Real Napoli, due mesi per ribaltare il risultato di 30 anni fa

Real Napoli, due mesi per ribaltare il risultato di 30 anni fa

Real Napoli, due mesi per ribaltare il risultato di 30 anni fa

306
0

Un pò di follia non deve mai mancare nel mondo del calcio, altrimenti che senso avrebbe giocare certe sfide apparentemente già chiuse in partenza? Ben venga agli ottavi di finale il Real Madrid, la formazione più ricca del mondo e quella con la rosa più costosa (775,80 milioni di euro il valore dei calciatori in organico), quella che ha vinto 11 volte la Champions League e nella quale gioca il calciatore (Ronaldo) che sta per vincere il quarto pallone d’oro della sua carriera.

Quando si dice Davide contro Golia: può il Napoli immaginare di conquistare l’accesso ai quarti di finale eliminando la formazione campione in carica della Champions League? Il pronostico severo, direi impietoso e la risposta è un “no” pronunciato in maniera secca e perentoria. Il Napoli indossa i panni dell’agnello sacrificale sull’altare di un torneo ricco, studiato per i ricchi e nel quale chi ha meno fiches può solo sperare che i Paperoni della combriccola possano sbagliare la puntata. A quel punto dovremo essere bravi noi a non farci sfuggire la grande occasione, come accadde quasi 30 anni fa, il 16 settembre 1987: stadio Bernabeu a porte chiuse, Bruno Giordano che fallì a porta vuota il clamoroso 1-1 e poi De Napoli che segna l’autogol del 2-0 per il Real. Questa volta, a distanza di quasi 30 anni dalla prima apparizione del Napoli nella massima competizione continentale, non dovrà essere così e sarebbe un bel danno se le gambe dei calciatori di Sarri dovessero tremare il 15 febbraio prossimo a Madrid.

Basteranno due mesi, da oggi a quel giorno lì, per trasformare il Napoli da formazione semplicemente bella in un’altra bella e pure cattiva? Sarà doveroso per Sarri, piantare sul territorio partenopeo il seme della concretezza che dovrà poi germogliare nel corso dei prossimi 60 giorni. Battere ed eliminare il Real è un sogno prossimo al delirio, impedire che ci sbattano fuori perché saremo noi a fornirgli la chance per farlo, sarebbe delittuoso ed incoerente rispetto alla crescita che la squadra azzurra ha avuto da un Real Madrid-Napoli ad un altro.

(immagine tratta dal web)

(306)

Raffaele Auriemma Tifoso sfegatato del "Ciucciariello", è telecronista sportivo di Premium Sport, in cui racconta, con la sua inconfondibile voce, le partite del suo a... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI