Europa League, le quote del ritorno del secondo preliminare

Europa League, le quote del ritorno del secondo preliminare

Europa League, le quote del ritorno del secondo preliminare

97
1

‘Non dire gatto…’ potrebbe essere lo slogan perfetto per descrivere l’andata di alcune delle partite che prendiamo in esame per il ritorno del secondo turno preliminare di Europa League che si completa stasera. Hanno detto troppo presto ’gatto!’ la Dinamo Brest e l’Asteras Tripoli rispettivamente responsabili di avere dilapidato un vantaggio consistente (da 4-0 a 4-3) e di essersi vista sfuggire una vittoria fuori casa nel Secondo Tempo (da 0-2 a 3-2 per i greci impegnati in Scozia). Della truppa sprecona fa parte a buon diritto l’Atalanta che concede due occasioni ai bosniaci del Sarajevo e quelli le sfruttano entrambe per portare a casa un insperato pareggio con goal (2-2). Una sorte simile è capitata al Mariupol (Ucraina) raggiunto nel recupero dai più quotati svedesi del Djurgarden. La sorpresa maggiore ce l’ha regalata l’Aberdeen, capace di sfruttare l’impreparazione degli inglesi del Burnley sfiorando il colpaccio (1-1 finale). Andiamo a vedere cosa ci riservano questi cinque incontri di ritorno.

ATROMITOS-DINAMO BREST (ore 19:15, andata 3-4)
Non sappiamo come si dica ‘che peccato!’ in bielorusso, però il senso di spreco tra le fila della squadra che ha come presidente Diego Maradona (non è uno scherzo…) deve essere altissimo.
Pensate che, al 70’, la Dinamo conduceva 4-0! Roba da far cambiare canale o lasciare lo stadio in anticipo. Poi apri televideo o ti sintonizzi sulla radio, e ti rendi conto che gli ospiti te ne hanno piazzati 3 in quattordici minuti, incluso lo sfortunato autogol di Oleg Veretilo che degli XI più riserve scese in campo la settimana scorsa deve essere quello che si sente più da schifo per il risultato finale maturato negli incredibili 90’ dello ‘Brestsky’. La sensazione è che, il senso di smarrimento per l’impresa mancata, possa avere il sopravvento sul piano psicologico in questa gara di ritorno: infatti, nonostante la prima vittoria assoluta in tre partecipazioni complessive, i bielorussi non hanno mai passato il turno di riferimento. Sul piano statistico, consolano i due precedenti fuori casa: due pareggi col medesimo risultato (1-1) che darebbero la qualificazione. L’X è dato a 3.60 mentre l’1-1 a 7.00, numeri che confermano l’Atromitos come sicuro favorito: 1 a 1.70. Noi puntiamo con quota SNAI sul Combo Match, 1 con Gol a 3.45.

ASTERAS-HIBERNIAN (ore 20:00, andata 2-3)
Sconfitta di misura fuori casa anche per l’altra greca impegnata in questa fase. Qui, però, è l’Asteras a mordersi le dita di entrambe le mani. Gli Arkades infatti conducevano il match ad Edinburgo per 0-2 e nulla lasciava immaginare un ritorno di fiamma degli Hibs i quali, invece, con vero spirito Highlander, cominciavano lentamente ad erodere le certezze degli ospiti, mettendo a segno una clamorosa rimonta dal 64’ al 93’. Simbolico che a suonare la riscossa con il primo goal sia stato Efe Ambrose, uno che passando da Glasgow (sponda Celtic) non ha lasciato ottimi ricordi europei ed il cui nome è quasi sinonimo di disastro. Tutto da rifare per i greci che comunque si tengono il doppio gol fuoricasa del bomber di scorta Kyriakopoulos (è un centrocampista). Il 22enne di Patrasso è reduce da una stagione a corrente alternata, non benissimo la prima parte, buona la seconda in cui ha contribuito alla quinta qualificazione all’Europa League dopo l’ultima esperienza nel 2015 terminata alla fase a gruppi. Adesso, per i gol, gli occhi sono puntati sul vero bomber, Michalis Manias, che con le sue 12 reti nella scorsa stagione è stato il cannoniere della squadra ed il quarto miglior marcatore della Super League. Gol quasi scontato a 1.80 (l’Over 2,5 pure a 1.87). Noi ci buttiamo con quota SNAI sull’Over 3,5 a 3.05.

MARIUPOL-DJURGARDEN (ore 19:00, andata 1-1)
Vi risparmiamo la fatica di controllare dove sia Mariupol sulla cartina dell’Europa: a quasi due ore da Donetsk (e questa, calcisticamente, dovrebbe dirvi qualcosa) Mariupol è una cittadina di quasi 500mila abitanti che si affaccia sul Mar d’Azov, parte settentrionale del Mar Nero che bagna Ucraina e Russia. Come avete ben capito, si tratta di uno dei territori oggetto di contesa tra Ucraina e forze separatiste russe, faccende spinose che poco hanno a che vedere con il football ma che, come nel caso dello Shakhtar Donetsk, finiscono per influire sulle vicende sportive e societarie dei club territorialmente coinvolti. Tuttavia, non è per ragioni politiche che il Mariupol non può ospitare il Djurgarden al ‘Volodymyr Boiko’, ma le modeste dimensioni dell’impianto casalingo hanno costretto il club a spostarsi ad Odessa nello stadio del ‘Chernomorets’. Il gol in recupero di Aljou Badji (94’) ha schiantato le speranze ucraine di tornare a casa col gol di vantaggio e la porta inviolata: rimane il goal fuori casa che dà per buona anche l’opzione del pareggio senza reti (0-0 a 7.50) come nella Coppa UEFA 2004-05 contro l’Austria Vienna (secondo preliminare di andata), in quella che finora era stata la prima ed unica storica partecipazione del club in questa competizione. Nel frattempo, nel weekend, il Mariupol ha esordito malissimo nella Prem’er Liga ucraina perdendo 1-4 col Desna. In campionato gli svedesi, invece, non perdono da 8 partite ma hanno collezionato due vittorie e due pareggi dopo la pausa di giugno. Partita delicata dove andiamo con quote SNAI per il Combo Match No Gol ed Under 2,5 a 1.90.

BURNLEY-ABERDEEN (ore 20:45, andata 1-1)
La paura fa 80, come i minuti che ci mette il Burnley a segnare un goal all’Aberdeen. In rimonta. I Clarets infatti vanno sotto già al 19’ quando concedono un rigore ai Dons che lo trasformano Gary Mackay-Steven, delirio al ‘Pittodrie’, stadio che in Europa riserva sempre una grande atmosfera a queste latitudini. Statistiche alla mano, l’Aberdeen se l’è giocata ed anche egregiamente contro un avversario sulla carta, ma solo su quella, più forte e con un budget sufficiente a comprarsi tutto il club scozzese solo con alcuni dei suoi titolari. Lo spavento dovrà servire di lezione ed il goal riparatore di Sam Vokes fare da fondamenta su cui costruire la qualificazione al ‘Turf Moor’ dove il Burnley, nella passata stagione, ha concesso solo 5 sconfitte e 22 reti in 19 incontri, non male per una squadra che ad inizio stagione doveva solo pensare a salvarsi ed ora si trova in Europa League. Nulla da perdere per gli scozzessi che andranno in Inghilterra a dare fastidio: ne potrebbe uscire una partita divertente e ricca di gol con quote SNAI per un Combo Match Gol e Over 2,5 a 2.75.

SARAJEVO-ATALANTA (ore 20:15, andata 2-2)
E’ ovvio che, per noi, il maggiore rimpianto sia l’Atalanta. La squadra di Gasperini deve davvero guardarsi allo specchio e prendersi a ceffoni per avere buttato alle ortiche una qualificazione messa quasi in ghiaccio nel Primo Tempo del ‘Mapei Stadium’ di Reggio Emilia, la casa europea della Dea. Il Sarajevo è tornato in Bosnia quasi senza credere ai propri occhi per il regalo fattogli: 2 tiri nello specchio, 2 reti. Statistiche alla mano, l’Atalanta ha fatto lo stesso, ma la mole di gioco prodotta, il dominio dello spazio e del pallone mostrati nel Primo Tempo non facevano presagire il peggio, ma l’Atalanta ha sprecato troppo per stessa ammissione del tecnico piemontese. Sono bastate due dormite in fase difensiva per regalare l’enorme vantaggio dei due gol fuori casa agli ospiti che, nel ritorno, possono limitarsi a spingere al minimo visto che anche un pareggio per 1-1 (dato a 9.25) darebbe la qualificazione ai padroni di casa che riempiranno i 37,000 posti dell‘Asim Ferhatović Hase Stadion’ per un’impresa storica: battere una squadra italiana e raggiungere il terzo turno preliminare per la quinta volta da quando esiste l’Europa League. Gasperini toglie pressione dalle spalle dei suoi, per evitare di doversi fasciare la testa ancora prima di averla veramente sbattuta. In fondo ci sono sempre 90’ da giocare ancora ed i suoi hanno dimostrato di saperci fare come sempre: ‘non ho molto da rimproverare nei confronti dei miei calciatori hanno dominato a lungo e speravo non mancasse la lucidità, ma in questa fase della stagione ci sta.’ L’Atalanta ha dimostrato di saper creare molte opportunità anche in una fase delicata come questa e queste potrebbero aumentare se, come spera il tecnico di Grugliasco, i nerazzurri recupereranno gente del calibro di Freuler (rimpiazzerebbe Pessina) ed Ilicic (anche se i postumi di un infezione ai denti non lasciano ben presagire per stasera), entrambi assenti nell’incontro di andata. Lo stesso varrà per Duvan Zapata che, con una settimana di allenamenti in più, dovrebbe partire titolare in un tridente con Gomez e Ballow visto che l’obiettivo e farne l’erede di Petagna, accasatosi alla SPAL. Pasalic non sarà disponibile per questo turno per stessa ammissione del tecnico. Puntiamo con quota SNAI sul gol di Zapata a 2.00.

ATROMITOS-DINAMO BREST(1+G – 3.45)
ASTERAS-HIBERNIAN (O3,5 – 3.00)
MARIUPOL-DJURGARDEN (NG+U2.5 – 1.90)
BURNLEY-ABERDEEN (G+O2,5 – 2.65)
SARAJEVO-ATALANTA (ZAPATA MARCATORE SI’ – 2.00)
Scommessa 10€ – Possibile vincita 1.059,61€

Gioca sempre responsabilmente.

Credits: Getty Images

(97)

Angelo Palmeri Scrive di calcio estone e dell'est su www.rumodispo.com ed è apparso con di... VAI ALLA PAGINA AUTORE

Commento(1)

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI