Hotel Trattativa (speciale Roma, Napoli, Lazio e Fiorentina)

Hotel Trattativa (speciale Roma, Napoli, Lazio e Fiorentina)

Hotel Trattativa (speciale Roma, Napoli, Lazio e Fiorentina)

121
0

Prosegue l’analisi della prima parte di sessione invernale del calciomercato.

Roma: Il mercato è bloccato in entrata, meno in uscita. Iturbe infatti è stato dato in prestito al Torino, che avrà diritto di opzione di riscatto a titolo definitivo a fine stagione.
Il problema è che non ci sono stati movimenti in entrata perché l’eventuale sostituto dell’argentino fatica ad arrivare. Il candidato era Feghouli ma improvvisamente il West Ham ha creato ostacoli alla cessione. L’ultima motivazione riguarda Payet che vorrebbe andarsene dagli Hammers, destinazione Francia, al Marsiglia, e questo bloccherebbe la cessione dell’algerino naturalizzato francese. La Roma trovato l’accordo con il calciatore, ma, oltre al pagamento dell’ingaggio per sei mesi, il West Ham vorrebbe anche due milioni per il prestitoIl resto del mercato dovrebbe portare ad acquisti e cessioni dei più giovani, che non intaccherebbero l’ossatura della squadra.

Napoli: il paradosso del calciomercato partenopeo viene prima da una carenza significativa di attaccanti puri o in grado di soddisfare le necessità del gioco di Sarri, poi un eccesso di punte, tutte valide e che portano al tecnico un problema felice. Questo perché Mertens è diventato tra ottobre e dicembre la punta di riferimento adattata, Gabbiadini ha iniziato a segnare ogni partita, proprio ora che è stato messo sul mercato ed è arrivato dal Genoa Pavoletti, punta emergente (non per l’età visto che ha 28 anni) che ha esordito in Coppa Italia. Infine sta rientrando Milik, anche se a febbraio.
Durerà poco l’imbarazzo se Gabbiadini troverà la squadra in grado di spendere tra i 18 e i 20 milioni per spenderlo (più facile l’Inghilterra con il Watford o il West Ham). Diversamente potrebbe rischiare di restare a Napoli da separato e col rischio di veder scendere la sua quotazione. Pavoletti è stato pagato 18 milioni e Sarri ha chiesto un giocatore con le sue caratteristiche.
Nel frattempo si guarda anche al prossimo futuro e per il dopo Reina, in porta si sta osservando con interesse Chichizola dello Spezia.

Lazio: C’è sempre fermento alla Lazio nelle sessioni di mercato. Due nomi in cima alla lista dei pensieri: il primo è quello di El Ghazi, giovane talento dell’Ajax che Inzaghi vorrebbe affiancare a Immobile. Si pensa però anche ad un clamoroso ritorno del “profeta” Hernanes a fine gennaio, se si riuscisse a trovare una soluzione all’ingaggio elevato del centrocampista.
Nonostante la stagione stia andando bene, ci sono giocatori che meditano di cambiare aria, tra questi Cataldi, Keita e Felipe Anderson. Il primo andrebbe al Genoa per poter diventare un ponte coi liguri nella trattativa per Perin. Keita anche quest’anno potrebbe lasciare la Lazio per un offerta davvero importante che valorizzerebbe un giocatore sempre ad un passo dall’esplosione.
Infine Felipe Anderson ha ricevuto un’offerta dal Guangzhou di circa 30 milioni che sta facendo vacillare la società e il giocatore. Possibile che accada ma più facilmente a giugno.

Fiorentina: tutto dipende dall’addio di Paulo Sousa a fine stagione e dall’eventuale prossimo tecnico viola che dovrebbe essere italiano (il pensiero va a Di Francesco).
La Fiorentina in questi anni, tra Montella e il portoghese, ha realizzato un mini ciclo che non ha portato a grandi successi ma un ottimo gioco.
Quest’anno qualcosa si è inceppato nel rapporto e nel rendimento, perciò a fine stagione ci sarà una rivoluzione che partirà dal portiere: Sportiello che firmerà in giornata per la Viola. Le uscite più attese, quelle più dolorose ma che porteranno tanti soldi, solo quelle di Bernardeschi (Inter a giugno), Kalinic (Cina già a gennaio), Gonzalo Rodriguez (ancora Inter). I tifosi possono già considerare la Fiorentina del futuro come una squadra più radicalmente italiana e possibilmente pratica nei risultati.

 

(Credits: La Presse)

(121)

Lapo De Carlo Giornalista, conduttore televisivo, radiofonico e direttore dell’emittente Radio Milan Inter è anche esperto di conduzione e comunicazione. Dalla... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI