L’Inter sfida sé stessa, le assenze e l’Eintracht

L’Inter sfida sé stessa, le assenze e l’Eintracht

L’Inter sfida sé stessa, le assenze e l’Eintracht

284
0

Tra poche ore l’Inter scende in campo per un ottavo di finale in Europa League che deciderà una porzione di stagione. Gli obbiettivi rimasti sono la permanenza nella coppa e la qualificazione alla prossima Champions, in una stagione diventata deludente dall’eliminazione subita in casa per non essere riusciti a battere i già eliminati olandesi del PSV Eindhoven. Da quel momento all’Inter sono scoppiati bubboni a ripetizione, da Nainggolan a Perisic, passando per le esternazioni di Wanda Nara, che per questo ieri ha persino ricevuto un premio (Socrate) per la libertà di espressione (che dovrebbe far riflettere sui criteri di come certi riconoscimenti vengono assegnati), arrivando a Icardi, le magagne societarie e le invettive di Spalletti verso l’ex capitano, imbronciato nella sua casa, silente e ormai prossimo alla Juve o al Real, dopo aver contributo a causare un danno incalcolabile, la cui entità verrà formulata a danni già fatti (eventuale eliminazione dell’Inter e mancata qualificazione alla Champions).

L’Inter è stata risucchiata in classifica e ha perso il terzo posto, la Roma è ad un passo e il derby alle porte arriverà dopo lo sforzo di coppa e un numero importante di assenti.
Questa sera scende in campo con una situazione che ricorda molto quella capitata ad Andrea Stramaccioni, con mezza squadra fuori causa e 11 titolari contati.
Uno dei motivi è legato alla lista Uefa che priva l’Inter di un difensore (Dalbert) e due centrocampisti (Gagliardini e Joao Mario). Gli altri sono invece legati ad infortuni, a partire dall’ormai abituale Nainggolan, il quale sembra essere arrivato a Milano in qualità di ex giocatore, Miranda realmente ko per un brutto colpo al naso assestato da Petagna, Asamoah e Martinez squalificati, più il già citato Icardi infortunato senza esserlo realmente.

La squadra questa sera scenderà dunque in campo con Handanovic; Cedric, De Vrij, Skriniar, D’Ambrosio in difesa oppure con Ranocchia, per avanzare Skriniar a centrocampo dove certamente giocheranno Vecino e Borja Valero. In avanti Candreva, che in questi due anni ha la peggiore percentuale realizzativa della sua carriera, Politano che può essere schierato laterale o falso nove, con Perisic ad assisterlo. Il dubbio è legato a Keita Baldé. Schierarlo dal primo minuto, considerando i due mesi di assenza sembra un azzardo, in una partita in cui la sua autonomia è limitata e c’è il derby dopo soli tre giorni.
In panchina Padelli, (Ranocchia), Zappa, il recuperato Brozovic, Schirò, Gavioli, Esposito e Merola.

L’Eintracht invece rinuncia ad Adi Hütter, squalificato, insieme a Fernandes. De Guzman dovrebbe affiancare Rode. Diversamente Falette o Russ in difesa con Hasebe a centrocampo. Ancora fuori Rebic, spazio a Gacinovic che fornirà assistenza ad Haller e Jovic in avanti. C’è apprensione per i 14.000 tedeschi al seguito della loro squadra. La strana decisione di dare tutti quei biglietti, creando pericoli di ordine pubblico, sta costringendo le forze di polizia alla massima allerta, specie considerando alcuni volantini violenti che giravano a Francoforte.

Spalletti fa bene a non dare alibi alla squadra, caricando le responsabilità di chi scenderà in campo ma doveva evitare l’ennesima polemica con Icardi. È evidente che la qualificazione ai quarti darebbe una grande carica, così come un’eliminazione sarebbe un altro problema in uno spogliatoio già disunito, in vista della partita fondamentale col Milan. In ogni caso andrebbero evitati come la peste i supplementari ma l’Inter può decidere del suo destino fino ad un certo punto, considerando i limiti della rosa e dell’organico a disposizione.

Non è detto che la squadra non tiri fuori una prestazione orgogliosa e riesca a fare una partita perfetta come si augura il tecnico.

(Credits: Getty Images)

(284)

Lapo De Carlo Giornalista, conduttore televisivo, radiofonico e conduttore di RMC Sport è anche esperto di conduzione e comunicazione. Collabora con la medesima ... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI