Worlds 2018: alla scoperta delle prime qualificate al mondiale di League of Legends

Worlds 2018: alla scoperta delle prime qualificate al mondiale di League of Legends

Worlds 2018: alla scoperta delle prime qualificate al mondiale di League of Legends

246
0

Dall’1 ottobre al 3 novembre si disputeranno i mondiali di League of Legends con le migliori squadre provenienti da tutto il mondo che si incontreranno in Corea del Sud, patria degli esports, per conquistare il titolo iridato. Titolo che da cinque stagioni è saldamente in mano al paese ospitante: tre titoli per gli SK Telecom T1 di Faker, 2013, 2015 e 2016, e due per i Samsung Galaxy nel 2014 e 2017. Una vittoria a testa per l’Europa, con i Fnatic nel 2011, e per Taiwan con i Taipei Assassins l’anno successivo.

Due le fasi principali del mondiale: 12 squadre si qualificano direttamente per la fase a gironi mentre altrettante 12 si sfidano nella fase preliminare di Play-In. Delle prime 12 fanno parte due squadre a testa per ogni regione maggiore: Europa, Cina, Nord America e Taiwan/Macao/Hong Kong per un totale di otto. Tre ne ha invece di diritto la Corea del Sud per i risultati competitivi ottenuti nel corso degli anni precedenti. L’ultimo posto è invece riservato al Vietnam, regione che negli ultimi due anni ha mostrato una crescita esponenziale a livello competitivo. Le terze qualificate delle regioni maggiori affiancano le vincitrici delle leghe minori nel Play-In: parliamo di Brasile, Cina, Giappone, America Latina Nord e Sud, Oceania, Sud-Est Asiatico e Turchia.  Dalle iniziali 12 solo quattro passano alla fase a gironi che rappresenta il cuore del mondiale vero e proprio.

Per qualificarsi è necessario vincere lo split estivo o accumulare il maggior numero di Championship Points, guadagnati in base ai piazzamenti ottenuti tra lo Spring e il Summer split. O, come corsa finale, vincere il Torneo Regionale che mette in palio l’ultimo posto utile.In sedici hanno già strappato il biglietto per la Corea: è il momento di conoscerle meglio.

 

LCK – Champions Korea

Le squadre coreane farebbero di tutto per partecipare al mondiale casalingo. Soprattutto se quest’anno mancheranno i rivali di sempre nella corsa al titolo. La prima certezza è che una tra Samsung, migrati sotto il nome di GENG, e SKT non sarà al mondiale. I detentori del titolo 2017 e i tre volte campioni saranno la prima sfida del tabellone a eliminazione diretta per decretare la terza squadra qualificata ai Worlds.

A seguire, nella scalata verso la qualificazione, troveranno prima i Griffin, finalisti del Summer Split 2018, e successivamente i KingZone, verosimilmente la terza forza del campionato. Nella loro storia gli SKT solo una volta non sono riusciti a qualificarsi per il mondiale: proprio quando fu disputato in Corea.

Già qualificati invece i KT Rolster, vincitori del Summer Split al termine di una finale combattutissima contro i Griffin, alla loro prima esperienza nella serie maggiore, e gli Afreeca Freecs, squadra con più Championship Points.

 

NALCS – Nord America

Complice il declino dei TSM e la mancata alternativa reale al loro strapotere, il Team Liquid ha monopolizzato la stagione nordamericana vincendo sia lo Spring che il Summer Split. Qualificazione più che meritata per la squadra di Pobelter e Doublelift, l’unica capace di emergere dal caos derivante dal passaggio al franchising in cui più di una realtà competitive si è persa. I Cloud9, almeno, sono riusciti a ritrovarsi, conquistando la presenza alla finale estiva: persa, però, 3-0. Risultato non sufficiente per ottenere la qualificazione diretta al mondiale, conquistata dagli 100 Thieves in virtù del maggior numero di punti circuito guadagnati.

I Cloud9 dovranno conquistarsi il mondiale attraverso il Regional, partendo dalla cima: per loro sarà una singola partita a decretare la qualificazione o meno. Dal fondo dovranno invece partire Echo Fox e Clutch Gaming: favoriti i secondi ma contro i TSM servirà un’impresa. La squadra nordamericana non ha mai fallito l’appuntamento con il mondiale nelle ultime edizioni e non vorrà rinunciarvi proprio quest’anno. Le difficoltà però sono oggettive e la stagione martoriata appena vissuta non li pongono superiori ai Cloud9. Ai playoff di fine stagione fu una vera battaglia, terminata solo all’ultimo e decisivo quinto game. Per un posto al mondiale non ci aspettiamo nulla di meno.

 

CBLoL – Brasile

È un ritorno quello dei brasiliani Kabum! eSports al mondiale di League of Legends. A distanza di quattro anni timbreranno il cartellino dei World nello stesso paese in cui ottennero la loro prima storica qualificazione. Nel 2014 arrivano ultimi nel girone ma lasciarono la loro impronta nella memoria di tutti vincendo contro gli Alliance, campioni d’Europa in carica. Una vittoria storica per un team brasiliano che rimane tuttora negli annali di League of Legends.

 

CIS – Russia e dintorni

La lega che racchiude la Russia e gli stati limitrofi aderenti alla Comunità degli Stati Indipendenti vede da ormai due anni il dominio dei Gambit Esports, realtà storica della scena competitiva internazionale. Del quintetto originale che stupì prima il mondo e poi l’Europa, capace di tenere testa ai coreani, troviamo il support Edward e il jungler Diamondprox. Nel 2017 non riuscirono a ottenere alcuna vittoria nel Play-In: peggio di così non potranno certamente fare quest’anno.

 

LLN – America Latina del Nord

È del Costa Rica la squadra qualificata della regione centrale americana. La prima del piccolo stato a ottenere il pass del mondiale come vincitrice dell’ultimo campionato disputato. Del Costa Rica però, come giocatori, nemmeno l’ombra. Tre peruviani, un venezuelano, un messicano e un colombiano sono i titolari della squadra che in finale di lega hanno superato per 3-2 i Dash9 Gaming. Tuttavia per loro al mondiale si profila un ruolo da comparsa: il Play-In sarà l’unico obiettivo plausibile.

Le squadre qualificate non sono terminate: nei prossimi giorni la carrellata proseguirà per conoscere meglio le formazioni che per un mese saranno protagoniste del mondiale. Ovviamente sempre su SNAI.

 Photo credits to Riot Esport @Flickr

(246)

Francesco Lombardo Matematica e Fisica sono la mia religione. Ho trasformato la passione per i videogiochi in una nuova professione: l'eSports reporter. Ho iniziato a oc... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI