Sarri merita di fare la scelta migliore per lui, Napoli reclama la sua sincerità

Sarri merita di fare la scelta migliore per lui, Napoli reclama la sua sincerità

Sarri merita di fare la scelta migliore per lui, Napoli reclama la sua sincerità

1.44K
0

Le parole di Sarri fanno tremare Napoli. “Abbiamo raggiunto un livello tale che ora si rischia solo di fare di peggio”, quando un allenatore arriva a questa determinazione, forse sarà meglio non forzarlo e lasciargli il tempo di macerarsi dentro e di vacillare di fronte all’idea di abbandonare la creatura che lui stesso ha creato.

Migliorare il Napoli si può, basta volerlo in tutte le componenti per andare oltre il risultato stagionale apparentemente impareggiabile. Ma dipende in primis da Sarri, mai come adesso obbligato ad essere chiaro con la gente e la squadra, piuttosto che con De Laurentiis: se il coach si è convinto che il ciclo sia finito, spetterà al presidente fargli cambiare idea. Nel concreto, con i fatti, dall’ingaggio al progetto tecnico. Solo così Sarri potrebbe essere nuovamente stimolato a cambiare proposito, ad accettare il rischio che si possa fare anche un solo punto in meno rispetto alla stagione che sta per concludersi e vincere ugualmente il tricolore.

Questo triennio è stato talmente esaltante che un paio di scudetti sarebbero stati il giusto esito di un lavoro certosino che il coach ha fatto sul piano personale, in ognuno dei suoi calciatori diventati squadra dal meccanismo perfetto, invidiabile ed inimitabile. Tutto questo lavoro può anche avere una fine, purché tutto venga accompagnato da una sincerità che Sarri ha sempre dato l’idea di possedere. Se c’è un’altra squadra che lo sta tentando con un progetto tecnico ed uno stipendio più ricco di quello che il Napoli potrebbe garantirgli, lo comunicasse con chiarezza a De Laurentiis.

Il presidente, immagino un po’ a fatica, ma alla fine capirà che questo allenatore, capace di trasformare un Napoli in declino in una squadra da scudetto, meriterebbe una buonuscita adeguata: la separazione contrattuale, con un occhio di riguardo sul pagamento della clausola rescissoria. Gli è dovuto per la crescita di valore data a tutto l’organico, ma solo se nel prossimo colloquio con il patron racconterà ogni suo disagio a rimanere oppure ogni chance che viene data altrove.

Napoli gli deve l’applauso del commiato, Napoli merita che lui si comporti in maniera seria. Fino alla fine.

 

(Credits: Getty Images)

(1444)

Raffaele Auriemma Tifoso sfegatato del "Ciucciariello", è telecronista sportivo di Premium Sport, in cui racconta, con la sua inconfondibile voce, le partite del suo a... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI