PARIGI-ROUBAIX, DA QUANTO TEMPO!

PARIGI-ROUBAIX, DA QUANTO TEMPO!

PARIGI-ROUBAIX, DA QUANTO TEMPO!

214
0

Domenica, dopo tanta attesa, si disputerà la classica monumento Parigi-Roubaix. L’ultima edizione risale all’aprile 2019: l’edizione 2020 fu annullata, e quella di domenica era in programma ad aprile. L’ultimo vincitore è stato il belga Philippe Gilbert, che vinse battendo in volata Nils Politt.

L’attesa è quindi tanta, e le previsioni meteo per domenica non sono buone: l’ultima Roubaix con la pioggia risale al 2002, edizione dominata da Johan Museeuw. Tutti gli amanti di ciclismo sanno quanto possa essere difficile correre sul pavé bagnato, ed è ancora negli occhi degli appassionati l’epica tappa del Tour de France 2014, con un Vincenzo Nibali strepitoso nei settori di pavé fangosi.

 

Il percorso

Il percorso è ormai diventato un classico. La Parigi-Roubaix è lunga 257 km ed i settori di pavé sono 30. In particolare, sono tre i settori fondamentali: la foresta di Arenberg (lunga 2300 metri, a 95 km dall’arrivo), Mons-en-Pevel (lungo 3000 metri, a 47 km dall’arrivo) ed il Carrefour de l’Arbre (lungo 2100 metri, a 16 km dall’arrivo). La corsa sarà durissima!

 

I favoriti

Il borsino dei favoriti vede sicuramente in testa Wout Van Aert e Mathieu Van der Poel: tutti e due, infatti, vengono dal ciclocross e le loro abilità tecniche sono fondamentali soprattutto in caso di pioggia. Entrambi sono chiamati ad un riscatto dopo l’opaca prova dei campionati mondiali: riusciranno a portare a casa il trofeo tanto ambito? Tra gli altri contendenti bisogna citare sicuramente il vincitore 2018, Peter Sagan: lo slovacco ha già alzato il trofeo (che consiste in una mattonella di pietra, che ricorda appunto i tratti di pavé) ed ha le carte in regola per puntare al bis!

(214)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE