Un’Africa mondiale: Egitto vincente a 3,00

Un’Africa mondiale: Egitto vincente a 3,00

Un’Africa mondiale: Egitto vincente a 3,00

1.04K
0

Se non cogliete il divertimento estemporaneo della Coppa d’Africa e la sua tensione emozionale, e state là a questionare sui pochi gol o su certi svarioni da dita negli occhi, allora vi state perdendo la gioia della competizione. E se vi perdete anche #TwittAfrica, la sfida pronostici tra 26 illustri perditempo compreso chi scrive, allora per voi niente merenda.

 

Siamo alle semifinali, cresce il drama, e sono rimaste 4 squadre che sono ciascuna un protagonista diverso nella storia.

In un certo senso, sembra di rivivere i Mondiali 2014, quando alle semifinali arrivarono tre colonne come Germania, Brasile e Argentina, e una relativa outsider come l’Olanda.

 

BURKINA FASO-EGITTO – La sorpresa contro la storica. La vera storica. Perché l’Egitto detiene il record di vittorie – 7 – e per capire la portata straordinaria di questo record, le dirette inseguitrici nell’albo d’oro sono ferme a 4. Perché l’Egitto dal 2006 al 2010 ha messo assieme una sequenza irripetibile e mai successa di 3 vittorie consecutive. Perché, ancora più incredibile, è stata capace nel frattempo di non qualificarsi ai Mondiali da 27 anni filati, ovvero da Italia 90, e pur mettendo assieme 5 Coppe d’Africa nello stesso lasso di tempo. Perché l’Egitto è storicamente la culla del calcio di club africano.

 

E se vi pare possano essere assuefatti al successo e privi di ambizione, allora calcolate che dopo i 3 trionfi consecutivi l’Egitto incredibilmente non si è nemmeno qualificato per la Coppa d’Africa per le ultime 3 edizioni – come se il Brasile fosse rimasto sempre fuori dai Mondiali dopo averli vinti in Giappone nel 2002! E perché, tornando al presente, il miglior giocatore rimasto in gara ce l’hanno loro: Mohammed Salah è uno dei pochi che finora ha rispettato le attese, anche con un gol pazzesco. E che è stato sfruttato in maniera ottimale. 

 

Perché alla guida hanno el hombre vertical Hector Cuper – giustamente tornato ad avere rilevanza nel calcio, e ingiustamente configurato dallo stigma de “l’uomo che perde le finali”: in verità Cuper ha un ruolino assolutamente normale, 3 finali vinte e 5 perse, e anzi bisognerebbe leggere il dettaglio delle finali, nelle quali sistematicamente era riuscito a compiere un miracolo conducendo all’atto conclusivo una squadra totalmente sfavorita. Stavolta invece guida una delle favorite: SNAI dice che per la vittoria finale della Coppa d’Africa  davanti ci sono Egitto e Ghana a 3.00, Camerun a 4.00, e il Burkina a 5.50. E per Cuper è una situazione tutta da scoprire. 

 

Dall’altro lato c’è la sorpresa, il Burkina Faso che è l’unica a non aver mai vinto (come appunto l’Olanda nel paragone con il Mondiale 2010), che nella sua storia è solo arrivata quarta nel ’98 (come l’Olanda ai Mondiali!) ma anche una finale recente persa nel 2013 (praticamente come l’Olanda!). Squadra ugualmente quadrata, guidata dal bomber disoccupato Nakoulma, che però dovrà fronteggiare il muro egiziano, totalmente invalicabile finora, 0 gol concessi. Sembrerebbe partita tesa e risolta da un colpo, per questo lo 0-1 SNAI è a 6.00.  

 

CAMERUN-GHANA – L’altra invece è la sfida tra le rimanenti due eccellenze del podio storico. Dopo l’Egitto, ci sono proprio Camerun e Ghana con 4 vittorie ciascuno. E i ghanesi sono anche i finalisti della passata stagione, nonché in un certo senso molto paragonabili all’Argentina, per aver attraversato gli ultimi decenni con la loro produzione incessante di talento e con le loro croniche delusioni di squadra, visto che l’ultimo successo risale agli anni Ottanta (come l’Argentina!).

 

Eppure anche il Ghana ha appena stabilito un folle record: 6 semifinali raggiunte consecutive, e riuscendo finora a non alzare mai la coppa in nessuna delle 5 precedenti (motivo per cui, sono i veri favoriti alla vittoria finale). Inoltre il Ghana ha parte di quella generazione d’oro del Mondiale 2010 che potrebbe essere all’ultima Coppa d’Africa, e si sta esprimendo di conseguenza sotto Avram Grant, proprio l’allenatore del Chelsea finalista di Champions 2008. 

 

Di contro invece c’è un Camerun dove il belga Hugo Broos sta facendo un lavoro di fino tra quasi debuttanti e giovani vecchi. Molto concreto, il Camerun è arrivato fin qui con raziocinio e concentrazione. Anche questa difficilmente sarà una partita da spellarsi gli occhi e sgranare le mani, e anzi è alto il rischio di finire ai calci di rigori, magari decisi dal cuore foderato d’esperienza del Ghana: SNAI non a caso quota a 5.25 il risultato di 1-1, il più probabile del lotto.

 

#TWITTAFRICA – Prima di prenderci a cuscinate con la ripresa della Champions, SNAI nel frattempo ha deciso che c’era troppa pace tra i reduci del successone di #TwittEuro, e quindi per la fase finale della Coppa d’Africa è scattato #TwittAfrica, la sfida a fendenti di pronostici tra i suddetti illustri perditempo. Dopo i quarti di finale, si è fatto sentire il ruggito da Leone Indomabile di Marco Castelnuovo, also known as @chedisagio. Uno dei tre vincitori delle precedenti edizioni, quella di Euro2012, e dunque passibile di astio infinito, il mobile editor del Corriere della Sera ha avuto l’arroganza di ergersi in testa a 26 punti, distaccando ma di molto il resto dei professoroni. Il primo a stargli in scia è il direttore di Calciomercato.com Stefano Agresti, e comunque solo a 17, con il podio chiuso a pari merito dall’esperto Snai Adam Grapes e dal corsivista politico del Corriere Tommaso Labate. Stiamo parlando di un totale di 26 partecipanti, il che vuol dire che dal quarto posto in poi Castelnuovo ha doppiato tutti. Le semifinali possono ribaltare parecchio tuttavia, a cominciare per lo scrivente responsabile di un disprezzabile 10° posto a 6 punti, e dunque potete ben comprendere come Castelnuovo al momento sia giustamente detestato diffusamente.

(Credits: La Presse)

(1039)

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI