Quando nel calcio sai che a marzo potresti già essere disoccupato

Quando nel calcio sai che a marzo potresti già essere disoccupato

Quando nel calcio sai che a marzo potresti già essere disoccupato

50
1

Inutile girarci intorno: per noi è andata benissimo. Riassumendo: sorteggio straordinario per la Lazio, ottimo per la Roma, buono per la Juventus e il Milan, brutto per il Napoli, terribile per l’Atalanta. Ma certo, sempre meglio di quelli che a metà marzo si giocheranno una finale anticipata – e il lavoro…

JUVENTUS-TOTTENHAM – È andata bene, il Tottenham era la prima delle avversarie normali, al di sopra c’erano solo avversari da finale. La Juventus parte favorita, come testimoniano le quote SNAI a 1.60 sulla Juve e a 2.25 sugli Spurs. Personalmente vedo la sfida ancora più livellata, assegnando ai bianconeri il 55% contro il 45% agli inglesi, ma c’è un fatto per la Juventus che è molto forte. Perfino più forte del fattore Wembley: il Tottenham è vero che si è imposto su Real Madrid e Borussia Dortmund, e gioca anche da anni assieme e bene, ma non ha praticamente esperienza di vittoria nei turni ad eliminazione diretta in Champions. E conta molto, se pensiamo al sangue freddo della Juventus come miglior qualità nelle sfide più importanti. Inoltre, il Tottenham pur essendo ovviamente meglio di formazioni come Porto o Shakhtar, però in meno ha la totale mancanza dell’esperienza di vittoria: non ha vinto nulla nel suo recente passato, nessun campionato, addirittura il trofeo più recente è la ridicola Coppa di Lega inglese nel 2008. E in queste sfide che esauriscono i nervi, avere dentro di sé la consapevolezza di chi sa come si vince è fondamentale.
C’è un altro fattore: il Tottenham è sesto, e meritatamente, e praticamente si giocherà tutto sulla Champions. Mentre è facile prevedere la Juve nella zuffa di campionato per molti mesi ancora almeno, e allora è da notare che le sfide Champions della Juve saranno immerse in un calendario davvero complicato: Fiorentina fuori-Tottenham in casa-derby fuori-Atalanta in casa-possibile ritorno di semifinale di Coppa Italia a Napoli-Lazio fuori-ritorno a Wembley. Ma se per questo, gli Spurs arrivano all’andata anche in condizioni peggiori: United in casa, Liverpool fuori, derby con l’Arsenal in casa, e trasferta a Torino.

SHAKHTAR-ROMA – Di meglio c’era solo il Basilea. Certo, negli Ottavi di Champions devi stare all’occhio contro tutte, e la Roma ha una storia nel mandare in malora robe assicurate. Però la quota SNAI sui giallorossi a 1.45 contro lo Shakhtar a 2.65 è rispettosa dei valori. Forse anche troppo sbilanciata, personalmente ritengo la Roma favorita al 60%. Vero: lo Shakhtar ha eliminato il Napoli. Ma pur essendo una solida e rodata squadra, là è stato più il Napoli a eliminarsi, prendendo sottogamba la trasferta in Ucraina, che invece era la partita più importante del girone, ben più importante di quelle con il Manchester City. Se la Roma facesse lo stesso errore, rischierebbe. Tuttavia, bisogna riconoscere che l’impresa di Di Francesco rappresenta il meglio che si sia visto fare alla Roma in Europa negli ultimi 9 anni, e allora merita la fiducia. Certo, il calendario della Roma sarà infernale: trasferta in Ucraina-Milan in casa-partita a Napoli-Torino in casa-ritorno con lo Shakhtar. Eppure, è meglio questo o lo Shakhtar che giocherà in Champions dopo aver disputato solo una partita dopo la pausa invernale?
C’è un ultimo fattore, e qua ognuno è libero di interpretarlo come vuole: lo Shakhtar ha giocato 5 turni a eliminazione diretta in Champions nella sua storia, e 4 volte è stato eliminato. L’ultima volta che si è qualificato, fu agli Ottavi con la Roma…

REAL MADRID-PSG – La cosa più scioccante non è tanto che questa sarebbe potuta tranquillamente essere la finale di Champions – in fondo arrivando secondo il Real Madrid ha apparecchiato la situazione. No, la cosa scioccante è che già a dicembre sappiamo che a metà marzo uno dei due allenatori rischierà la testa. Perché Emery a Parigi quest’anno ha l’obbligo minimo delle semifinali, dopo l’umiliazione al Camp Nou dell’anno scorso accompagnata dal digiuno in campionato. E Zidane è vero che teoricamente dovrebbe essersi garantito un quinquennio di tranquillità, ma a Madrid funziona in maniera diversa dal resto del mondo. E considerando che appare molto difficile che il Real Madrid possa recuperare il -8 dal Barcellona in campionato, allora un Real Madrid fuori da tutto al 15 marzo si attaccherebbe sicuramente alla sanità mentale di Florentino Perez. E’ in assoluto il confronto più livellato, e dunque dove gli avvenimenti dei prossimi 2 mesi possono avere maggiore influenza. Il Real Madrid porta il suo essere implacabile, e un Cristiano Ronaldo sempre decisivo in Champions, ma la fase di stanca è ovvia, mentre il PSG porta un gioco migliorato esponenzialmente e di conseguenza con i campioni assoldati, ma la tenuta difensiva non è ancora all’altezza, e certo si è sempre sfaldato di fronte alle grandi prove, anche se lo shock dell’anno scorso potrebbe essere davvero stato il trauma necessario. Per ora, metà dicembre, personalmente assegno un 51% al PSG, e non a caso anche le quote SNAI battezzano il PSG a 1.75 contro il Real Madrid a 2.00.

CHELSEA-BARCELLONA – L’altra finale anticipata, anche se i Blues sembrano averne meno quest’anno. Ma di Chelsea-Barcellona è piena la storia della Champions: metteteci Ronaldinho, Lampard, e siamo pronti a riaccendere Fifa2005. Questo Barcellona sembra troppo avanti, ma è ovvio che questa partita sarà l’ultima cosa con ancora un senso per la stagione di Conte, e dunque non bisogna sottovalutare le doti di irriducibilità di una truppa coalizzata attorno ad Andonio. Per questo sembra eccessiva la quota SNAI 1.35 sul Barcellona, e di contro vantaggioso il 3.00 sul Chelsea. Personalmente assegno il 45% agli inglesi contro il 55% dei catalani. Ma certo il calendario per Conte è spietato, con Barcellona allo Stamford seguito dalla trasferta all’Old Trafford prima e all’Etihad dopo.

PORTO-LIVERPOOL – La prospettiva per Klopp di riportare il Liverpool ai Quarti dopo 8 anni.E la prospettiva è troppo ghiotta contro una squadra che conosce il mestiere come il Porto, ma senza particolari acuti. Inoltre il Porto è al momento coinvolto in una a sfida a 3 in tre punti per il campionato, e ci sono tutti i segnali che possa continuare così fino alla primavera. Assegno il 60% al Liverpool, e forse le quote SNAI vanno anche oltre, con l’1.45 sui Reds e il 2.65 sul Porto.

SIVIGLIA-MANCHESTER UNITED – Non poteva sperare di meglio José Mourinho per il suo United che va costruendosi con il passare del tempo, per dare poi ancora più tempo al recupero al meglio di Ibrahimovic. Il Siviglia è pericoloso ma niente paragonabile agli anni passati, sul mio cartellino il Manchester United è al 65%, con le quote SNAI che li quota a 1.40 e il Siviglia a 2.80.

BAYERN-BESIKTAS – La fortuna non manca al Bayern, visto che pesca la testa di serie più abbordabile pur arrivando seconda. E di sicuro ne ha bisogno, visto che la squadra è tra le migliori 6 d’Europa ma non è al livello del quinquennio passato. Però occhio al Besiktas, e non solo per l’eccezionale fattore ambientale, ma anche per la squadra farcita di esperienza. Reputo il Bayern favorito al 70%, dunque può essere goloso il 6.75 delle quote SNAI sui turchi contro i tedeschi a 1.08.

BASILEA-MANCHESTER CITY – Non c’è partita, perché anche se il City magari non giocherà così per tutta la stagione, comunque il Basilea non gli è in nessuna maniera paragonabile, e peraltro il suo gioco si presta particolarmente a quello di Guardiola. Per le quote SNAI gli SkyBlues sono a 1.05, contro il Basilea a 8.50, ma nonostante non creda minimamente al Basilea tuttavia assegno 70% al City, perché è saggio mantenere una regola interna dimostrata dalla storia, e cioè che nei turni a eliminazione diretta di Champions l’agonismo della situazione tenda comunque a cancellare un po’ di dislivello.

EUROPA LEAGUE  – Alla Lazio è capitato semplicemente il rivale più facile possibile: il nuovo Steaua è il più abbordabile dei 32, approccio vecchio stile, e insomma basta un po’ di attenzione; ecco perché SNAI quota dà 1.16 alla Lazio a 4.50 allo Steaua. Poco più per il Milan, a quota 1.18 contro il Ludogorets dato a 4.25. Detto che il Milan può solo migliorare, e che il Ludogorets ha ampi limiti, tuttavia attenzione alla trasferta in Bulgaria, assolutamente non facile, che forse dunque rende troppo squilibrata la quotazione. Molto più livellata situazione per l’Atalanta: è ovvio, è sfavorita contro il Borussia Dortmund, la peggior avversaria possibile dell’intera urna 2, e anche i gialloneri possono solo che migliorare dopo il cambio allenatore, ma il livello di personalità dell’Atalanta autorizza a sognare vedendo il 2.70 che le quota SNAI contro l’1.40 al Dortmund. Anche se all’Atalanta non gira davvero bene, visto che in mezzo alle due partite dei Sedicesimi infila la Fiorentina in casa e quella allo Juventus Stadium. E anche se sta male dirlo, invitante anche il 2.60 Snai sul Lipsia: il Napoli (a 1.35) è oggettivamente più forte, ma sarà concentrato sullo scudetto, mentre il Lipsia non vede l’ora di stupire in Europa, e del resto è stata la seconda delle escluse, quindi estremamente vicina a essere considerata una qualificata in Champions. Il gioco del Lipsia molto spregiudicato a dire il vero ben si adatterebbe al Napoli, ma la squadra di Sarri se si qualificasse poi si giocherebbe gli Ottavi in mezzo alle partite con Roma e Inter – converrete che davvero allora l’Europa League sarebbe un impiccio…

(50)

Commento(1)

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI