Europa League, fase a gruppi: le quote della terza giornata

Europa League, fase a gruppi: le quote della terza giornata

Europa League, fase a gruppi: le quote della terza giornata

113
0

Per la terza giornata di Europa League, consueto focus sulle tre italiane impegnate nella fase a gruppi: il Milan e l’Atalanta puntano a risollevarsi contro l’AEK Atene e l’Apollon Limassol dopo le sconfitte in campionato, mentre la Lazio cerca conferme a Nizza contro Balotelli&Co. In lavagna anche le quote di Everton-Lione e Hoffenheim-Basaksehir.

NIZZA-LAZIO (Grupp K, ore 19:00)
Entrambe prime, entrambe a punteggio pieno, entrambe proiettate ai sedicesimi di finale in primavera. Non c’è concorrenza che tenga nel Gruppo K, dopo i primi 180’ comanda chi deve comandare. Migliore la differenza goal dei francesi che allo Zulte ne hanno fatti cinque laddove la squadra di Inzaghi si è accontentata di un gol per tempo. Poco male. Lo scontro diretto può rimettere le cose a posto e lanciare i biancocelesti alla guida del girone sugellando un mese fantastico. Domenica c’è il Cagliari, non certo una corazzata ed in più è in balia del cambio di allenatore; ma Inzaghi è cosciente che, col turno infrasettimanale a Bologna il 25, sarà una tirata sino alla sosta delle nazionali che precederà il Derby della Capitale: il tecnico piacentino mira ad arrivarci senza perdere punti e uomini per strada. Quindi, via al turnover, tanto più che tra 15 giorni il Nizza lo si reincrocia all’Olimpico: De Vrij, Parolo, Leiva e Luis Alberto dovrebbero riposare con Nani in rampa di lancio dal primo minuto e sarebbe una prima volta; Caicedo (autore del secondo gol contro lo Zulte) verrà schierato come punta al posto di Immobile. Inzaghi, ai microfoni di UEFA.com, conferma di tenerci all’Europa League, ma sa anche che la posta in palio in campionato (piazzamento Champions) è anche più importante e l’obiettivo è tenere la Roma dietro sino al 18 novembre. Il Nizza, invece, in campionato è a distanze siderali dalla vetta (14^ a -15 dal PSG in fuga) per cui Favre punta tutto sull’Europa League e dovremmo vedere i titolari classici nel suo 4-4-2 che includerà Supermario. Scontato il Gol a 1.57, noi puntiamo sulla quota SNAI dell’X finale a 3.40.

ATALANTA-APOLLON LIMASSOL (Gruppo E, ore 21:05)
Non esistono nè precedenti calcistici nè mitologici tra Atalanta ed Apollon. I due club si incontrano per la prima volta nella loro storia come mai prima si sono incrociati gli Dei protettori: la cacciatrice Atalanta non figura nella lunga lista delle amanti del Dio del Sole e difficilmente comincerà a farne parte stasera. L’Atalanta, quella in nerazzurro, infatti è a caccia di punti per scacciare il malessere post-Marassi e cominciare a mettere una piccola ipoteca sul discorso qualificazione. Il pareggio di Lione non ha avuto conseguenze visto che l’Apollon ha fatto davvero un bel regalo alla Dea andando a pareggiare al Goodison Park con una rete all’88’. I ciprioti, contro qualsiasi previsione, si candidano a rivali nel girone dopo 180’ che vedono sia l’Everton che il Lione ancora a secco di vittorie. L’occasione è ghiotta visto che una delle due finirà fuori strada, a patto che l’Atalanta riprenda il discorso con i 3 punti: la squadra di Gasperini lo ha interrotto un mese fa (20 settembre, 5-1 al Crotone). A tenere in ansia il tecnico di Grugliasco è proprio Gomez: l’argentino ha rimediato un brutto pestone nello scontro con Quagliarella ed ha saltato gli allenamenti, nulla di rotto ma un’ematoma sufficiente a fermarlo per qualche giorno. Il dilemma sarà se fargli stringere i denti dal primo minuto, o tenerlo in panchina per il secondo tempo. Più probabile la seconda soluzione (a quel punto 3-4-1-2 con Cristante nel ruolo di trequartista alle spalle delle punte) col Papu pronto ad entrare e levare le castagne dal fuoco nel caso l’Atalanta si complichi la vita. I ciprioti hanno fermato anche l’Everton (1-1) e punteranno su difesa e ripartenze. L’Atalanta ha gli stessi ‘problemi’ di calendario da qua alla pausa. Puntiamo sulla quota SNAI dell’X al Primo Tempo a 2.60.

EVERTON-LIONE (Gruppo E, ore 21:05)
Da Reggio Emilia a Liverpool, sponda Toffees. Non possiamo perderci il doppio confronto nel Gruppo E perchè la serata del Goodison Park regala uno dei pochi incontri di cartello di questa fase a gruppi.
Inglesi e francesi per una volta si trovano d’accordo: guardando in giro tra nomi e posizioni in classifica, sono, sinora, le due grandi deluse dell’Europa League, dopo 180’ le vittorie sono zero. La squadra di Ronald Koeman è ultima ad un punto e rischia una brexit durissima se stasera non vince contro la semifinalista del 2016-17. Nemmeno Bruno Genesio può essere troppo contento dei risultati e della classifica: avendo ormai 9 punti dal PSG (Les Gones sono sesti in Ligue 1) l’Europa League diventa quasi tutto. Più critica la situazione interna dell’Everton: a 2 punti dalla zona retrocessione anche se in buona compagnia (altre 4 squadre a 8 punti) e con l’Arsenal alle porte domenica. Difficile capire cosa giocarsi, ma rimanere in Premier (economicamente e non solo) vale più dell’Europa (League) ed il turnover contro i francesi potrebbe essere una realtà. Genesio recupera Marcelo in difesa (squalificato nel vittorioso incontro contro il Monaco che ha messo il PSG in fuga) e con lui, spera, anche una maggiore solidità difensiva. Sicura la rinuncia a Mariano Diaz (problema agli adduttori) e ad altri infortunati di lungo corso (Mendy, Cheikh, Diop e Grenier). Ghiottissima la quota SNAI del 2 al 90’ a 2.50.

MILAN-AEK ATENE (Gruppo D, pre 21:05)
Ormai sembra lontana anni luce la luna di miele estiva del Milan di Montella: vittorie in serie, Europa League raggiunta scivolando sul velluto di avversari più che alla portata e ottimismo per gli investimenti fatti. Dopo due mesi sarebbe folle buttare via tutto, ma indubbiamente la delusione è tanta. Per alcune prestazioni individuali non all’altezza della fama e dei contenuti attesi (Bonucci e Ricardo Rodriguez), per l’atteggiamento collettivo in determinate partite (il primo tempo nel Derby è sul banco degli imputati) ed ovviamente per alcune scelte dell’allenatore (il Milan non dovrebbe fare a meno dell’entusiasmo e della voglia di sfondare di Cutrone). Against all odds, direbbero gli inglesi (contro tutte le aspettative), Montella mantiene la panchina nonostante le 3 sconfitte consecutive in campionato (Samp, Roma, Inter) e le balbuzie mostrate nell’esordio casalingo contro il Rijeka (battuto solo al 94’ con un gol proprio di Cutrone). Il ’98 comasco potrebbe davvero diventare il ‘salva-Montella’. Il ragazzo fa ovviamente il modesto sul suo utilizzo, però lo hanno visto anche i piccioni di San Siro che, con lui in campo, davanti c’era un altro piglio nel prendere gente come Miranda e Skrinjar che sino a domenica aveva concesso 3 gol in 7 partite. Al 99% il ragazzo comincerà l’incontro a fianco di André Silva: Montella non nasconde che farà turnover, ma anche che ha l’esigenza di trovare gli equilibri giusti da usare in campionato. Turnover con giudizio e messaggio alla difesa nel parlare dell’AEK: ‘davanti sono molto, molto svelti, dovremo fare molta attenzione.’ Chi doveva spostare gli equlibri in estate è stato avvisato. Anche l’AEK viene da una partita acciuffatta allo scadere: pareggio al 90’ contro l’Austra Vienna a firma dell’ex interista Livaja che potrebbe ancora sentire il profumo del Derby nel tunnel che porta al prato verde della ‘Scala’. La quota SNAI del Gol a 1.90 è molto interessante.

HOFFENHEIM-BASAKSEHIR (Gruppo C, ore 21:05)
Anche in Germania c’è poco da essere allegri. L’Hoffenheim (in compagnia di Hertha Berlino e Colonia, 1 punto in 3 in 180’) non sta offrendo il meglio del calcio teutonico ed è il fanalino di coda del Gruppo C. In pratica, la partita di stasera della Rhein-Neckar-Arena è già un ‘dentro o fuori’ per le (scarse) ambizioni europee del club del Baden-Württemberg. Come dar loro torto: la squadra di Nagelsmann (in predicato di guidare il Bayern a giugno, ma non diteglielo che si arrabbia) corre e bene in Bundesliga e, se il campionato fosse finito sabato (2-2 contro l’Augusta) i Die Kraichgauer sarebbero con entrambi i piedi in Champions League. Possibile che Nagelsmann concedi qualcosa al turnover ed ai turchi che li precedono con 2 punti. Anche la squadra capitanata da Belozoglu Emre e guidata da Abdullah Avci non sembra particolarmente attratta dall’Europa minore. Il club della parte europea di Istanbul è alla caccia del Galatasaray (-6 il distacco in Super Lig) ma ha tutte le rivali immediatamente alle spalle. Lunedì Avci&Co sono attesi da un infuocato derby con il Besiktas campione in carica, normale che anche qui si possa effettuare un discreto cambio di uomini. Troppo ghiotta la quota SNAI dell’X (politico) al 90’ a 4.50.

NIZZA-LAZIO (X – 3.40)
ATALANTA-APOLLON LIMASSOL (X T1 – 2.60)
EVERTON-LIONE (2 – 2.50)
MILAN-AEK ATENE (GOL – 1.90)
HOFFENHEIM-BASAKSEHIR (X – 4.50)

Scommessa 10€ – Possibile vincita 1889,55€

(113)

Angelo Palmeri Scrive di calcio estone e dell'est su www.rumodispo.com ed è apparso con diversi ar... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI