Juventus: lo chiameranno Jeeg Robot

Juventus: lo chiameranno Jeeg Robot

Juventus: lo chiameranno Jeeg Robot

2.17K
0

Lo chiamavano gordo e hanno esasperato il suo presunto tradimento con caricature che alla lunga non hanno più fatto nemmeno sorridere. Gli avevano detto che non era adatto. Che non era pronto a sfide internazionali. E non solo i tifosi, ma anche autorevoli commentatori sportivi.

Poi hanno sottolineato che dopo la sua ingordigia economica, di lui si sarebbe parlato solo per ricordare il mercenario, sopravvalutato, ingrato che lasció Napoli per un fallimento. Per i traditori. Per i nemici.

A fomentare grandi e piccini, primo fra tutti, una leggenda, Maradona. Ma decisamente non uno stinco di Santo. Non uno adatto a fare morali al prossimo. Soprattutto quando si gioca e non si compromette la propria vita. Ma si ambisce ad altri traguardi. Per esempio quello di ieri sera, anche se non ci credevano più.

Eppure ha urlato allo scandalo il cittadino onorario di Napoli. Non uno a cui far battezzare un figlio se non l’hai chiamato Diego, per intenderci. Un eroe in campo, ma uno che se vuole fare il giudice, visto il livello generale televisivo, si potrebbe sedere al massimo a giudicare un ballo, non l’uomo Pipita.

E poi, come disse Agnelli -e me l’ha ricordato la bacheca di un collega juventino che dalla Basilicata come me segue le trasferte da sempre con fedeltà e pazienza- di Platinì: “l’abbiamo comprato per un tozzo di pane e lui ci ha messo sopra il foie gras.”

Noi abbiamo il nostro caviale e ce lo gustiamo. Pur sapendo quanto ci sia costato. Qualcosa avanza.

E allora sì, lo chiamavate gordo. Noi lo chiameremo Jeeg Robot.

(Credits: La Presse)

(2172)

Francesca Barra Francesca Barra, giornalista professionista, conduttrice tv e radiofonica. Ha scritto libri e inchieste di mafia per Rizzoli, condotto il programma su... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI