Tutti i numeri di Dennis Rodman

Tutti i numeri di Dennis Rodman

Tutti i numeri di Dennis Rodman

315
0

Oggi è il 59esimo compleanno dell’ex stella NBA, capace di monopolizzare parquet, passerelle vip e tabloid americani per un ventennio. Dennis Rodman è stato tutto e il contrario di tutto e il suo personaggio, nonostante negli USA non manchino atleti “unconventional”, è tuttora inarrivabile.

#3 I SUOI MATRIMONI

Annie Bakes, Carmen Electra e Michelle Moyer hanno avuto la fortuna (o sfortuna fate voi) di aver sposato Dennis Keith Rodman. La Bakes è stata il primo grande amore ai tempi di Detroit. Carmen Electra, reginetta del gossip, è invece entrata nella vita del campione nella poca proficuo parentesi ai Lakers. Entrambi i matrimoni sono durati un solo anno. Più longeva invece la relazione con Michelle Moyer, durata quasi 10 anni. Fra gli amori di Rodman anche Madonna, relazione descritta in maniera molto “hot” nella biografia Bad as I Wanna Be.

#5 I TITOLI NBA VINTI

“The worm” (soprannome affibbiatogli in giovane età per le movenze che assumeva quando giocava a flipper) ha contribuito in maniera determinante ai successi dei Pistons e dei Bulls negli anni ’90. Dal primo anello vinto con la canotta di Detroit all’ultimo successo con Chicago passarono esattamente 10 stagioni, annate in cui il pittoresco rimbalzista cresciuto in Texas, era senza dubbio una delle stelle più conosciute al mondo.

#7 MIGLIOR RIMBALZISTA

Fra il 1992 e il 1998 Rodman vince questo riconoscimento personale con numeri sensazionali, in tutte e tre le squadre che gli hanno permesso di diventare uno dei migliori di sempre. I 18,7 rimbalzi di media del 1992 coi Pistons sono il suo score migliore, oltre 5 punti in più della media in carriera.

#10 CAPITOLI PISTONS E SPURS

Con questo numero, Rodman si è fatto conoscere al mondo del basket NBA. Il suo inizio a Detroit non è stato semplice, tanto che ci vollero due stagioni per dargli un minutaggio capace di aiutarlo nella regolarità delle prestazioni. Dopo i due titoli in rossoblu, arrivò il trasferimento in Texas a San Antonio dove, la sua sregolata vita privata e il suo look anti-conformista, fecero più notizia delle seppur buone prestazioni sul parquet.

#21 I GIORNI NEL GF VIP INGLESE

Il 2006 fu l’anno del suo ritiro dal basket giocato. Da quel momento Rodman sfruttò la sua notorietà in vari ambiti: dal cinema alla pubblicità, passando per la tv. In particolare da ricordare la sua partecipazione al Celebrity Big Brother britannico, anche la sua permanenza nella casa durò relativamente poco.

#91 LA RINASCITA AI BULLS

Facciamo un passo indietro e torniamo al triennio indimenticabile quello 96-97-98 dove assieme ai compagni Micheal Jordan, Scottie Pippen e il coach Phil Jackson, ha riscritto la storia della NBA vincendo tre anelli di fila e tenendo una media rimbalzi attorno ai 15 per partita.

#1997 IL DEBUTTO NEL WRESTLING

Nelle varie esperienza extra-basket di Rodman (come successo per altre stelle del mondo dello sport americano come ad esempio Tyson e più di recente Gronkowski) “the worm” ha preso parte a diversi eventi dell’allora WCW fiancheggiando la stable NWO capeggiata da un Hulk Hogan in versione “heel”. In WCW disputò tre match in titola, ultimo nel 1999 perdendo contro Randy Savage.

#2013 L’INCONTRO CON KIM JONG-UN

Quanto è difficile per un americano (e simbolo della vita capitalista a stelle e strisce) diventare amico del leader comunista della Corea del Nord? Tanto, tantissimo, ma non per Rodman. Successe tutto durante un tour degli Harlem Globetrotters, sette anni fa. Rodman di recente, tornando sull’argomento ha svelato: “Kim mi disse che dopo la partita avrebbe voluto continuare la serata con me. A cena esagerammo con l’alcool e lui si mise a cantare. Anche io ero decisamente ubriaco e non avevo la minima idea di cosa stesse cantando, sembrava la sigla di Dallas

#50000 LA CAUZIONE PER USCIRE DAL CARCERE

Il rapporto con la legge, per alcuni famosi sportivi americani, non è mai stato idilliaco. E lo stesso può dirlo Rodman che nel 2008 fu arrestato, sotto i fumi dell’alcool, per violenza contro una donna in un episodio ancora oggi controverso, accaduto in un Hotel di Los Angeles. Il campione passò una notte in cella e poi uscì pagando la cauzione.

 

(Credits: Getty Images)

(315)

Marco Perciabosco Nato a Milano e per questo indottrinato fin dalla nascita da mio padre alla "malattia" per Inter e Olimpia. La passione e l'amore per il football amer... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI