FINALE EUROCUP, 5 FATTORI “PRO” VIRTUS

FINALE EUROCUP, 5 FATTORI “PRO” VIRTUS

FINALE EUROCUP, 5 FATTORI “PRO” VIRTUS

227
0

Questa sera alla Segafredo Arena di Bologna, davanti al pubblico amico, la Virtus ha la grande opportunità di aggiudicarsi con la finale di Eurocup il suo sesto trofeo internazionale, tornando così alla vittoria dopo aver alzato la Champions League del 2018/2019. La cenerentola Bursaspor, che pur ha fatto miracoli in questi playoff, non può e non deve fare paura. Ecco perché.

 

LA STORIA

Basterebbe citare gli 85 anni di differenza dalla fondazione (1929 per le V nere, 2014 per i neonati biancoverdi di Turchia) e il bilancio di 32 trofei vinti a zero per capire la differenza di peso specifico nel basket continentale fra la Virtus e il Bursaspor. I campioni d’Italia in carica, che stanno provando la rincorsa a questa Eurocup per il quarto anno di fila, ora hanno la grande occasione di mettere una nuova coppa nella loro già ricca bacheca. Evidente il gap di esperienza anche in panchina: da una parte c’è il veterano Scariolo, head coach capace di vincere tutto quello che si poteva in Europa fra club e nazionali e con esperienza in NBA; dall’altra c’è il giovanissimo 36enne Alimpijevic alla sua quinta stagione da capo allenatore.

 

I NUMERI STAGIONALI

Entrambe le formazioni hanno concluso la regular season nei rispettivi campionati: e se la Virtus si presenterà ai playoff come testa di serie numero 1, il Bursaspor nella propria lega nazionale lo farà da testa di serie numero 8. Diverso anche il cammino in Eurocup, visto che le due formazioni, entrambe inserite nel gruppo B hanno chiuso rispettivamente al quarto posto (gli italiani) e all’ottavo (i turchi). Il bilancio stagionale attuale che comprende tutti i match ufficiali giocati dai due team parla chiaro: 40 vittorie e 11 sconfitte per i bolognesi fra campionato ed Eurocup e 29-22 per la squadra della città di Bursa.

 

IL FATTORE CAMPO

Il miglior piazzamento in griglia playoff permetterà ai ragazzi di Scariolo di giocare davanti ai 9 mila del palazzetto di casa che sarà sold out. Un fattore non da poco anche se è giusto citare le imprese del Bursaspor in questi playoff, con i sorprendenti turchi capaci di espugnare nell’ordine Belgrado, Lubiana e Andorra. Ma siamo certi che in questa occasione, come nel caso delle finals italiane dello scorso anno contro Milano, i tifosi bianconeri faranno la differenza.

 

GLI SCONTRO DIRETTI

Due i precedenti stagionali fra Virtus e Bursaspor che, come detto, hanno militato nello stesso girone, entrambi chiusi nettamente a favore del team italiano: a ottobre i ragazzi di Scariolo hanno sbancato Bursa con un perentorio 101-83, con 18 punti di Hervey e 15 di Belinelli e un ottimo 64% da 3. Nel girone di ritorno un 98-94 casalingo meno appariscente ma comunque efficace grazie ai 23 punti di Jaiteh e a migliori performance sia al tiro che a rimbalzo.

 

IL ROSTER

Dulcis in fundo i giocatori, quelli che scenderanno in campo questa sera e che saranno chiamati a scrivere ancora una volta la storia. Diciamo ancora una volta perchè gente come Teodosic, Belinelli, Hackett e Shengelia giusto per citarne solo alcuni sanno bene come si vince. Se a loro ci sommiamo i vari Tessitori, Mannion, Alibegovic, Hervey, Jaiteh e Weems (senza contare gli infortunati Udoh e Abbas), beh capiamo bene come questa rosa potrebbe tranquillamente giocare ad altissimi livelli anche in Eurolega.

 

(Credits: Getty Images)

(227)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE