Serie B, le quote della 33esima giornata

Serie B, le quote della 33esima giornata

Serie B, le quote della 33esima giornata

68
0

Il posticipo Palermo-Verona, conclusosi 1-0 grazie alla rete nel Primo Tempo di Nesterovski, ha molto probabilmente sancito l’uscita di scena, quasi definitiva, degli Scaligeri dalla lotta per la promozione diretta: i punti dal Brescia sono 9, mentre quelli dal Lecce 6 con il Palermo che si è staccato a +5 ed in mezzo c’è anche il Benevento, vittorioso nella rocambolesca partita di Perugia (2-4). È un verdetto pesante per Grosso che adesso dovrà gestire l’ambiente prima nella corsa ai play-off e poi nel torneo finale in cui il Verona dovrà tornare necessariamente protagonista. Per questo werekend i veneti riposeranno ed alla ripresa sono attesi dal Benevento che affronteranno senza il tecnico abruzzese in panchina, squalificato e multato a seguito dei fatti di Palermo. Vediamo quello che succederà sugli altri campi e le quote relative.

PALERMO, LA LOTTA CONTINUA – Nel capoluogo siciliano, nonostante si siano persi in serie primo e secondo posto, non si molla di un centimetro. ‘Prestazione di altissimo livello,’ il riassunto di Stellone al termine della vittoria contro il Verona ‘soprattutto perché venuta contro una squadra forte che gioca bene ed è allenata bene’ gli onori delle armi concessi all’avversario del quale il Palermo è ovviamente fiero di essersi sbarazzato. Ora tocca al Benevento, da affrontare fuori casa su un terreno ostico: in 15 incontri al ‘Vigorito’, la Strega ha vinto 9 volte e pareggiato 2 raccogliendo 29 dei 50 punti sin qui collezionati. Una sfida da e per l’alta classifica visto che questa recita Palermo 53 e Benevento 50. In entrambi i casi (vittoria del Benevento, 1 a quota SNAI 2.20; vittoria del Palermo, 2 a 3.40), potremmo assistere a rilevanti sviluppi sulla classifica: le avversarie di testa, Brescia e Lecce, sono attese da impegni relativamente agevoli quali Livorno (fuori casa nel Monday Night) e Carpi (in casa sabato pomeriggio). È chiaro che, andando a -6 dal Palermo, per il Benevento il discorso secondo posto si complicherebbe ulteriormente. ‘Questo è un campionato molto duro e imprevedibile,’ ha detto Nicolas Viola, architetto del centrocampo giallorosso alla sua seconda stagione nel Sannio ‘Se stiamo a pochi punti dal secondo posto vuol dire che anche le altre sono incappate in passi falsi. Personalmente non vivo di rimpianti: siamo ancora in tempo per fare bene. Dipende tutto da noi.’ E dal risultato del posticipo di domenica sera.

ROAD TO LECCEAl 28 aprile mancano 16 giorni e 180’. Questo il countdown dei tifosi bresciani che, prima di affrontare il Lecce dovranno vedersela con Livorno e Salernitana. Partite in cui la squadra di Corini può centrare i 6 punti reggendo la sfida del Lecce, distante 3 punti e con Carpi e Perugia con cui misurarsi. Arrivare con il distacco intatto alla sfida del ‘Via del Mare’ significherebbe poter festeggiare la promozione con due giornate di anticipo, infatti, vincendo lo scontro diretto il Brescia avrebbe la matematica certezza di essere tornata in A. Tutto molto bello, ma anche da far girare la testa: il rischio di perdere la concentrazione a qualche incollatura è alto e di fallimenti sulla linea del traguardo la storia del calcio è piena. La situazione la riassume perfettamente Sandro Tonali, uno che su questa promozione ci ha già messo una bella firma: ‘il campionato è solo nelle nostre mani,’ vale a dire che il Brescia può solo perderlo. A Livorno parte favorito, e ci mancherebbe: 2 a quota 2.15.

LOGICA DELL’ALTERNANZA – Come previsto, Cittadella, Perugia e Spezia si stanno dando battaglia per due posti ai play-off. La squadra di Venturato torna alla vittoria alla sua maniera: goal, 4, e gioco, tanto. Le corrispondenti frenate di Perugia e Spezia, consentono ai granata di piazzarsi al settimo posto a 3 punti dal Pescara. Sabato c’è la trasferta di Salerno dove, l’aprile scorso, vinse in scioltezza 1-3. Stesso risultato del ‘Tombolato’ all’andata e per questo ovvi favori del pronostico con il 2 a quota 2.55. Molto importante la gara per il Perugia che va a Pescara. Per restare a ruota e possibilmente agganciare gli abruzzesi (ora a +4) devono vincere, impresa non facile visto il 2 a quota 3.35. Con l’1 a quota 1.75, lo Spezia di Marino deve certamente avvalersi del fattore campo (28 punti su 43) per tornare al successo contro l’Ascoli dopo la sconfitta di Foggia (1-0) e risalire sul treno play-off. I marchigiani, d’altronde, vincendo avvicinerebbero i liguri a 1 punto, ma allargare il discorso alla squadra di Vivarini ci sembra francamente eccessivo vista la mancanza di continuità dei bianconeri sfavoriti al ‘Picco’ (2 a 4.75!).

SI SALVI CHI PUO’… – …chi non può sembra anche troppo evidente. Con la sconfitta a Carpi, il Padova sembra accomiatarsi lentamente dalla serie cadetta. È chiaro che è sempre nelle loro corde piazzare un risultato a sorpresa (un X col Cosenza domenica pomeriggio all’Euganeo’ è dato a quota 2.95), però la sconfitta con la penultima in classifica ci sembra abbastanza simbolica. Delle ultime sei partite, era quella più ‘alla portata’. Dopo il Cosenza ci sono Palermo, Lecce e Benevento, se non è una sentenza questa, chissà allora quale. Per il Carpi cambia poco: con la vittoria del Foggia, lo sforzo è rimasto vano rimanendo gli emiliani a -3 dai dauni. Le frenata collettiva di Salernitana, Crotone, Venezia e Livorno ha avvicinato le ultime 3 alla squadra di Grassadonia che continua a lottare e sperare: contro il Venezia al ‘Penzo’ è già spareggio sabato pomeriggio e le quote ci fanno capire come la partita sarà equilibrata sino all’ultimo (1 a 2.45, 2 a 3.00). L’occasione è ghiotta per entrambe visto che il Livorno riceve il Brescia nel Monday Night da sfavorito: 1 a 3.45 contro il 2.15 dell’1.

Chi può salvarsi, almeno ci provi.

(Credits: Getty Images)

(68)

Angelo Palmeri Scrive di calcio estone e dell'est su www.rumodispo.com ed è apparso con di... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI