In attesa delle prossime due semifinaliste

In attesa delle prossime due semifinaliste

In attesa delle prossime due semifinaliste

76
0

Da stasera avremmo chiare le 4 semifinaliste di Europa League!
Dopo le prime due partite di ieri dove hanno visto emergere Inter e Man. United, stasera tocca alle altre due che decreteranno le ultime semifinaliste di Europa League.

Shakhtar Donetsk – Basilea. La sblocca Junior Moraes?
In campionato, i padroni di casa hanno dominato l’edizione 2019/20 della Premier League ucraina e si sono aggiudicati il quarto titolo nazionale consecutivo mentre gli ospiti hanno concluso al terzo posto il massimo campionato svizzero, alle spalle degli Young Boys di Berna e del San Gallo, ma sono ancora in corsa per la Coppa Svizzera. Sulla carta gli ucraini sono superiori tecnicamente e lo abbiamo visto anche pochi giorni fa quando si sono imposti per 3-0 sul Wolfsburg, ma stasera si trova con un’assenza pesante in difesa, Davit Khocholava, che potrebbe dare ai ragazzi di Marcel Koller la carica giusta per una ripartenza in contropiede. Anche in casa Basilea, però, ci sono dei problemi in difesa: sarà assente per squalifica Eray Comert e il portiere Jonas Omlin non è in ottime condizioni. Sarà difficile che anche stasera Omlin mantenga la porta inviolata come in tutte le sue ultime 5 partite di EL considerando anche che lo Shakthar ha segnato più di 2.5 gol nelle loro ultime 6 partite di EL.
E se è una partita dove i gol la faranno da padrone, chi potrebbe essere il primo marcatore del match? Ci sono alte probabilità che sia proprio Junior Moraes dello Shakthar a sbloccare la partita. Il brasiliano infatti ha segnato 11 gol e fatto 2 assist in 16 partite di EL, il doppio dei tiri di qualsiasi altro giocatore della squadra in questa stagione. Per il Basilea, invece, è Fabian Frei il giocatore che ha collezionato più reti per i suoi e Raoul Petretta quello che ha fatto più assist.

Wolves – Siviglia. Nuno Espirito Santo vs Lopetegui tra pochi gol e molte giocate
Prima sfida ufficiale tra le due squadre, con il Siviglia che è rimasto imbattuto nelle ultime 18 gare in tutte le competizioni (record nella storia del club). Gli spagnoli sono abituati a dare spettacolo in Europa League, vincendo per cinque volte tra il 2006 e il 2016 e contro la Roma lo scorso giovedì, hanno confermato il proprio feeling con questa competizione. Dall’altra parte, però, il Wolves, grazie al fenomenale lavoro di Nuno Espirito Santo, in poche stagioni hanno abbandonato la seconda serie e hanno acquistato credibilità sia in Premier League che a livello internazionale. Per loro questa competizione sta durando da oltre un anno se si pensa che sono partiti dai turni preliminari e stasera sono pronti a dare il 200% in questo emozionante e super atteso quarto di finale contro il Siviglia di Julen Lopetegui, un Siviglia che ha di fatto già un posto certo in Champions il prossimo anno essendo arrivato quarto in Liga Spagnola.
Analizzando il match, possiamo dire che il Wolves è molto forte nel difendere il vantaggio e potrebbero finire il primo tempo sopra di un gol, ma gli uomini di Lopetegui hanno più esperienza in Europa e questa potrebbe essere la carta vincente perché se davvero il primo tempo finisse con il Wolves in vantaggio, durante la ripresa il Siviglia farà vedere ciò di cui è capace, primo su tutti: i tiri su calcio piazzato.

 

(Credits: Getty Images)

(76)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE