La profezia che dice Juventus (e Manchester United)

La profezia che dice Juventus (e Manchester United)

La profezia che dice Juventus (e Manchester United)

1.46K
0

Non è un caso che forse sia il ritorno di semifinale di Champions con meno pathos di sempre per un’italiana. Nessuno in cuor suo dubita davvero che la Juve si faccia scappare la finale, e non solo per la sequela di statistiche che inchiodano il Monaco. Ma guardando oltre, c’è di più.

L’INCANTESIMO DELLA VITTORIA DELLA JUVENTUS – Per chi ci legge non è una novità l’indicare la Juventus come favorita assoluta per la Champions. Adesso lo pensa la maggioranza, ma a febbraio fummo i primi a definirla non come una delle favorite ma come la prima di tutte (lo trovate qui https://sportnews.snai.it/calcio/champions-league/perche-la-juve-la-favorita-champions-14022017-1675). Certo, le quote SNAI in quel momento erano ben più alte, con la Juve addirittura a 9,00 (e a inizio anno a 15,00!). Ma adesso c’è qualcosa di più. C’è un incantesimo, infallibile, che dice che la vittoria della Champions sarà della Juventus.

 IL CICLO DELLE ITALIANE – Non si scappa: da quando esistono le coppe europee, le squadre italiane non sono mai rimaste a digiuno di trofei per più di 6 edizioni. Con l’anno scorso, l’Italia ha eguagliato questo digiuno, dalla Champions sollevata nel 2010 dall’Inter. E dunque questo è l’anno in cui ritocca a un’italiana. E con la Roma fuori già agli ottavi in Europa League, rimane solo la Juventus a far sì che sì compiano le scritture. E c’è pure il precedente a corollario che rafforza la predizione: solo una volta l’Italia era arrivata a 6 anni consecutive senza coppe europee: dal 1978 al 1984, e anche quella volta il digiuno fu rotto dalla Juventus, in finale di Coppa delle Coppe con il Porto.

E NON SOLO – E l’incantesimo della Juve va di pari passo con la vittoria del Manchester United in Europa League – anche questa pronosticata già a febbraio, ma certo più facile da prevedere. Infatti, da quando le inglesi hanno sollevato il loro primo trofeo europeo, poi non sono mai state per più di 3 edizioni senza trofei (escluso ovviamente il quinquennio di squalifica post-Heysel). E l’Inghilterra è arrivata a 3 edizioni di digiuno, dall’Europa League del 2013 del Chelsea. Dunque da quando il Leicester è uscito ai Quarti, automaticamente sarà il Manchester United a far sì che si compia la profezia -e di conseguenza lasci che si compia quella della Juventus.

JUVENTUS-MONACO – Nel frattempo ci sarebbe comunque una semifinale di ritorno da giocare… Che il Monaco affronta a cuor leggero: nessuno può accusarla di nulla qualora uscisse, vera sorpresa di questa Champions, e allo stesso tempo si trova a 180 minuti dall’impresa incredibile di vincere il titolo francese. Jardim cadrà in piedi, attaccando dall’inizio, e scoprendosi ancora di più di quanto non sia successo a Montecarlo. Non potrebbe essere più contento Allegri, il cui piano perfetto stagionale prevede che si vada a prendere anche questo ritorno, magari provando a diventare la prima finalista di sempre a giungere all’ultimo atto senza aver subito gol nella fase a eliminazione diretta.

CHE PARTITA SARA’ – Il 4-2-3-1 della Juve dovrebbe essere confermato, visto che il cambio tattico dell’andata, comunque felice, fu praticamente reso inutile dall’assenza di Mendy, fuori per motivi disciplinari checché ne dica il club. Dovrebbe tornare Dani Alves terzino destro, con Barzagli fuori e il rientro di Cuadrado sulla linea dei trequartisti, anche se effettivamente la prestazione del brasiliano a Monaco, la migliore della stagione, potrebbe farlo riproporre più avanzato. Torna ovviamente anche Khedira dopo la squalifica, mentre il Monaco conferma lo stesso identico 4-4-2, nonostante le incertezze in fase difensiva, il che la dice lunga sulle opzioni a disposizione di Jardim.

COME FINIRA’ – La Juve capitalizzerà ancora di più, e il Monaco sarà anche sfrontato, ma questa è una versione che parte sfiduciata dal risultato, e questo sentimento sarà peggiorato dal clima dello Juventus Stadium.

La quota SNAI non lascia scampo: Juve vincente a 1,67, Monaco a 5,25, ma anche il pareggio è discretamente alto, a 3,85. L’unico dubbio forse è proprio nel capire se Buffon riuscirà a mantenere la porta inviolata. Eppure SNAI quota il NoGol a 2,00, improbabile dunque. Forse qualcosa dovrà essere concessa, ma la Juve è famelica. Per questo badate al 3-1, remunerativo con SNAI a 13,00. Ma del resto lo sapete, la profezia ha parlato…

(Credits: LaPresse)

(1459)

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI