Serie B, quali sono i migliori acquisti?

Serie B, quali sono i migliori acquisti?

Serie B, quali sono i migliori acquisti?

224
0

Con le nubi che lentamente si diradano sulla composizione della Serie B 2018-19, possiamo tornare ad occuparci di calcio giocato, anzi, più esattamente, di calciomercato. Tanti i movimenti effettuati sinora dai club della serie cadetta, ma quali sono i ‘colpi’ che potrebbero garantire il salto di qualità della rosa?
Andiamo a vederli club per club, riservandoci di analizzare la ‘neo-promossa’ Catania e la ripescata Novara in una fase successiva: l’Avellino, infatti, rimane in bilico lasciando sperare il Siena visto che in ballo c’è ancora un ricorso da parte degli irpini al TAR del Lazio.
In anteprima, vi offriamo le quote Antepost SNAI per la vincente della B 2018-19 squadra per squadra.

ASCOLI – Il club ha rescisso con Cosmi ed il suo staff di comune accordo, anche se la squadra era già agli ordini di Vincenzo Vivarini. ‘Piazza pulita’ è stata la parola d’ordine della nuova proprietà rappresentata da Massimo Pulcinelli e dalla sua Bricofer (azienda leader nel settore del fai-da-te in Italia), ma sembra che non si fermi qui visto che per diverso tempo si è parlato di Massimo Oddo sulla panchina del Picchio. Pulcinelli smentisce le voci definendo Vivarini il ‘top player’ dell’Ascoli. Finora, il vero top player in mezzo al campo lo ha preso la vecchia proprietà: Michele Cavion, centrocampista classe ’94 proveniente dalla Cremonese. Obiettivi: Zebli (’97, mediano, Genk) già con 49 presenze in B al Perugia. Antepost: 75.00

BENEVENTO – Scatenata, rinforzata, in pole ai nastri di partenza. E’ la Strega beneventana, grande protagonista del mercato dell’estate 2018. Non un colpo, ma diversi: Roberto Insigne (prestito dal Napoli), Tello ed Improta (definitivi dal defunto Bari), Christian Maggio (svincolato) e Antonio Nocerino (definitivo dall’Orlando City). Con questi numeri, è chiaro che la quota Antepost a 10.00 faccia gola. Ora starà a Bucchi assemblare le individualità di una rosa che, sulla carta, dovrebbe essere tra le più competitive della B pur avendo perso Brignola, ceduto al Sassuolo.

BRESCIA – Rivoluzione è stata la parola d’ordine di Cellino. Dopo una stagione di compromesso, il vulcanico patron sardo ha messo personalmente mano alla trasformazione della rondinelle. A partire dalla panchina (Suazo) fino alla rosa che ha visto la partenza più eccellente possibile: Caracciolo. Il cuore dei tifosi, però, è stato subito riempito con acquisti di tutto rispetto per l’attacco: Tremolada (Ternana) e Donnarumma (Empoli). Senza contare che è stato rinnovato il contratto di Ndoj (’97) ed in rosa c’è sempre un certo Tonali, protagonista in Finlandia con l’Under 19. Presto fare qualsiasi ipotesi promozione, anche perché l’inesperienza di Suazo potrebbe essere la chiave di lettura della stagione bresciana: il cambio di tecnico in un club guidato da Cellino è un deja-vu. Sfortunatissimo il neo-acquisto Luca Miracoli (dalla Sambenedettese in D): si rompe il perone ed il Brescia corre ai ripari prendendo in prestito Franco Ferrari dal Genoa. Antepost: 25.00

CARPI – L’ultimo colpo doveva essere Gennaro Tutino, talento napoletano in giro per l’Italia da un prestito all’altro. Dopo una grande stagione a Cosenza culminata con la promozione, il classe ’96 era destinato all’ennesimo trasloco (dal 2014 sarebbe stata l’ottava destinazione!), tuttavia gli ultimi clamorosi sviluppi lo riportano a Cosenza dove aveva contribuito con 12 reti e 5 assist. Ipotizzabile la volontà del giocatore di ‘rompere’ con gli emiliani per tornare in Calabria e spezzare la diabolica serie di prestiti, un male che affligge molti giovani appartenenti ai grandi club di A e che non hanno spazio nell’XI titolare. Carpi attivo sul mercato estero: Max Barnofsky e Dennis Van der Heijden, tedesco ed olandese provenienti rispettivamente da club di C tedesca e dalla B olandese. Non tantissimo. Antepost: 25.00

CITTADELLA – All’insegna della continuità il mercato del Cittadella che ovviamente punta ad essere nuovamente protagonista per la prossima stagione. I colpi principali sono stati il portiere Maniero dal Palermo (solo 5 presenze in B ma protagonista con la Primavera rosanero) e Scappini della Cremonese a cui, nell’ultima settimana, si è aggiunto l’attaccante ’92 Finotto (prestito dalla SPAL) che ha seguito Proia dallo Spezia, scambiato alla pari con Bartolomei. Puntellamenti per far dimenticare la cessione in prestito del gioiellino Marco Varnier (’98) accasatosi all’Atalanta. Antepost: 15.00

COSENZA – Di Tutino vi abbiamo già riferito. Ma i contatti con il Napoli sono eccellenti e probabilmente lo stesso Tutino sta svolgendo un attivo ruolo di PR nel convincere i suoi ex compagni classe ’96 a trasferirsi in Calabria: Anastasio (un altro figlio della ‘diaspora partenopea’) va in prestito ai lupi formando con Tutino e Palmiero un nucleo della Primavera di Saurini 2013-14. Le maggiori notizie in casa rossoblu sono i rinnovi che garantiscono la continuità con la rosa del 2017-18, protagonista della promozione in serie cadetta. Completato anche l’acquisto a titolo definitivo dal Foggia di Di Piazza. Antepost: 75.00

CREMONESE – Tanti movimenti in uscita per la Cremonese, ma parecchi anche in entrata: su tutti, Montalto (20 reti con la Ternana) a cui sono seguiti Kresic (Atalanta), Castrovilli (Fiorentina), Greco (Bari) ed i puntelli Carretta e Picchi. Dall’estero, scuola Ajax, arriva l’interessante trequartista Reda Boultam, olandese di origine marocchine, alla prima esperienza da professionista dopo 16 presenze nella squadra riserve (Under 19) dell’Eredivisie. Antepost: 25.00

CROTONE – Da neo-retrocessa, il Crotone gode dei favori del pronostico visto che in antepost è data a 6.00 immediatamente dopo l’immancabile Palermo e l’Hellas Verona, entrambe a 5.00. Ma il mercato risponde alle aspettative? Anche per via delle vicende giudiziarie coinvolgenti il ChievoVerona, i calabresi sono rimasti alla finestra all’insegna della continuità con la rosa precedente ora affidata a Stroppa ed a cui si sono riaggregati numerosi fine-prestito (Dussenne, Cuomo, Bruno, Esposito, Romero, Firenze, Suljc e Tripicchio). I principali acquisti sono a centrocampo (Benali dal Pescara e Zanellato dal Milan) ed avanti (Budimir dalla Samp). Curiosità intorno alla punta diciottenne della Sierra Leone Augustus Kargbo che, come vi avevamo segnalato, fa il salto dalla Serie D (Campobasso) alla B sperando di ricalcare le orme del nigeriano Simy che al momento rimarrebbe in Calabria dopo un’intera estate di rumors ora apparentemente raffredatisi.

FOGGIA – Uno dei colpi dei satanelli è certamente la grande esperienza del portiere Albano Bizzarri, messo sotto contratto per un anno. I rossoneri hanno anche lavorato con la Fiorentina per i prestiti di Gabriele Gori (attaccante) e Luca Ranieri (terzino sinistro). Chiaro che grossi nomi se ne vedranno pochi visto che sul Foggia pesa l’ipoteca degli 8 punti di penalizzazione che condizionano sul nascere la nuova stagione. Antepost: 25.00

HELLAS VERONA – Pochi ma buoni i colpi degli scaligeri che intendono riprendere immediatamente il treno della A. Laribi, liberatosi dal defunto Cesena, è l’ultimo di una serie di arrivi di qualità: Di Carmine (in prestito dal Perugia), Cissé che ha seguito il tecnico Grosso dal Bari, Gustafson (in prestito dal Torino) ed Alessandro Crescenzi a titolo definitivo dal Pescara. Pazzini torna dal prestito in Spagna ed in coppia con Di Carmine là davanti promette bene, a meno che il Frosinone non sia davvero interessato all’attaccante per il quale, secondo la Gazzetta dello Sport, sarebbe disposto a cedere Citro e Ciano al club gialloblù, due che in B sanno il fatto loro (Ciano) o cercherebbero il rilancio dopo una stagione opaca (Citro).

LECCE – Senza il Bari e con il Foggia a -8, i salentini vogliono e possono essere la squadra di punta della regione Puglia. In quest’ottica vanno letti i colpi di Vigorito (portiere, Frosinone), Fiamozzi (Genoa, ma al Bari nella passata stagione), Calderoni (Novara), il prestito di Palombi dalla Lazio ed il ritorno a Lecce con contratto triennale di Chiricò. Il colpo principale rimane però l’attaccante Pettinari, preso a titolo definitivo dal Pescara. Antepost: 25.00

LIVORNO – La presentazione della squadra in Piazza del Luogo Pio ha confermato l’entusiasmo intorno al Livorno della leggenda Lucarelli. Diamanti ha rubato scena ed applausi, confermando di essere nella top10 dei colpi estivi di B. ‘Alino’ ritorna a casa per consacrarsi e riprendersi dopo un paio di stagioni opache lontano dai riflettori. Entusiasmo anche per i nuovi: Bogdan, Dainelli, Iapichino, Porcino, Giannetti e Kozak. Antepost: 20.00

PADOVA – Gli ultimi colpi risalgono a metà luglio e ve ne avevamo già riferito: Ravanelli, Tonye e Ciscò. Al momento il Padova non si muove in entrata, ed il diggì Zamuner spiega perché: ‘prima di inserire un giocatore, deve uscirne più di uno.’ Cedere prima di acquistare quell’attaccante e quella mezzala richieste da Bisoli. Lavori in corso. Antepost: 50.00

PALERMO – Svanito il sogno di andare in A per mezzo del tribunale, il Palermo si concentra adesso solo ed esclusivamente sulla B con l’obbligo imperativo di tornare assoluta protagonista. Pochi i cambi nell’XI titolare che vedrebbe l’inserimento dei nuovi Brignoli (portiere), Salvi (terzino destro dal Cittadella), Mazzotta (29enne terzino sinistro palermitano che torna a casa) e Haas (mediano in prestito dall’Atalanta), con gli ultimi due che darebbero fiato ad Accardi e Jajalo nel 4-3-1-2 di Tedino, redivivo tecnico rosanero. Grande responsabilità sulle spalle di Trajkovski e Moreo, chiamati a rimpiazzare gente del calibro di La Gumina e Coronado, ma il Palermo è bene o male questo. Ultimo obiettivo, in completamento, potrebbe essere Puscas e l’acquisto a titolo definitivo dal Benfica di Dawidowicz, già elemento di punta della squadra titolare.

PERUGIA – Gli umbri cambiano in porta dove arrivano Leali (Juventus) e Perilli (Pordenone) in prestito. La maggior preoccupazione è in attacco visto che, le cessioni di Cerri (la Juventus lo ha girato al Cagliari) e Di Carmine creano un buco solo parzialmente coperto dall’ingaggio di Melchiorri dal Cagliari. Un’altra punta è necessaria o per il Perugia si prospetta una stagione all’opposto di quella passata a meno che Buonaiuto non confermi la buona vena vista sinora in precampionato. Antepost: 10.00

PESCARA – Calma piatta. E non è il bollettino del mare del lido pescarese, ma quello dei movimenti in entrata del club abruzzese. Sono più le notizie degli obiettivi sfumati che di quelli messi a segno. Scognamiglio (esule da Cesena), Del Grosso (Venezia, ma ora fermo per infortunio per 3 settimane) e Memushaj (Benevento) sono i colpi da segnalare. Antepost: 20.00

SALERNITANA – Discreto il mercato della seconda creatura di Lotito che ingaggia gli esuli cesenati Perticone ed Urso, il centrale difensivo Gigliotti dall’Ascoli e quello di centrocampo Castiglia dalla Pro Vercelli. Ve lo ricordate Bellomo, il talento barese approdato a Torino sponda granata nel 2013? Lo ritroviamo a Salerno dopo l’esperienza alla Sambenedettese. Immancabile un arrivo dalla sorella Lazio: l’ala destra ’96 Francesco Orlando. In porta, è delle ultime ore l’accordo con Micai, esule del Bari. Antepost: 50.00

SPEZIA – Crivello dal Frosinone è l’ultimo colpo annunciato il primo agosto. L’ingaggio del terzino sinistro palermitano segue quello di Sveinn Aron Gudjohnsen, figlio d’arte di Eidur, ex attaccante di Chelsea e Barcellona. In Liguria è arrivato anche Capradossi per la difesa in prestito dalla Roma mente in porta andrà Eugenio Lamanna. Non male. Antepost: 20.00

VENEZIA – Orfana di Inzaghi (la squadra è in mano a Stefano Vecchi, ex allenatore della Primavera dell’Inter) il Venezia si muove all’insegna della continuità almeno nella rosa procedendo ad una serie di rinnovi. Di rilievo l’arrivo di Schiavone, l’ennesimo esule del Cesena. Antepost: 10.00

Gioca sempre responsabilmente!

Credits: Getty Images

(224)

Angelo Palmeri Scrive di calcio estone e dell'est su www.rumodispo.com ed è apparso con di... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI