Coppa d’Africa, semifinali: rientra Osimhen, il Congo farà la storia?

Coppa d’Africa, semifinali: rientra Osimhen, il Congo farà la storia?

Coppa d’Africa, semifinali: rientra Osimhen, il Congo farà la storia?

46
0

Si avvicina la finale della Coppa d’Africa 2024, che vedrà scendere in campo domenica alle 21 due delle quattro squadre impegnate oggi nelle semifinali: Nigeria, Sudafrica, Costa d’Avorio e Congo. Le prime due andranno in campo oggi alle 18, le altre alle 21. Vediamo insieme qualche curiosità riguardo queste due sfide.

 

COPPA D’AFRICA: NIGERIA – SUDAFRICA

La Nigeria è la formazione favorita per la vittoria finale, senza alcun dubbio. Un cammino finora quasi perfetto, con un pareggio iniziale (1-1 contro la Guinea Equatoriale) e un poker di successi consecutivi che ha portato i biancoverdi fino a qui. Grande merito è da ricercare nella fase difensiva, con queste vittorie arrivate mantenendo la porta inviolata. La linea a cinque in fase di non possesso è composta infatti da giocatori d’esperienza internazionale, come l’ex Rangers e Ajax Bassey, o Troost-Ekong, conoscenza della nostra Serie A. Titolare a destra invece, agisce l’ex Torino Ola Aina.

La maggior preoccupazione della Nigeria infatti, è quella di non subire reti, perché tanto con Lookman e il rientrante Osimhen prima o poi il gol arriva. Cercherà l’impresa il Sudafrica, che un miracoli in questa Coppa d’Africa lo ha già compiuto eliminando il Marocco, reduce dalla semifinale nel recente mondiale del Qatar. La nazionale sudafricana con un calcio molto accorto e orientato al contropiede che in questa competizione sta pagando ottimi dividendi.

I precedenti sorridono tutti alla Nigeria, che vanta 6 vittorie in 11 incontri, con 4 pareggi e un solo ko a completare il quadro. Si prospetta un successo nella Nigeria di misura, ma occhio al Sudafrica, formazione che ha già dimostrato di saper ribaltare i pronostici.

 

COPPA D’AFRICA: COSTA D’AVORIO – CONGO, ore 21

Una Coppa d’Africa incredibile per la Costa d’Avorio. Passata la fase a gironi per il rotto della cuffia, qualificandosi tra le migliori terze, gli ivoriani hanno sostituito il ct durante la competizione. Un cambio di guida tecnica che ha risollevato magicamente il rendimento della squadra, che è ancora il paese ospitante della competizione. Nel girone sono arrivati due ko contro Nigeria (1-0) e Guinea Equatoriale; contro quest’ultima un sconfitta rotonda per 4-0, arrivata tra lo stupore generale. Poi la trasformazione nella fase ad eliminazione diretta, con i successi su Senegal e Mali. Quest’ultimo arrivato ai supplementari dopo oltre un’ora di gioco in dieci uomini. Un’impresa incredibile.
Ma un’impresa ancora più incredibile la sta facendo la Repubblica Democratica del Congo che ha raggiunto le semifinali vincendo appena due partite su cinque. Nelle ultime dieci uscite di tutte le competizioni ha perso due gare, vinte tre e pareggiate ben cinque. Questo per dire che il Congo era tutto, fuorché una favorita per arrivare in semifinale. Invece la squadra di Desabre si è qualificata in extremis con tre pareggi, battendo l’Egitto prima e la Guinea poi. Una costante quando c’è il Congo in campo è il cospicuo numero di gol: solamente in un’occasione in Coppa d’Africa nessuna delle due squadre ha segnato. Nelle altre quattro sfide, ci sono state reti da ambo le parti. I giocatori di maggior prestigio sono Mbemba, centrale del Marsiglia, Masuaku, terzino sinistro in passato accostato a diverse squadre italiane, Pickel, mediano della Cremonese e l’ex attaccante del Villarreal Cedric Bakambu.
Pronostico per questa sfida? Passaggio del turno della Costa d’Avorio con entrambe le squadre a segno.

 

(Credits: Getty Images)

(46)

Redazione Redazione SNAI Sportnews... VAI ALLA PAGINA AUTORE