PREMIER LEAGUE CHELSEA-ARSENAL, DERBY CON VISTA CHAMPIONS: TUCHEL SFIDA ARTETA

PREMIER LEAGUE CHELSEA-ARSENAL, DERBY CON VISTA CHAMPIONS: TUCHEL SFIDA ARTETA

PREMIER LEAGUE CHELSEA-ARSENAL, DERBY CON VISTA CHAMPIONS: TUCHEL SFIDA ARTETA

142
0

Il Chelsea per blindare il terzo posto e archiviare il discorso Champions per l’anno che verrà, l’Arsenal per agganciare il Tottenham al quarto posto e dare il là a un duello che da qui a fine stagione finirà per monopolizzare l’attenzione non solo degli appassionati londinesi, ma più in generale di tutto il carrozzone legato alla Premier.

Da qualunque parte lo si voglia inquadrare, Chelsea-Arsenal di stasera è davvero un match che vale la pena di essere visto e vissuto. Intanto perché è un derby, e a Londra sarà pur vero che ce ne saranno un’infinità, ma mai nessuno ha raggiunto vette di così alta competitività e tensione come quello che mette di fronte Blues e Gunners, almeno da un buon decennio a questa parte.

E poi perché leggendo ciò che racconta la classifica il recupero di stasera vale davvero tanto: Tuchel vuole sfruttare per chiudere i conti e mettersi al riparo da brutte sorpres,e concentandosi poi solo sulla preparazione della finalissima di FA Cup appena conquistata. Arteta, reduce dal periodo più buio dell’annata dei Gunners (4 ko. nelle ultime 5 giornate), sente che un grande traguardo gli sta sfuggendo di mano e vuol fare di tutto per rimettere le cose al loro posto. Insomma, un derby mai banale, ma stavolta ancora più accattivante.

CHELSEA ALLA RISCOSSA: VUOLE TERZO POSTO E FA CUP

Undici gol fatti, appena due subiti. Ma quelle due reti incassate, soprattutto la seconda ad opera di Benzema, hanno estromesso il Chelsea dalla corsa al repeat in Champions. Eppure di segnali di risveglio, o se preferito di macchina lanciata a piena velocità, i Blues ne hanno mandati a sufficienza: il 6-0 sul Southampton ha fatto vedere al mondo quanta cattiveria e rabbia ci fossero in corpo dopo il ko. col Real nella gara d’andata dei quarti di Champions, e la vittoria ottenuta al “Bernabeu” (con il Chelsea che a 10’ dalla fine era qualificato in virtù del 3-0 che stava maturando) ha riconsegnato ai ragazzi di Tuchel ulteriori certezze nei propri mezzi.

Il 2-0 sul Crystal Palace in FA Cup, solo all’apparenza tanto facile, ha comunque spedito l’ormai ex formazione del magnate russo Abramovich verso un’altra finale, quella del prossimo 14 maggio a Wembley contro il Liverpool. Insomma, ce ne sono di obiettivi da inseguire da qui a fine stagione e il derby di stasera è una di quelle partite che potrebbero ulteriormente avvalorare certezze acquisite nel tempo, come ribadito dal tecnico tedesco alla vigilia.

Abbiamo partite importanti davanti a noi e vogliamo sfruttarle per prepararci al meglio in vista dei prossimi impegni. Non è vero che siamo già sicuri di chiudere al terzo posto: a onor del vero, credo che difficilmente riusciremo a recuperare il gap dalle prime due, ma chi sta dietro potrebbe venire a prenderci. Con l’Arsenal mi aspetto una gara molto fisica, per questo cercherò di inserire chi sta meglio. Abbiamo diverse pedine fuori, con Kovacic out per due settimane e Jorginho che ha bisogno di rifiatare, ma non cambia nulla. Mi sarebbe piaciuto giocare davanti a uno stadio pieno (entreranno solo gli abbonati), ma cercheremo comunque di fare nostro l’incontro.

ARSENAL È PIOMBATO DI NUOVO NEL LIMBO DELLA CRISI

La crisi in cui è piombato l’Arsenal non è poi tanto inusuale, almeno da un decennio a questa parte: tre ko. di fila, 4 nelle ultime 5 gare, hanno minato fortemente le ambizioni di Champions dei Gunners, costretti a vincere per ricompattarsi con il Tottenham a quota 57 punti.

Nelle ultime giornate – ha spiegato Arteta – abbiamo costruito tanto ma concretizzato poco, e questo ha fatto tutta la differenza del mondo. Non siamo contenti dei risultati che sono venuti, ma non stiamo giocando male e non sono preoccupato per il gioco, semmai solo per il fatto che non riusciamo a sfruttare le opportunità che abbiamo a nostra disposizione. Col Chelsea è sempre dura, ma se vogliamo raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati non possiamo prescindere dai tre punti.

L’Arsenal recupera Lacazette, che era fuori per Covid ma che partirà dalla panchina (davanti c’è Martinelli, favorito su Nketiah). Out Tomysasu oltre a Tierney e Partey.

CHELSEA-ARSENAL, LE PROBABILI FORMAZIONI

CHELSEA (3-4-1-2):  Mendy; Christensen, Silva, Rudiger; James, Loftus-Cheek, Kante, Alonso; Montare; Havertz, Werner. All.: Tuchel.

ARSENAL (4-2-3-1):  Ramsdale; Cedric, White, Gabriel, Tavares; Lokonga, Xhaka; Saka, Odegaard, Smith Rowe; Martinelli. All.: Arteta.

ARBITRO: Moss.

(Credits: Getty Images)

(142)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE