MBAPPÉ COME PELÉ E MESSI EGUAGLIA MARADONA: LA NOTTE DEI NUMERI DIECI

MBAPPÉ COME PELÉ E MESSI EGUAGLIA MARADONA: LA NOTTE DEI NUMERI DIECI

MBAPPÉ COME PELÉ E MESSI EGUAGLIA MARADONA: LA NOTTE DEI NUMERI DIECI

54
0

Francia e Argentina, Messi e Mbappé: quella di ieri è stata indiscutibilmente la grande serata delle due stelle Mondiali. Alle 17 la nazionale guidata da Didier Deschamps ha battuto – a fatica – la Danimarca 2-1 conquistando con un turno di anticipo gli Ottavi di Finale, trascinata – neanche a dirlo – da Kylian Mbappé, autore di due gol e del gol, soprattutto, vittoria. Alle 20, invece, Leo Messi ha guidato la sua Albiceleste al successo contro il Messico, tenendo in vita il discorso qualificazione.

 

MBAPPÉ COME PELÉ

Un gol doppiamente importante per la stella del PSG: non solo perché ha trascinato agli Ottavi la sua Francia, ma anche perché ha consentito al numero 10 francese di eguagliare un mito del calcio come Pelé. Difatti, prima di ieri sera, soltanto il fenomeno brasiliano era riuscito a realizzare sette gol ai Mondiali prima di compiere 24 anni. Ma da ieri non è più solo, perché c’è anche Kylian Mbappé. E poi, gol importante anche per un altro motivo: con la doppietta segnata contro la Danimarca, l’attaccante francese ha raggiunto nella classifica dei bomber all-time della Francia un altro mito, forse il più grande giocatore francese di tutti i tempi (Zinedine Zidane, fermo a quota trentuno). Ma Mbappé è solo agli inizi della sua carriera e ha voglia di continuare a stupire e infrangere record.

 

MESSI EGUAGLIA MARADONA

Dalla Francia all’Argentina, da un numero dieci all’altro: serata decisiva e da ricordare non solo per Kylian Mbappé, ma anche per Leo Messi. In un match a dir poco “importante” per la qualificazione agli Ottavi di Finale e per nulla semplice, considerata la portata dell’avversario (Messico), la Pulce ha sbloccato le cose alla sua maniera, con un sinistro potentissimo e rasoterra che non ha lasciato scampo a Guillermo Ochoa, per la gioia di tutto il popolo argentino presente allo stadio. Gol vittoria e rete numero otto in un campionato del mondo, come otto sono le reti segnate da Diego Armando Maradona ai Mondiali. Ma non è tutto, perché Messi ha eguagliato il Pibe de Oro anche sul piano delle presenze nella competizione (ventuno). Ora, davanti alla Pulce c’è soltanto Gabriel Omar Batistuta, che guida la classifica presenze all-time ai campionati del Mondo dell’Albiceleste a quota trentuno: riuscirà la Pulce a superarlo?

 

(Credits: Getty Images)

(54)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE