CONFERENCE LEAGUE PSV-LEICESTER BATTAGLIA AD ALTA INTENSITÀ

CONFERENCE LEAGUE PSV-LEICESTER BATTAGLIA AD ALTA INTENSITÀ

CONFERENCE LEAGUE PSV-LEICESTER BATTAGLIA AD ALTA INTENSITÀ

47
0

Sette giorni fa avevamo presentato Leicester-Psv Eindhoven come il quarto di finale più affascinante della Conference League e il fatto che sia stato l’unico match dell’andata a terminare senza reti non cambia la prospettiva. Oggi, alle 18.45, al Philips Stadion vedremo senza alcun dubbio una partita ad alta intensità, una battaglia dal grande spessore agonistico che ci farà quasi tornare al calcio di una volta, ma al doppio della velocità.

 

 

CONFERENCE LEAGUE PSV-LEICESTER EINDHOVEN SOGNA IN GRANDE

 

Il Psv Eindhoven, secondo in campionato a quattro punti dall’Ajax, vanta una striscia di quindici risultati utili consecutivi. Ha un passato glorioso che ha portato in dote una Coppa Uefa e una Coppa dei Campioni, consapevole che quei tempi non torneranno, ma che la Conference League è un’occasione per rinverdire ulteriormente la bacheca arricchita in estate dal sensazionale trionfo nella Supercoppa olandese. Non è un caso che mancava l’appuntamento con i quarti di una competizione europea dal 2011, mentre è dal 2005 che non accede alle semifinali, in quel caso in Champions, quando fu sconfitto dal Milan ai supplementari.

 

 

CONFERENCE LEAGUE PSV-LEICESTER RODGERS AL BIVIO

 

La stagione del Leicester è stata piuttosto deludente, perché in un campionato dove tantissime big hanno avuto un rendimento inferiore alle attese, non è mai riuscito a inserirsi nella lotta per i primi sette posti e attualmente è nono a -11 da Manchester United e West Ham, seppur con tre partite da recuperare. Andare avanti in coppa, allora, renderà ancora più fitto il calendario della Premier League, ma Brendan Rodgers è di fatto a un bivio e sa benissimo che la Conference League è oggi l’opportunità più concreta per tornare in Europa a settembre. Aveva cominciato la sua avventura in Europa League e ora si ritrova al gradino di sotto, ma un trofeo sarebbe il modo migliore per proseguire l’avventura alle Foxes.

 

 

CONFERENCE LEAGUE PSV-LEICESTER CHI LA DECIDE?

 

La gara d’andata ha dimostrato che il doppio confronto sarà deciso da episodi, perché le due squadre sostanzialmente si equivalgono. A Leicester hanno sbagliato un po’ tutti: Goetze e Iheanacho si sono suddivisi il premio “Egidio Calloni” per le opportunità fallite, Maddison e Zahavi, che erano i più attesi per le qualità tecniche, non hanno inciso, e l’arbitro slovacco Kruzliak ha voluto partecipare alla sagra dell’errore negando un rigore al Psv, ma sarebbe stato forse un premio eccessivo per gli olandesi, che nella ripresa hanno arretrato il baricentro e sono stati graziati dalla traversa colpita da Barnes. Stasera c’è il rischio che lo spartito sia identico, con l’unica differenza che, se la parità dovesse perdurare, prevalga la paura, ma di sicuro Roger Schmidt, che fa parte della nuova scuola tedesca, se la giocherà con coraggio., magari dando al suo incursore migliore, Vermeer, più licenza di attaccare rispetto a quanto fatto in Inghilterra, mentre dall’altro lato Tielemans dovrà far valere di più la propria capacità di dettare i tempi e prendere per mano la squadra quando sarà messa sotto pressione dagli avversari.

 

 

CONFERENCE LEAGUE PSV-LEICESTER LE PROBABILI FORMAZIONI

 

Psv Eindhoven (4-2-3-1): Mvogo; Junior, Ramalho, Boscagli, Max; Sangare, Gutierrez; Madueke, Goetze, Gakpo; Zahavi. Allenatore: Schmidt.

Leicester (4-3-3): Schmeichel; Pereira, Fofana, Evans, Castagne; Maddison, Tielemans, Dewsbury-Hall; Albrighton, Iheanacho, Barnes. Allenatore: Rodgers.

 

(Credit: Getty Images)

(47)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE