QUALIFICAZIONI EUROPEI UNDER 21, QUATTRO BIG IN CAMPO

QUALIFICAZIONI EUROPEI UNDER 21, QUATTRO BIG IN CAMPO

QUALIFICAZIONI EUROPEI UNDER 21, QUATTRO BIG IN CAMPO

66
0

Nove partite in programma, almeno cinque le big in campo: il programma odierno delle qualificazioni agli Europei Under 21 è molto fitto e tra le gare risaltano sicuramente lo scontro diretto del gruppo B tra Germania e Israele, le sfide del gruppo G Kosovo-Repubblica Ceca e Slovenia-Inghilterra, infine Scozia-Danimarca e Portogallo-Liechtenstein.

GERMANIA-ISRAELE, CHI VINCE È A METÀ DELL’OPERA

Germania e Israele sono in testa al gruppo B con 6 punti in 2 partite. Nel gruppo anche Polonia e Ungheria, che possono insidiare le due attuali battistrada, ma lo scontro diretto di oggi (ore 18.15) rischia di essere decisivo. I tedeschi, campioni d’Europa in carica, sono ripartiti con un nuovo ciclo, con la speranza di ottenere gli stessi risultati: il tecnico di origini italiane Antonio Di Salvo ha preso il posto di Stefan Kuntz, può contare ancora su Burkardt, attaccante titolare del Mainz in Bundesliga già nella rosa che ha trionfato in primavera, ma per questa sfida ha perso per infortunio la stellina Moukoko. Anche Israele non avrà il suo miglior giocatore: Suf Podgoreanu, ala dello Spezia che ha esordito domenica a Verona in Serie A, è stato convocato nella nazionale maggiore.

GRUPPO G: KOSOVO-REPUBBLICA CECA E SLOVENIA-INGHILTERRA

La Repubblica Ceca, in testa con due vittorie in due partite e zero gol subiti, prova la fuga: alle 19 sarà impegnata in Kosovo in trasferta e potrebbe restare a punteggio pieno. Poco più tardi, alle 20.15, rischia di più l’Inghilterra in Slovenia: il c.t. Lee Carsley ha rinunciato a Hudson-Odoi, che in passato aveva già debuttato per la nazionale maggiore e ora sta pensando di cambiare “maglia” accettando la proposta del Ghana, suo paese di origine. Tra le stelle Rhian Brewster, centravanti dello Sheffield United.

LA DANIMARCA RISCHIA, IMPEGNO FACILE PER IL PORTOGALLO

La Danimarca vanta tre punti nel gruppo I e non può perdere terreno nei confronti del Belgio (già a quota 6 in 2 gare), ma non sarà facile ottenere bottino pieno in Scozia (ore 20.05): il pericolo più grande si chiama Aaron Hickey, il terzino del Bologna già a quota 2 gol in Serie A, mentre la Danimarca ha perso per infortunio il centravanti titolare Faghir e potrebbe mettere in vetrina Magnus Warming, oggetto misterioso nella rosa del Torino. Impegno di sicuro più facile per il Portogallo, finalista agli ultimi Europei, che alle 21.15 affronta il Lichtenstein sperando di mettere fieno in cascina nel gruppo D dopo i tre punti conquistati nell’unica partita finora disputata. Di quella squadra è rimasto ancora qualcuno, come gli attaccanti Tiago Tomas e Francisco Conceicao o il centrocampista Fabio Vieira, perno del Porto, non c’è più il milanista Leao, o la stella del Monza, Dany Mota, tra i nuovi talenti occhio a Fabio Silva, già 4 presenze in Premier con il Wolverhampton.

(Credits: Getty Image)

(66)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE