MILAN, LEAO E LA DOPPIA PAURA: PER IL NAPOLI E PER IL FUTURO

MILAN, LEAO E LA DOPPIA PAURA: PER IL NAPOLI E PER IL FUTURO

MILAN, LEAO E LA DOPPIA PAURA: PER IL NAPOLI E PER IL FUTURO

20
0

Il Milan è Leao dipendente? Chi ha visto la partita contro la Dinamo Zagabria in Champions League potrebbe rispondere affermativamente, come del resto chi ha assistito alla cavalcata trionfale della passata stagione, nella quale il portoghese è stato spesso decisivo tra gol e assist nel filotto conclusivo. I problemi, allora, adesso sono due: come si farà a sostituire Rafa domenica sera nella sfida scudetto contro il Napoli? Come si farà a trovare eventualmente un giocatore con le sue caratteristiche sul mercato se il Chelsea, o qualunque altro club, dovesse fare un’offerta irrinunciabile a gennaio o la prossima estate? La paura del Diavolo è doppia, affrontiamola una per volta.

MILAN-NAPOLI SENZA LEAO: I NUMERI DEL PORTOGHESE

Il tentativo di rovesciata contro la Sampdoria è costato caro a Rafa Leao, con un’espulsione che non è stata determinante nell’esito della sfida di Marassi, ma che ha causato la conseguente squalifica per il match contro il Napoli. Finora il portoghese ha giocato sempre titolare nelle otto gare stagionali dei rossoneri collezionando tre gol (tutti in campionato) e sei assist, compresi i rigori procurati (equamente suddivisi tra Serie A e Champions League): è rimasto in campo 90 minuti (più recupero) in cinque gare, ed è stato sostituito da Origi nelle uniche due occasioni in cui Pioli lo ha fatto rifiatare, contro Udinese e Atalanta. In parte lo dicono anche i numeri: il Milan campione d’Italia si accende soprattutto con le fiammate della sua unica vera stella.

MILAN-NAPOLI SENZA LEAO: ORIGI, KRUNIC O DEST AL SUO POSTO

Come giocherà il Milan senza Leao contro il Napoli? Pioli l’ha detto: “Nessuno ha le sua caratteristiche, ma abbiamo diverse soluzioni“. Il portoghese sarebbe andato in panchina contro la Sampdoria se Origi non si fosse infortunato. L’ipotesi più probabile, allora, potrebbe essere quella del belga defilato sulla sinistra, ammesso che torni disponibile e che sia al 100%. Il Napoli, però, non è la Samp, e forse Pioli preferirà un atteggiamento più prudente, motivo per cui è da escludere anche l’impiego di Brahim Diaz a sinistra, malgrado i segnali di crescita visti contro la Dinamo Zagabria. Anche Krunic forse non è al top, ma contro la Dinamo è entrato e ha messo nelle gambe minuti necessari per essere impiegato dal 1′ contro il Napoli, a sinistra, in un ruolo decisamente non suo, ma che ha già ricoperto spesso l’anno scorso. C’è poi l’ipotesi Dest, che ha giocato alto a destra lo spezzone di gara che Pioli gli ha concesso in Champions e potrebbe essere impiegato proprio in quella posizione domenica, con lo spostamento di Saelemaekers a sinistra, oppure potrebbe essere impiegato nel suo ruolo di terzino (a sinistra o a destra, con Calabria dall’altro lato) ed Hernandez sulla linea dei trequartisti. Un’ultima ipotesi, improbabile, è il ricorso alla difesa a tre, come nel finale con la Samp, o l’impiego di Kjaer in coppia con Tomori, Kalulu terzino ed Hernandez ala.

MILAN-LEAO, OCCHIO AL CHELSEA

Paolo Maldini ha dato una buona e una brutta notizia ai tifosi del Milan prima dell’inizio della sfida con la Dinamo Zagabria. I rossoneri hanno rifiutato l’offerta informale del Chelsea per Leao quest’estate e adesso sono al lavoro per rinnovare il contratto al giocatore, in scadenza nel 2024. Del resto i 2 milioni di euro netti a stagione che guadagna attualmente sono sicuramente pochi per il valore che ha dimostrato in campo rispetto, ovviamente, alle cifre che circolano nel mondo del calcio. Il problema, come ha detto Maldini, è che il Milan vuole fare grandi cose e crescere insieme a Leao, ma se il portoghese – parole testuali – “arriverà ad un livello superiore a quello del Milan, credo che sia anche normale spiccare il volo“. Ecco le dichiarazioni che possono far paura. Lo ha detto anche Maldini: di fronte a certe cifre inutile fare i romantici. Così c’è il rischio che il Chelsea torni alla carica già a gennaio o comunque quest’estate, indipendentemente dal fatto che il giocatore rinnovi o meno, e a quel punto non sarà facile trattenere Leao. Starà poi al Milan trovare il modo di sostituirlo avendo 100 milioni o più in cassa.

(Credit: Getty Images)

(20)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE