Ligue 1, bagarre per un posto nell’Europa che conta

Ligue 1, bagarre per un posto nell’Europa che conta

Ligue 1, bagarre per un posto nell’Europa che conta

32
0

In Ligue 1, eccezion fatta per il PSG, laureatosi già campione di Francia per la decima volta nella sua storia, la situazione delle altre contendenti ad un posto per la Champions League 2022/2023 è ancora tutta da decidere. Con tre partite da disputare e 9 punti da assegnare, sono ben 5 le squadre ancora in lizza per i due posti che varrebbero l’accesso nella massima competizione europea, con la terza classificata costretta però a passare dai preliminari.

Dietro il PSG: Marsiglia, Monaco, Rennes e le altre…

Neppure il Marsiglia – unica francese nella storia ad aver alzato la coppa dalla grandi orecchie – che attualmente occupa la seconda piazza forte dei suoi 65 punti può ritenersi al sicuro. I focesi hanno solo 3 punti in più del Rennes, che affronteranno durante la penultima giornata di campionato. Nel girone d’andata sono stati les Olympiens ad avere la meglio in casa imponendosi per 2-0, ma ora la musica potrebbere cambiare visto l’ottimo rendimento del club di Bretagna sul prato amico. Il Rennes è infatti la seconda miglior formazione di Francia nei match casalinghi, dietro solo al PSG. D’altro lato, però, il Marsiglia, pur non eccellendo al sempre fiammeggiante e passionale Velodrome, è la squadra che ha conquistato più punti in trasferta, ben 36 contro i 32 delle stelle parigine. Ad ogni modo, per arrivare con maggiore serenità allo scontro diretto del prossimo weekend – sfumata anche l’occasione di acciuffare la Champions con un trionfo in Europa League, data l’eliminazione rimediata ieri contro il Feyenoord – la squadra di Sampaoli dovrà cercare di ottenere il miglior risultato possibile nel match di domenica in trasferta contro il Lorient, ancora invischiato nella lotta per la salvezza. Gli arancioneri non conquistano punti contro i marsigliesi dal 2016.

Ma la lotta per la prossima Champions è davvero serratissima ed al quarto posto, a paripunti con il Rennes, troviamo il Monaco. Il club del Principato è la squadra nettamente più in forma del campionato transalpino, essendo reduce da ben 7 vittorie consecutive, tra cui quelle pesantissime contro PSG, Rennes ed il derby provenzale contro il Nizza. I ragazzi di Philippe Clement apriranno quest’oggi la trentaseiesima giornata di Ligue 1 in trasferta contro i campioni 2020/2021 del Lille, i quali, lontani dai fasti dello scorso anno e fuori dalla zona Europa, hanno raccolto una sola vittoria nelle ultime 6 partite e si trovano a militare in quella zona grigia della classifica che taglia le gambe a obiettivi e desideri. I biancorossi sembrano inoltre attraversare un’ottima fase anche per quanto riguarda l’efficacia del reparto offensivo, grazie sicuramente al contributo del secondo miglior marcatore della lega: Ben Yedder. L’attaccante di origine tunisina ha trafitto la rete avversaria per 6 volte nelle ultime 7 sfide, mettendo insieme un bottino di 21 reti, secondo solo alle 24 di Mbappè. Da tenere d’occhio, sempre tra le fila dei monegaschi, anche Myron Boadu, il quale ha segnato entrando a partita in corso nelle ultime 3 trasferte. Ad affrontare il Lille nell’ultima giornata di Campionato, per rendere ancora più equilibrati i termini della contesa, sarà invece il Rennes.

Aggiungi un posto in Coppa

Tuttavia la quota del glam provenzale per la rincorsa all’Europa dei migliori non finisce qui, al quinto posto troviamo infatti, con 60 punti (dunque 5 dal Marsiglia e 2 da Rennes e Monaco), l’OGC Nice. La rossonera regina della Costa Azzurra, come il Marsiglia, nota, tra le altre cose, per lo spiccato sentimento identitario e comunitario della propria tifoseria, sarà impegnata domani nella finale di Coppa di Francia contro il Nantes. Per i nizzardi, reduci da 3 vittorie e 2 sconfitte nelle ultime 5 partite, la vittoria significherebbe rialzare un trofeo dopo ben 27 anni, quando fu sempre la Coupe de France a scaldare per l’ultiima volta la Brigade Sud Nice. Gli aquilotti di Nizza, trionfando, agguanterebbero anche l’accesso diretto all’Europa League del prossimo anno, il che significherebbe comunque fare un passo un avanti, dato che il quinto posto attualmente occupato assicurerebbe invece l’accesso alla Conference League. Sarà interessante vedere se i ragazzi di Galtier – miglior difesa francese – riusciranno a tenere viva la lotta anche sul fronte Campionato, dove l’assalto alla Champions, come accennato, è ancora possibile e sembra anche essere supportato da un calendario alla portata: St. Etienne (in lotta retrocessione), Reims e Lille.

A fare il tifo in Coppa per il Nizza troviamo anche il Racing Strasburgo, sesto in classifica a 57 punti, che in caso di vittoria degli occitani vedrebbe liberarsi un posto in più per l’accesso in Conference League. Per il club di Alsazia molto complesso, ma ancora lasciato aperto dalla matematica è il discorso Champions. I 5 punti di distacco dal Rennes (impegnato mercoledì contro il Nantes) e gli 8 dal Marsiglia (con cui si scontreranno nell’ultima giornata) permettono ancora di sperare, ma per non lasciar chiudere gli ultimi spiragli sarà necessario portare a casa quantomeno un punto nella sfida di sabato a Brest. Un cammino, quello del Racing, che avrebbe dello straordinario se si riporta la mente a 11 anni fa, quando il club fallì per bancarotta e dovette reiniziare la propria scalata partendo dalla quinta divisione, che in Italia, per intenderci, sarebbe l’equivalente dell’Eccellenza.

(Credits: Getty Images)

 

(32)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE