Italiane in Champions, match point Atalanta: cosa deve accadere per averne sei (e nove nelle coppe)

Italiane in Champions, match point Atalanta: cosa deve accadere per averne sei (e nove nelle coppe)

Italiane in Champions, match point Atalanta: cosa deve accadere per averne sei (e nove nelle coppe)

21
0

La vittoria dell’Atalanta in casa contro la Roma ha messo in discesa la rincorsa dei bergamaschi alla qualificazione in Champions League. La formazione guidata da Gian Piero Gaasperini ha dominato lo scontro diretto di ieri sera al Gewiss Stadium ben più di quanto non dica il 2-1 finale e ora ha tre punti in più dei giallorossi, il vantaggio negli scontri diretti e una gara ancora da recuperare. In sostanza, può permettersi di vincere una sola delle prossime tre partite in Serie A contro LecceTorino (in trasferta) e Fiorentina per avere la certezza di strappare il pass in vista del prossimo anno.

In alternativa, l’Atalanta giocherà la Champions League anche in caso di arrivo sotto il quinto posto qualora dovesse vincere la finale di Europa League contro il Bayer Leverkusen. La stessa Roma, ma anche la Lazio che oggi è settima a un solo punto dai rivali cittadini e spera nel sorpasso, tifa per i bergamaschi in Coppa. Qualora infatti al Dea dovesse alzare il trofeo e arrivare sotto il quarto posto (ad oggi è quinta) libererebbe il posto in Champions per chi tra le due romane arriverà sesta. Lo slot aggiuntivo non ci sarebbe invece qualora i nerazzurri dovessero arrivare dalla quarta posizione in su. Ipotesi non così peregrina considerando che Bologna e Juventus hanno soltanto quattro punti in più dell’Atalanta, giocheranno due partite e non tre come la Dea e che nel penultimo turno di campionato c’è lo scontro diretto al Dall’Ara tra emiliani e piemontesi.

In tutto questo l’Italia spera ovviamente di poter portare il numero più ampio possibile di pretendenti nelle coppe europee e può ancora arrivare a quota nove. Oltre alle due condizioni di cui sopra (Atalanta vincitrice dell’Europa League e classifica in A dal quinto posto in giù) deve infatti arrivare anche la vittoria della Fiorentina in Conference League nella finale contro l’Olympiakos e i viola non devono arrivare nelle prime otto posizioni. Al momento la squadra di Italiano è nona, ma a una sola lunghezza dal Napoli ottavo e con due partite in meno (una stasera col Monza e il recupero con l’Atalanta del 2 giugno). Venerdì 17 c’è lo scontro diretto Fiorentina-Napoli. Qualora i toscani dovessero invece arrivare nelle prime otto posizioni, vincendo la Conference League, acquisirebbero il diritto a disputare l’Europa League ma lascerebbero l’Italia senza rappresentanti in Conference.

(Getty Images)

(21)

Redazione Redazione SNAI Sportnews... VAI ALLA PAGINA AUTORE