SERIE A PREVIEW TREDICESIMA GIORNATA

SERIE A PREVIEW TREDICESIMA GIORNATA

SERIE A PREVIEW TREDICESIMA GIORNATA

104
0

Si ritorna in campo, terminata la sosta per le nazionali le squadre di Serie A sono chiamate ad un tour de force fino a Natale quando il campionato si fermerà per la pausa natalizia e arriverà al giro di boa. Per noi italiani una boccata d’aria fresca dopo la mancata qualificazione a Qatar 2022 che ci ha rimandato all’incubo degli spareggi di fine marzo. Allenatori che vanno, allenatori che vengono; giocatori che ritornano più o meno acciaccati o dopo lunghi viaggi intercontinentali, le partite successive agli impegni con le nazionali sono sempre una grande incognita, sopratutto per le “big”. I punti in palio sono sempre più pesanti: il duo Milan-Napoli è in testa a 32 punti, staccato di ben sette lunghezze dall’Inter che segue con 25 punti. In ritardo è la Juventus che, ferma a 18 punti, ottava in classifica, non può più sbagliare. Andiamo a vedere nel dettaglio le sfide che ci attendono questo weekend.

SABATO 20 NOVEMBRE ORE 15

Atalanta – Spezia: Giampiero Gasperini, nell’ultimo turno, ha festeggiato le 200 panchine in Serie A con un’importante vittoria sul campo del Cagliari, mentre i ragazzi di Thiago Motta hanno battuto di misura il Torino. Tanti i giocatori impegnati con le rispettive nazionali in casa atalantina e quindi attenzione a possibili scivoloni. Storicamente le squadre di Gasperini iniziano a carburare intorno alla fine dell’anno, se la Dea riuscirà a tenere questo passo fino alla pausa natalizia, potrà essere considerata, per un altro anno, una seria pretendente al quarto posto.

ORE 18

Lazio – Juventus: La Lazio rimane in scia alle prime quattro della Serie A, i biancocelesti sono una delle uniche due squadre dei cinque grandi campionati europei a non aver perso neanche una partita casalinga nel 2021. Brutte notizie per Maurizio Sarri che, contro la sua ex squadra, dovrà fare, quasi sicuramente, a meno di Immobile e del fedelissimo Pedro. La Juventus rincorre e non può più sbagliare dopo al falsa partenza. In attacco si affiderà ad Alvaro Morata, eroe della Spagna dopo il gol contro la Svezia che ha mandato la Roja in Qatar. Da valutare le condizioni di Paulo Dybala, rientrato prima dagli impegni con l’Argentina per un risentimento muscolare.

ORE 20,45

Fiorentina – Milan: Riprende la marcia del Milan dopo il pareggio nel derby contro l’Inter. Ad attendere il diavolo c’è una Fiorentina senza la difesa titolare: Milenkovic e Martinez Quarta sono infatti squalificati e la riserva Nastasic è in forte dubbio per un problema al polpaccio. Non il miglior modo per affrontare Ibra e compagni, sopratutto considerando che la Viola non vince in casa contro i rossoneri dall’agosto 2015 quando le reti di Marcos Alonso e Ilicic stesero il Milan di Honda, Bacca e Luiz Adriano, una vita fa.

DOMENICA 21 NOVEMBRE ORE 12,30

Sassuolo – Cagliari: Il lunch match di domenica è un vero e proprio dentro e fuori per il tecnico cagliaritano Walter Mazzarri. Dopo aver rimpiazzato Leonardo Semplici, non è ancora riuscito a trasmettere le sue idee e le sue motivazioni alla squadra, per il momento, fanalino di coda di questa Serie A. Il rischio esonero è alto, anche se la proprietà gli ha comunque concesso un ultima chance durante la sosta per poter lavorare con la squadra. Joao Pedro e Berardi sono i due giocatori da tenere d’occhio, capaci di accendere la luce e creare insidie alla retroguardia avversaria.

ORE 15

Bologna – Venezia: Il Bologna di Sinisa Mihajlovic, ieri premiato con la cittadinanza onoraria di Bologna, ospita il Venezia. I felsinei sono reduci dal bel successo in trasferta contro la Sampdoria per 2-1. I lagunari hanno ottenuto una prestigiosa vittoria per 3-2 contro la Roma di Mourinho e si affidano ai colpi di Mattia Aramu per continuare a soprendere. Appuntamento allo stadio Dall’Ara.

Salernitana – Sampdoria: La partita tra Salernitana e Sampdoria avrà un grandissimo valore per le due squadre, immischiate entrambe nella lotta per non retrocedere. Sia i campani che i blucerchiati, però, possono lamentarsi anche un po’ della sfortuna. Come emerge dai Dati Opta, infatti, soltanto Roma e Napoli hanno colpito più pali (rispettivamente dieci e nove) delle due squadre che si affronteranno allo stadio Arechi questa domenica. Ultima chiamata per D’Aversa?

ORE 18

Inter – Napoli: Il big match della tredicesima giornata di Serie A si gioca a San Siro e vede Inter e Napoli darsi battaglia per una partita che può già significare tanto per le due squadre. Gli azzurri di mister Spalletti sono chiamati a una serie di partite molto complicate da qua a Natale: Lazio, Atalanta e Milan su tutte. Riusciranno a tenere il passo e confermarsi come una seria pretendente alla vittoria finale? I ragazzi di Simone Inzaghi, invece, vogliono accorciare le distanze per mettere pressione al duo di testa e tenere vive le speranze. Dall’infermeria, però, non giungono notizie confortanti per il tecnico nerazzurro, che sicuramente dovrà fare a meno di de Vrij e Sanchez. In dubbio ma recuperabili Bastoni e Dzeko, così come Lautaro che ha preso solo una botta nel match contro il Brasile.

ORE 20,45

Genoa – Roma. La prima panchina in Serie A per Andry Schevchenko, che prima della sosta ha sostituito l’esonerato Ballardini. Tante assenze per i rossoblù, compresa quella del loro bomber Mattia Destro, e una posizione deficitaria in campionato. L’avversario di questa giornata non sarà dei più morbidi: la Roma, di un arrabbiatissimo José Mourinho, dopo la roboante sconfitta in laguna non può più permettersi di lasciare punti per strada se vorrà centrare l’obbiettivo del quarto posto. In dubbio capitan Pellegrini, vedremo un po’ di turnover o il tecnico proseguirà con i soliti 11?

LUNEDì 22 NOVEMBRE ORE 18,30

Verona – Empoli: Allo stadio Bentegodi si affrontano le due squadre rivoluzione del campionato per gioco, condizione atletica e mentalità. Il Verona, dopo l’approdo in panchina di Tudor, ha svoltato completamente mietendo vittime importanti come Roma, Lazio, Juventus e aver fermato sull’1 a 1 il Napoli capolista prima della sosta. Inoltre può contare su un Giovanni Simeone in forma strepitosa: 9 gol in 11 presenze. L’Empoli però non è da meno: i ragazzi di mister Andreazzoli, con 16 punti conquistati (gli stessi dell’Hellas) hanno registrato una delle loro migliori partenze in Serie A. Obbiettivo: non fermarsi ora per arrivare il prima possibile ai fatidici 40 punti.

ORE 20,45

Torino – Udinese: Chiude la 13esima giornata di Serie A il posticipo, allo stadio Grande Torino, tra granata e bianconeri. Tanti dubbi in casa Toro: Ricardo Rodriguez è probabile assente nel prossimo match per noie fisiche, in dubbio Ansaldi, Praet e Mandragora per piccoli problemi fisici. Ivan Juric punta tutto sul suo capitano, il Gallo Belotti, che deve ritrovare la migliore condizione. Sul fronte Udinese, invece, Gotti dovrebbe confermare il nuovo modulo 4-2-3-1, visto già all’opera nella vittoria con il Sassuolo, per sfruttare la qualità sulla trequarti con Molina, Pereyra e Deulofeu dietro a Beto.

(Credits: Getty Image)

(104)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE