Cristiano, se non ora, quando?

Cristiano, se non ora, quando?

Cristiano, se non ora, quando?

716
0

Il blasone questa notte Champions lo indossa solo a Torino, ma in verità Juventus-Manchester United è forse la partita con meno pathos di tutte vista la situazione nei vari gruppi, sempre che i Red Devils non si ricordino di cosa sono stati capaci in passato.

JUVENTUSMANCHESTER UNITED – Perché non è più ovviamente la banda dei Fergie Boys che a sorpresa ribaltava 2-3 al Delle Alpi in rimonta la trifinalista Juventus di Lippi negli ultimi minuti della semifinale di Champions 1999. A malapena questo United è una banda e basta, che almeno nelle ultime settimane ha smesso di esserne una di sbandati, e tiene un minimo di ordine anche se senza alcuno sprazzo. All’Old Trafford la Juve quasi vinse senza sforzarsi, quindi immaginarsi allo Juventus Stadium.

In più c’è che Cristiano non segna da 5 partite in Champions, caso estremamente raro per lui – non gli succedeva da un anno e mezzo – e insomma c’è il clima ideale per sbattezzarsi, senza magari le tensioni emotive del ritorno nella vecchia casa vissuto due settimane fa.

CHE PARTITA SARA’ – La Juve macina gioco, in maniera compassata in campionato, in forma autoritaria in Champions. Farà lo stesso stasera, forte della consapevolezza che vincere darebbe addirittura il primo posto automatico con due partite di anticipo. Un’enormità, preziosissima, visto che permetterebbe di affrontare gli ultimi due turni totalmente con le riserve, fattore importante per il campionato considerando che il calendario si incastona con la trasferta a Firenze, il derby, e le partite con Inter e Roma. Allegri proverà a vincerla subito e poi a metterla in ghiaccio, per infine amministrare. A Mourinho e alla pochezza del suo gioco attuale non rimarrà che provare a fare da punchball, puntando a resistere inizialmente per poi sfiancare le velleità. Ma se la Juve transita in vantaggio dopo la prima mezz’ora, è fatta.

COME FINIRA’ – Nel 4-3-3 torna Khedira per Matuidi, mentre lo United è costretto a rinunciare a Lukaku, e si vocifera di un’ennesima esclusione a sorpresa per Alexis Sanchez, in favore del movimento di Rashford in avanti e di Mata tra la destra e la trequarti. Cristiano tra Smalling e Lindelof è veramente minaccioso, e forse Mourinho può solo sperare nella fase ascendente di Martial, qualora De Sciglio riproponga alcune amnesie. SNAI forse è perfino generosa nei confronti delle forze in campo, conferendo quota SNAI 1.60 alla Juventus.

VALENCIAYOUNG BOYS – Solo 2 vittorie in stagione per i valenciani, ma incredibilmente vincendo stasera sarebbero secondi con 1 punto di vantaggio. Mancano Piccini, Parejo e Cheryshev a Marcelino, ma dovrebbe comunque spuntare l’1: ottimo quello al Primo e Secondo Tempo a 2.15.

CSKA MOSCAROMA – Assurdo che a ogni vigilia di turno Champions, Di Francesco debba pararsi dal rischio esonero. Ma tant’è, e finora ha portato bene. Occhio però, perché il Cska in casa è una bestia strana, capace di raddoppiare un livello tecnico altrimenti modesto. La Roma vincendo è praticamente qualificata, mentre la sconfitta addirittura la farebbe scivolare al terzo posto. Si scontrano dei 4-2-3-1 allo specchio, con quello giallorosso anche più offensivo grazie alla presenza di Justin Kluivert. Ovvio come molto dipenda dal capocannoniere di Champions Dzeko, 5 gol in coabitazione con Messi, mentre del Cska c’è da temere soprattutto l’uno contro uno di Sigurdsson contro Santon. quota SNAI  a favore della Roma, vincente per  2.00, contro la vittoria Cska a 3.75 e il pareggio a 3.45. Ma la partita Di Francesco potrebbe vincerla con intelligenza più che con forza, e allora occhio alla X al Primo Tempo a 2.15.

VIKTORIA PLZENREAL MADRID – Non è che due vittorie facili in Copa del Rey e Liga cambino tutto. Ma Solari sa che queste due partite prima della sosta, Champions e campionato, gli consegnerebbero definitivamente la panchina qualora arrivassero altre due vittorie. E la squadra sembra essere con lui e il suo atteggiamento rispettoso. Rimangono però le assenze pesanti di Carvajal, Varane e soprattutto Marcelo. Troppo bassa la quota sulla vittoria semplice del Real Madrid, molto più succulenta quella sull’X con handicap a 4.00.

BAYERNAEK ATENE – Se non si sblocca nemmeno oggi il Bayern, allora che se ne vadano in birreria. E non basterebbe appigliarsi all’eventuale improvvisa assenza dell’ultima ora di Robben: 1 con handicap di 2 gol a 1.75.

BENFICAAJAX – Le sei Coppe dei Campioni in campo servono soprattutto al Benfica per provare a fermare l’incredibile corsa dell’Ajax, primo al momento. Varie assenze per parte, ma soprattutto se il Benfica non vince l’addio alla Champions è virtualmente decretato: Gol per Snai a 1.60.

MANCHESTER CITYSHAKHTAR – In Ucraina il City è tornato finalmente a fare il City, adesso ci si attende che Guardiola dia la seconda ripassata: l’assenza di Fernando pesa allo Shakhtar più di quella di DeBruyne per i mancuniani: 1 con 2 gol di handicap a quota SNAI 1.83.

LIONEHOFFENHEIM – Entrambe con varie assenze, ma visti i 3 punti di ritardo dei tedeschi, la partita è definitiva: se perde l’Hoffenheim è fuori, se pareggia quasi. Molto basso il Gol generico, occhio a quello nel Secondo Tempo a 2.20

 

(Credits: Getty Images)

(716)

Tancredi Palmeri Autore SNAI che tratta di calcio, con le quote presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI