stato solo un piccolo appannamento. Il giorno di riposo buon avergli fatto bene ma la cattiveria agonistica di Carapaz sui Pirenei è stata già un fattore. Nella tappa collinare di domani da Vitoria a Villanueva de Valdegovia, non dovrebbero esserci particolari stravolgimenti di classifica anche se il Puerto de Orduna (salita di categoria ripetuto due volte) potrebbe essere selettivo. Roglič, chiamato a rispondere a Carapaz è il favorito per questa tappa, ma dietro di lui ci sono una manciata abbondante di rivali tutti molto accreditati tutti dal nome pesante: da Sanchez Gil a Faria da Costa, da Wellens, a Formolo, passando per Woods, Martin o lo stesso Izaguirre. Nello specifico lo spagnolo dell’Astana potrebbe fare bis dopo la vittoria nella sesta tappa. Ci riuscirà?

(Credits: Getty Images)

(33)

Marco Perciabosco Nato a Milano e per questo indottrinato fin dalla nascita da mio padre alla "malattia" per Inter e Olimpia. La passione e l'amore per il football amer... VAI ALLA PAGINA AUTORE