Serie B, la 33esima giornata

Serie B, la 33esima giornata

Serie B, la 33esima giornata

44
0

A poche giornate dal termine, la Serie B comincia a definire le posizioni e le aspirazioni dei 20 club, in campo domani per la 33esima giornata. Analizziamo tutti i match di questo decisivo turno di campionato.

JUVE STABIA – ENTELLA

L’unica partita che si giocherà alle 18:45, con i campani in crisi nera avendo registrato un filotto di quattro sconfitte che ha gettato le squadra in 17esima posizione, in piena zona play out. L’Entella invece se riuscisse a raccogliere una manciata di punti nelle prossime gare potrebbe lottare per l’ottava posizione, l’ultima disponibile per giocarsi i play off. Le vespe hanno la terza peggior difesa del campionato e in casa nelle ultime 5 giornate hanno registrato la media di 3,1 gol a partita, con 11 gol fatti e 10 subiti. In totale per gli stabiesi sono 12 le partite consecutive senza ottenere clean sheet. Entella che fuori casa non vince da 6 match, ma quando all’andata ha incontrato i gialloblu tra le mura amiche si è imposta per 2 reti a 0, mandando in rete il capocannoniere Giuseppe De Luca (10 reti) e Mirko Eramo (ceduto all’Ascoli). Per la Juve Stabia l’uomo decisivo resta la punta Francesco Forte che con il gol nell’ultima partita, persa contro la Salernitana, ha portato il suo bottino stagionale a 14 reti.

ASCOLI – SALERNITANA

Ascolani che dopo un periodo di black out sono riusciti a pareggiare con il Crotone e vincere in casa del Cosenza, in una sfida decisiva per la lotta salvezza. Allo stadio Del Duca ora tocca alla Salernitana che è riuscita in maniera rocambolesca a ottenere due risultati positivi nelle ultime giornate. La squadra di Ventura non è ancora certa del piazzamento play off e proverà a sfruttare le doti tecniche dei suoi uomini per impensierire la difesa bianconera. Fatta esclusione delle ultime due partite, i campani negli ultimi 9 match hanno difeso in maniera scrupolosa, ottenendo una media di 1,4 gol. Lecito dunque aspettarsi una gara nella quale i tecnici presteranno la massima attenzione a non subire.

BENEVENTO – VENEZIA

Se il Benevento può permettersi di indossare le infradito e godersi il meritato riposo dopo la vittoria del campionato cadetto, il Venezia ha tutt’altri pensieri da dover affrontare. I 39 punti in classifica e la 14esima posizione infatti costringono i lagunari a dare un netto segnale per mantenere la categoria. E se le vittorie contro Ascoli e Livorno e il pareggio fuoricasa contro il Pordenone hanno ridato fiducia all’ambiente, ora non rimane che confermare il trend positivo contro una squadra ormai in vacanza. D’altro canto Pippo Inzaghi, ex allenatore del club di Tacopina, non vuole rovinarsi la placida serenità della promozione e il 3 a 0 subito fuori casa contro il Crotone non può essere ripetuto. Samuele Longo per i veneti proverà ad aumentare il suo score che da gennaio registra 4 gol realizzati.

CHIEVO – TRAPANI

I due punti di penalizzazione per il Trapani, per il tardivo pagamento degli stipendi nel mese di febbraio, fanno scivolare i siciliani al penultimo posto. Nonostante questo, la squadra di Castori arriva alla partita contro il Chievo con uno score di tutto rispetto: sono infatti 8 i risultati utili consecutivi ottenuti dal Trapani, con 3 vittorie e 5 pareggi che per una squadra in lotta per la salvezza non sono pochi. Chievo che, negli ultimi 9 match, solo in un’unica occasione ha superato la fatidica media dei 2,5 gol. Sfida nella sfida tra le due panchine, con tecnici esperti e ormai navigati in Serie B come Aglietti e Castori: al momento leggermente in vantaggio l’allenatore degli scaligeri per 3 a 2. Per quanto riguarda i marcatori, il Trapani dipende molto dalla sua punta di diamante Stefano Pettinari (17 gol). Per il Chievo invece Riccardo Meggiorini (8 reti) e Filip Djordjevic (6) sono i miglior realizzatori.

CITTADELLA – CROTONE

Sfida al vertice tra due delle migliori formazioni del torneo. Il Cittadella ha subito una battuta d’arresto contro il Pisa, perdendo per 2 a 0, mentre il Crotone dopo una ripresa non esaltante si è rifatta battendo i campioni del Benevento per 3 a 0, grazie a una tripletta del nigeriano Simy che ha raggiunto le 17 marcature stagionali. Gli squali non perdono da 8 partite e nelle ultime 4 trasferte hanno raccolto 2 pareggi e 2 vittorie. Cittadella che in casa ha più difficoltà che in trasferta, collezionando in stagione 6 vittorie, 3 pareggi e 6 sconfitte. Per i calabresi oltre a Simy fari puntati su Ahmed Benali (6 gol), il Cittadella invece ha in Davide Diaw (13 gol e 7 assist) il miglior marcatore e il miglior assistman.

EMPOLI – FROSINONE

Due squadre in crescita, entrambe vincenti nell’ultima giornata, che siamo convinti sorprenderanno in questo finale di stagione. Empoli a -1 dalla zona play off farà di tutto per gettarsi nella mischia e giocarsi le carte nel mini torneo di agosto; Frosinone che aspira al secondo posto per ora distante 4 punti, ma dovrà vedersela contro altre pretendenti. Leonardo Mancuso (Empoli) è il miglior realizzatore con 11 gol, mentre Federico Dionisi (Frosinone) ne ha invece realizzati 9. Empoli che tra l’altro non ha segnato in solo 2 delle 16 partite casalinghe di Serie B in questa stagione. Negli ultimi 5 scontri diretti tra le due squadre la media gol raggiunge quota 5, con partite al cardiopalma e tantissimi gol realizzati. All’andata il 4 a 0 decretò il netto successo dei ciociari, ma per questo ritorno prevediamo a una gara più combattuta.

PESCARA – PERUGIA

Il club abruzzese ha esonerato Legrottaglie dopo i deludenti risultati nelle ultime partite e ingaggiato l’ex Catania, Sottil, per questo finale di stagione. Ormai pare complicato raggiungere la zona play off, ma con un paio di successi e risultati favorevoli sugli altri campi i delfini possono sperare di agguantarla. Vale lo stesso per il Perugia di Cosmi, a – 6 dai play off e bruscamente stoppata dal Pordenone nell’ultimo turno. Voglia di rivincita quindi per entrambi i team, con i padroni di casa che partono leggermente favoriti. Il Pescara è da ben 11 partite che non riesce a mantenere la porta inviolata, una statistica che va a nozze con il capocannoniere del campionato Pietro Iemmello che nel Perugia ha insaccato la palla in rete per 18 volte.

PORDENONE – PISA

All’inizio della ripresa del campionato si pensava che il Pisa lottasse per evitare la retrocessione, invece dopo 4 partite eccola lì a contendere un posto ai play off a squadre di valore più alto. Tre reti negli ultimi due match per Michele Marconi, in totale per l’attaccante ne sono arrivate 13 in questa stagione. Dall’altro lato c’è un Pordenone che, diradata la nebbia alla ripresa della Serie B, ha ritrovato forma fisica e continuità, lo dimostrano i due successi contro Entella e Perugia. Ora i friulani possono continuare a sognare il doppio salto dalla C alla A, visto che il Crotone dista solo 3 punti. Attenzione ai cartellini: i toscani hanno ricevuto 11 cartellini rossi in questa stagione, il maggior numero in Serie B, con Simone Benedetti indiziato principale al primo cartellino (in stagione 8 gialli e 2 rossi).

SPEZIA – COSENZA

Liguri fermati dal Frosinone nella scorsa giornata e con 50 punti in classifica obbligati a vincere per tenere alimentate le speranze per il secondo posto. Calabresi che dopo la disfatta in casa contro l’Ascoli devono reagire per aggrapparsi alla zona play out. Partita fondamentale in entrambi i casi. Per il Cosenza Emmanuel Riviere (8 gol) e Jaime Baez (4 reti e 5 assist) sono i giocatori maggiormente pericolosi in avanti, per la Spezia potrebbero essere Antonino Ragusa (8 gol) e Emmanuel Gyasi (7) a fare la differenza. I pronostici sono tutti per la squadra di casa, ma potremmo aspettarci una gara dell’esito non scontato considerato che questo match è l’ultima chiamata per i rossoblu.

 

(Credits: Getty Images)

(44)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI