Serie C, le capoliste vanno via. Interessante la sfida Sorrento – Crotone

Serie C, le capoliste vanno via. Interessante la sfida Sorrento – Crotone

Serie C, le capoliste vanno via. Interessante la sfida Sorrento – Crotone

210
0

Con l’arrivo di febbraio, la lega della Serie C si porta a ridosso dell’ultimo terzo di regular season. Il turno da affrontare in questo primo week-end del mese sarà il ventiquattresimo e dunque ogni partita comincerà ad avere un peso diverso, e maggiore, sul destino delle singole squadre. Gennaio è stato disordinato, pieno di battute d’arresto ed accelerazioni anche nei piani alti dei tre gironi, dove attualmente hanno preso il largo Mantova, Cesena e Juve Stabia. Sarà, però, priva di scontri diretti la giornata in programma questa settimana, ad eccezione di Sorrento-Crotone, un match interessante per spaccare o rinfoltire il gruppo di team che si agitano alle spalle della Juve Stabia.

Girone A

Non offre il fianco ad alcun ondeggiamento il Mantova di Davide Possanzini, la squadra di Serie C che più di tutte sta facendo parlare di sé nel panorama calcistico nazionale, grazie ad una proposta di gioco fresca, spettacolare ed offensiva, che fa propri alcuni principi del calcio di posizione (occupazione degli spazi, costruzione dal basso e passaggio corto), ibridandoli all’interno di una struttura fluida ma ben riconoscibile. La prossima avversaria di questo piccolo gioiello della terza categoria sarà la decima classificata del girone, l’AlbinoLeffe. Per questi ultimi il match sarà casalingo, anche se, su 11 partite, le 5 sconfitte maturate allo Stadium di Zanica rilevano una non marcata preferenza dei blucelesti per l’aria che si respira nella zona industriale della bergamasca. Neanche a dirlo, invece, i biancobandati arrivano da 7 vittorie esterne consecutive, maturate insieme ad una differenza reti degna di nota: 23:6. Insomma, a buon intenditore poche parole, qui non servono esperti per formulare pronostici.

Potrebbe invece essere più insidiosa la trasferta del Padova, seconda a 7 punti, in casa delle Virtus Verona, attualmente settima, ma distante 17 lunghezze dai rivali. Anche qui, a dire il vero, se non si trattasse di un derby, i numeri parlano una lingua abbastanza chiara. Il Padova, dopo il disastro dello scontro diretto col Mantova ed il successivo 0-0 a Legnago, ha risposto con due vittorie su Alessandria e Novara, in particolare quest’ultima sfida, conclusa sul 3-0, è stata una prova molto convincente da parte degli ‘Euganei’. Non si può dire lo stesso dei padroni di casa, reduci da 2 pareggi consecutivi e soprattutto da una sola vittoria nelle ultime 5 partite. Non particolarmente incoraggiante anche il rendimento interno, il quale, sempre prendendo in considerazione le ultime 5 prestazioni, ha maturato ben 3 sconfitte. Per completare il quadro, citiamo lo scontro diretto disputato a fine settembre nel girone d’andata: Padova 2-0 Virtus Verona.

Girone B

Se fino alla ventunesima giornata la trama cardinale del Girone B aveva ruotato attorno al duello serrato tra Cesena e Torres, con le due sconfitte della sarda nelle ultime tre uscite, la ‘Nazionale Romagnola’ ha salutato la compagnia per procedere solitaria un viaggio che ora la vede solitaria in vetta con un rassicurante vantaggio di 6 punti. Con il vento in poppa, sabato i bianconeri ospiteranno in casa il fanalino di coda del girone, una Fermana con 12 sconfitte stagionali, di cui 6 proprio in trasferta. Senza mai sottovalutare nessuno, in particolar modo dopo l’1-3 rifilato alla Recanati, il match ha tutta l’aria di una formalità per la truppa briosa di Domenico Toscano, miglior attacco e miglior differenza reti (51:13) di tutta la Serie C ed un ruolino di marcia (17 vittorie, 5 pareggi ed una sola sconfitta) che la lancia verso un pass diretto per la serie cadetta.

Anche la Torres, domenica, godrà dell’appoggio dei propri tifosi per rialzarsi dall’atroce 5-1 incassato una settimana fa dalla Carrarese, quando il sogno di giocarsi al fotofinish la promozione con il Cesena è crollato sotto lo schiaffo della realtà. Questa volta l’avversaria verrà pescata in piena zona play-out, siamo parlando del Sestri Levante, reduce anch’esso dal brutto 3-0 di Pescara, terza sconfitta esterna nelle ultime 5. I pronostici sono nettamente a favore della sarda, autrice senza dubbi di un incredibile cammino in quanto outsiders, andrà, tuttavia, tenuto presente il peso dello stato d’animo di gruppo ferito al risveglio dalla fiaba.

Girone C

Come rivelato in apertura, anche al Sud Italia mancheranno scontri diretti ai piani più alti della classifica, dove, con la vittoria per 3-1 in trasferta a Potenza, la Juve Stabia ha preso il largo, portandosi a +8 dall’Avellino, caduto contro la Sorrento. Le Vespe vantano dunque un vantaggio considerevole a questo punto della stagione e dopo 3 pareggi consecutivi sono tornati alla vittoria sfruttando al meglio la giornata storta che ha colto le inseguitrici: oltre all’Avellino, infatti, nessun’altra fra le prime 7 di classifica è riuscita ad aggiudicarsi i tre punti. Nell’anticipo di venerdì gialloblù di Castellammare affronteranno, da super favoriti, l’Audace Cerignola.

I pugliesi hanno fatto della costanza nelle gite fuori porta un importante punto di forza, il loro ruolino di marcia riporta in data 25 ottobre l’ultima sconfitta esterna, da allora si sono susseguiti 8 risultati utili: 3 vittorie e 5 pareggi. Da sottolineare anche la qualità del secondo miglior attacco del girone, fondato in particolare sui 21 colpi centrati dalla coppia d’attacco Malcore-D’andrea. Ma la leader non batte ciglio, forte di 13 partite senza sconfitte (7 vittorie e 6 pareggi) ed armata per attutire il colpo di ogni rivale grazie ad una difesa granitica (solo 11 reti subite), sarà pronta ad attendere ed infilare al momento giusto la retroguardia dell’Audace, decisamente barcollante come attestano le 26 reti a sfavore.

Sponda Avellino e Benevento, separate da un solo punto, capita subito l’occasione di rialzare la china dopo l’infruttuosa ultima giornata di gennaio. I biancoverdi vengono da una sconfitta, un pareggio e 3 vittorie nelle ultime 5, e dovranno spostarsi a Monopoli per affrontare una squadra invischiata nella zona play-out, nonostante i 4 punti racimolati contro Potenza e Catania nelle ultime 2. Domenica sarà invece la giornata di Benevento-Brindisi, con il terzo faccia a faccia tra Campania e Puglia largamente a favore della terza forza di Campionato. La Strega ha rallentato nel pareggio di Taranto per 2-2 dopo un filone di tre vittorie consecutive, mentre la penultima posizione attualmente occupata denota lo stato di crisi della formazione brindisina, che non vede i tre punti dal 10 dicembre, quando dalla vittoria di Sorrento ha inanellato 3 sconfitte e 3 pareggi.

Arriviamo ora al vero match caldo del girone e della giornata: Sorrento-Crotone. Per comprendere l’importanza di questo è necessario puntare l’occhio su una classifica che, alle spalle della fuggitiva Juve Stabia, vede 6 squadre (Avellino 41, Benevento 40, Crotone 39, Casertana 39, Picerno 39, Taranto 38) strette nella morsa di 3 punti. Ad ulteriori 3 punti da questa flotta si colloca il Sorrento, il quale ha quindi tra le mani la possibilità di entrare in gioco per un miglior piazzamento in vista play-off, considerando difficile la vittoria di tutte le concorrenti citate nella medesima giornata.

Tuttavia, nonostante il fattore casa e le 4 vittorie consecutive dei ‘Costieri’, i bookmakers preferiscono l’esperienza della formazione di Lamberto Zauli alle prestazioni spesso più incostanti di una neopromossa, prefigurando una spaccatura nella classifica. La sconfitta per 4-2 a casa dell’Audace Cerignola lascia comprendere quanto ‘i Pitagorici’ non godano dello stesso momento di forma del Sorrento, per i calabresi, allora, si tratterà di far crescere ulteriormente il dato di quei 39 gol, già primato di girone, che rappresentato la sintesi di una proposta di gioco votata all’attacco e contemporaneamente trovare solidità nel reparto più arretrato. Il testa a testa del girone d’andata consegnò allora un Crotone 1-0 Sorrento.

 

(Credits: Getty Images)

(210)

Redazione Redazione SNAI Sportnews... VAI ALLA PAGINA AUTORE