Un weekend di paura sudamericana

Un weekend di paura sudamericana

Un weekend di paura sudamericana

61
2

Più incerta di così non potrebbe essere la Copa America. Qualificata solo la Colombia dopo 2 giornate, e per di più sicura di essere prima. Le altre sono tutte in corsa, tutto è ancora possibile, e c’è un rischio altissimo di vedere BrasileArgentina nei Quarti, ancora teoricamente possibili in due incroci su quattro. Tutta la verità in 3 giorni, con le partite finalmente in contemporanea, e alle 21.00 ora italiana.

GRUPPO A
PERU’-BRASILE
– La situazione dice:
Brasile 4 (+3 differenza reti)
Perù 4 (+2 diff.)
Venezuela 2 (0 diff.)
Bolivia 0 (-5 diff.)
Visto che passano anche le due migliori terze, anche la Bolivia è incredibilmente ancora in corsa. Ma è lo spareggio per il primo posto che conta, con il Brasile che ha a disposizione due risultati su tre grazie a quello che sembrava solo un gol bellissimo ma inutile, il 3-0 di Everton Soares contro la Bolivia. E proprio lui, con le stimmate da Totò Schillaci da torneo (nonostante sia un’ala sinistra), finalmente partirà dall’inizio, dopo essere stato sempre la frustata dalla panchina nelle prime due partite. Fuori Richarlison e David Neres, dentro anche Gabriel Jesus, il ct Tite compie 3 anni precisi alla guida del Brasile, in cui ha perso solo 2 partite, ma è incluso il Quarto di Finale contro il Belgio, così adesso arriva la cartina di tornasole del suo lavoro. Finora il suo Brasile non ha mai ingranato, convincendo per 30 minuti su 180, e giocando trottando. Il Perù è una formazione di personalità e gamba, a cui manca concretezza sottoporta. Ma vincere il gruppo sarebbe il colpaccio, dunque ci proveranno. Il Brasile finora non ha subito gol, ma il Perù non è una formazione rinunciataria come Bolivia e Venezuela. Proviamo il Gol, per SNAI ottimo a 2.10.

BOLIVIA-VENEZUELA – Entrambe in corsa, ma in verità il Venezuela è una squadra totalmente competitiva rispetto alla Bolivia. Contro il Brasile e il Perù ha ballato solo negli ultimi 20 minuti, le manca giusto un po’ di stamina, ma ai boliviani manca tutto. Per questo la vittoria Venezuela per SNAI a 1.50 è comunque valevole.


GRUPPO B
COLOMBIA-PARAGUAY
– Una partita dal pronostico chiuso di colpo si ribalta. Perché la situazione è
Colombia 6 (già prima)
Paraguay 2 (0 differenza reti)
Qatar 1 (-1 diff.)
Argentina 1 (-2 diff.)
I titolari della Colombia, James in testa, nella mix post-vittoria con il Qatar affermavano di voler giocare questa partita. Però niente di più facile che Queiroz decida per il robusto turnover, a cui si aggiunge l’assenza di Ospina, volato momentaneamente in patria al capezzale del padre. Peraltro le riserve colombiane sono comunque migliori dei titolari del Paraguay, ed è fuori di dubbio che la Colombia possa giocare la partita senza regalarla, magari pensando a fare fuori – o comunque mettere in difficoltà – l’Argentina, spedendola magari contro il Brasile. Però i guaranies hanno comunque tempra per far fruttare le maggiori motivazioni con i cafeteros. Per questo la vittoria Paraguay quotato da SNAI a 2.55 è un’occasione.

QATAR-ARGENTINA – A leggere la partita, e a pensare che l’Argentina rischi, è incredibile. L’Albiceleste è quarta per differenza reti, dunque vincere o a casa, il che forse è anche un vantaggio, considerando che fare calcoli rischierebbe di farsi escludere nella classifica avulsa per la migliore terza. In verità anche vincendo l’Argentina rischierebbe: ammettiamo che nel gruppo A finiscano tutte a 5, a quel punto potrebbe andare pari con il Giappone nel Gruppo C, a 4 punti. E quindi ringraziare il Cile che ha dato il 4-0 sul groppone dei nipponici nella prima giornata. Ma c’è una partita da vincere. E il Qatar è una squadra elastica tatticamente: brillante contro il limitato Paraguay, compatta con la più ricca Colombia. Contro l’Argentina si può pensare a una versione più cinica che farà sputare sangue a Messi & co. fino alla fine. Scaloni è visto quasi come un incapace, forse anche dai suoi stessi giocatori, per questo probabilmente con De Paul e Aguero in campo la Seleccion dovrà sbrigarsela da sola. E come in Russia ce la può fare a gettare il cuore oltre l’ostacolo – al Primo Turno, per il resto è un’altra storia. E’ da 36 anni e 17 edizioni che l’Argentina non esce al Primo Turno in Copa America. Dal 1983, un torneo dove Maradona non fu presente perché aveva sofferto di epatite nel corso della stagione. Ma stavolta Messi c’è. Crediamo nel fattore Leo, anche se minimo: X con handicap davvero ben pagato da SNAI a 3.60.


GRUPPO C

CILE-URUGUAY – E’ tutto in questa partita, peraltro lo scontro tra le ultime tre campioni. La situazione è
Cile 6 (già qualificato)
Uruguay 4 (+ 4 differenza reti)
Giappone 1 (-4 diff.)
Ecuador 0 (-5 diff.)
Ai bicampioni in carica cileni basta anche solo il pareggio per il primo posto. E se consideriamo che le due terze vengano dal Gruppo A e dal Gruppo B, allora è probabile che da primo il Cile possa vedersela con il Venezuela. Dunque difendere il primato è fondamentale. Il secondo infatti giocherà sicuramente con la Colombia (e soprattutto c’è alto rischio che si profili Brasile-Argentina!). Soprattutto, la Roja si è mostrata squadra tout court, ha saputo neutralizzare la tensione calata contro l’Ecuador, e insomma meglio dell’Uruguay che invece contro il Giappone ha combinato pasticci. Alla Celesta mancherà Vecino per il resto del torneo, e forse si è visto la mancanza di filtro a centrocampo, ma soprattutto sarà una partita sporca e cattiva. Come dimostra il passato recente, Cile-Uruguay non è mai banale: nel 2015 stappò il successo cileno nei Quarti di Finale, ma la partita fu una corrida con Cavani espulso dopo una rissa che continuò a esigere dazio anche a giorni di distanza: Edi reagì alle provocazioni di Jara, che prima lo irretì sui problemi di giustizia del padre, e poi lo fece esplodere facendogli quello che Neqrouz fece con Inzaghi, il dito dove non batte il sole. Il Cile vinse, Jara a giorni di distanza fu squalificato, ma questo per dire il clima in cui si gioca. Una battaglia che potrebbe finire in pareggio, a 3.40 per SNAI.

ECUADOR-GIAPPONE – Non c’è confronto tra le due, con il Giappone intrigante offensivamente, e l’Ecuador piuttosto povero generalmente. Entrambe ancora in corsa, ma i 4-0 imbarcati al debutto sono un peso letale. Il Giappone però ha una missione molto semplice: se diamo per scontate le vittorie di Venezuela e Argentina, allora il Giappone dovrà vincere con due gol di scarto in più rispetto a quanti ne segnerà l’Argentina. Dunque, se l’Albiceleste vincerà con un gol di vantaggio, allora il Giappone dovrà farlo con almeno tre gol di scarto. Difficile, ma non impossibile: Giappone comunque vincente a 3.20 per SNAI, in assoluto la quota migliore.

 

(Credits: Getty Images)

(61)

Tancredi Palmeri Autore SNAI che tratta di calcio, con le quote presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE