Lotta Champions apertissima

Lotta Champions apertissima

Lotta Champions apertissima

54
0

La 27esima giornata di campionato aumenta ancora di più il divario tra la Juventus e il Napoli portando a +18 il distacco in classifica.

I bianconeri proiettati verso la sfida con l’Atletico Madrid, in cerca della grande rimonta si sbarazzano facilmente di un Udinese inconsistente, mentre il Napoli nel posticipo domenicale non va oltre l’1-1 in casa del Sassuolo denunciando un calo di intensità nel suo gioco. Allegri sta preparando il match del ritorno sapendo di poter ribaltare lo 0-2 dell’andata con scelte coraggiose, anche se sulla fascia dovrà fare a meno di De Sciglio e potrebbe schierare necessariamente Spinazzola. In avanti Dybala potrebbe essere la carta che scombina i piani tattici di Simeone ma è da Cristiano Ronaldo che ci si aspetta il sigillo di una rimonta non così impossibile.

Le motivazioni dei partenopei sono invece inevitabilmente e ulteriormente calate dopo la sconfitta in casa con la Juventus, ma la squadra di Ancelotti deve guardarsi anche da un Milan che si sta avvicinando sempre di più ed è a – 6 punti.
La squadra di Gattuso ha infatti espugnato il Bentegodi dove i padroni di casa sembravano i rossoneri, considerando il numero di tifosi allo stadio. Polemica di Di Carlo per il gol decisivo del Milan, per una rovesciata a suo dire fallosa ma le immagini rivelano anche un fallo di mano di un difensore.

L’Inter invece ottiene una vittoria preziosissima in casa con la Spal, riuscendo a trovare il gol a metà della ripresa grazie a un tiro di Politano deviato da un difensore.
Nel primo tempo era stato annullato un gol a Lautaro Martinez per un tocco col braccio non così evidente che, se la partita si fosse chiusa in parità, avrebbe aperto un caso.

Il successo nerazzurro è tutt’altro che banale considerando le numerose assenze, infatti l’Inter per tutto il primo tempo, ha fatto fatica a imbastire trame di gioco e ad essere realmente pericolosa, poi nel secondo tempo Spalletti ha strigliato i suoi e la squadra è entrata in campo con un’altra intensità, non travolgente ma sufficiente a portare tre punti meritati.

La grana Icardi non è ancora risolta e si protrae, anche se l’epilogo sembra più vicino, con rivelazioni che potrebbero anche stravolgere il senso di quello che è accaduto in questo lunghissimo mese.
I nerazzurri devono però affrontare le prossime due partite con una squadra ridotta all’osso. Con l’Eintracht infatti Skriniar potrebbe essere avanzato, come con la sua nazionale, a centrocampo, in assenza di alternative e con Brozovic fuori causa.
Col Milan si lavora per il rientro di almeno uno dei tanti infortunati ma Spalletti potrà avere una squadra più convincente, considerando che con i tedeschi ci saranno 11 assenze anche per squalifica e liste Uefa.

Brutta invece la scena di Gasperini, espulso per qualche parola di troppo segnalata dal 4° uomo. L’allenatore dell’Atalanta all’ingresso al tunnel che conduceva agli spogliatoi, è venuto a contatto con Massimo Ienca, segretario generale della Samp e lo ha spintonato facendolo cadere quasi a terra.
Sulla vicenda ci saranno probabili conseguenze ma la cosa che interessa più i tifosi dell’Atalanta è certamente la vittoria in trasferta con la Samp. Un successo che fa sognare un club che ora e a soli 6 punti dalla zona Champions. Stesso discorso per il Torino che ha espugnato il campo del Frosinone e si ritrova nel trenino dei sogni europei. Ora, in soli 7 punti sono racchiuse Milan, Inter, Roma, Lazio, la quale ha pareggiato a Firenze ma deve recuperare la gara con l’Udinese all’Olimpico, Atalanta e Torino. Il calendario non è proibitivo per nessuna e le sorprese possono essere davvero tante. Non abbiamo più la lotta scudetto ma resta l’appassionante sfida per andare in Champions ed Europa League.

(Credits: Getty Images)

(54)

Lapo De Carlo Giornalista, conduttore televisivo, radiofonico e conduttore di RMC Sport è anche esperto di conduzione e comunicazione. Collabora con la medesima ... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI