MILAN-NAPOLI: SFIDA SCUDETTO IN TRE MOSSE

MILAN-NAPOLI: SFIDA SCUDETTO IN TRE MOSSE

MILAN-NAPOLI: SFIDA SCUDETTO IN TRE MOSSE

125
0

Milan e Napoli, oggi, sono le due squadre più forti d’Italia. Non nella rosa, almeno non necessariamente, non perché sono in testa al campionato, insieme all’Atalanta, ma per il calcio che esprimono e per come quello stesso calcio lo hanno trasferito in Europa, soprattutto gli azzurri. Il match di domenica, in programma alle 20.45 come ultimo atto della settima giornata, sarà dunque una meravigliosa sfida scudetto ed è davvero un peccato che mancheranno le due stelle, Rafa Leao e Victor Osimhen. Proviamo a giocarla in tre mosse per capire quale potrebbe essere l’andamento del match.

 

MILAN-NAPOLI PALLA A LOBOTKA, ESAME PER DEK

Il giocatore che toccherà più palloni in Milan-Napoli potrebbe essere Kim o, più verosimilmente, Stanislav Lobotka. Il gioco degli azzurri passa attraverso i piedi dello slovacco, autentica rivelazione nel finale dello scorso torneo che si sta confermando tra i migliori registi attualmente in circolazione. La mossa, allora, deve farla Stefano Pioli, ed è piuttosto scontata: impedire a Lobotka la giocata facile facendolo seguire da Charles De Ketelaere. Chi si aspetta una prova da 10, inteso come numero e non come voto, dal belga, non riponga troppe speranze: gli toccherà più fare il 4 e la speranza dei tifosi rossoneri è che non sia anche il voto, altrimenti si mette male.

 

MILAN-NAPOLI THEO STRAPPA AL CENTRO, ANGUISSA LO TIENE D’OCCHIO

Il Milan senza Leao non avrà la solita catena di sinistra e stando ai rumors la scelta di Pioli dovrebbe ricadere su Saelemaekers con Messias sull’altra fascia. Chi darà vivacità al gioco rossonero? Non resta che Theo Hernandez, ma non aspettatevi volate lungo la linea laterale. Il possesso palla sarà a favore del Napoli, così il Diavolo, quando riparte, potrà farlo sfruttando i tagli centrali del suo terzino-mezzala, che al Maradona giocò una partita eccellente nella scorsa primavera. Cosa potrà fare Spalletti? Dare ad Anguissa più compiti di copertura che di incursione, in modo tale che Di Lorenzo non scopra la sua posizione e che Lozano (o Politano) non si sfianchi troppo.

 

MILAN-NAPOLI TONALI-ZIELINSKI A VOI LA SCENA

Milan e Napoli oggi giocano con due moduli diversi: Pioli ha confermato il 4-2-3-1 della scorsa stagione, Spalletti ha virato verso il 4-3-3. Così i due sistemi non sono più speculari, ma in ogni caso la mezzala sinistra degli azzurri se la vedrà con il mediano destro rossonero. In sintesi sarà Zielinski contro Tonali o Tonali contro Zielinski, come preferite. E sarà questo, molto probabilmente, il duello chiave che deciderà il match. L’ex Brescia non gioca sempre allo stesso modo: ci sono partite, come quella recente in Champions contro la Dinamo Zagabria, in cui fa l’assaltatore e probabilmente, senza Leao, ci sarà ancora più bisogno di lui in area per dare una mano a Giroud, altrimenti troppo isolato. Il problema è che Zielinski è in fiducia e può far male nei mezzi spazi, come era abituato a fare Marek Hamsik. Se il polacco sarà bravo a liberarsi di Tonali e ad agire nella terra di nessuno tra Calabria e Kalulu, Spalletti avrà qualche chance in più per vincerla.

 

(Credits: Getty Images)

(125)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE