TOTTENHAM-LIVERPOOL, CONTE PUO’ SPEGNERE LE ULTIME VELLEITA’ DEI REDS

TOTTENHAM-LIVERPOOL, CONTE PUO’ SPEGNERE LE ULTIME VELLEITA’ DEI REDS

TOTTENHAM-LIVERPOOL, CONTE PUO’ SPEGNERE LE ULTIME VELLEITA’ DEI REDS

317
0

Per il trend degli ultimi anni, arrivare a un Tottenham-Liverpool con gli Spurs nettamente avanti in classifica è una novità che fa già notizia. Se la squadra di Conte sta facendo il suo (terzo posto a 26 punti a -3 dal Manchester City e a -5 dall’Arsenal che hanno però una gara in meno), i Reds decisamente no. Hanno tenuto il passo a livello europeo, qualificandosi agli ottavi di Champions con il secondo posto nel proprio girone alle spalle del Napoli, ma stanno pagando in Premier le tante assenze e una partenza ancora non digerita di un top player come Mané. L’arrivo di Darwin Nunez, più giovane e con caratteristiche molto diverse, non è bastato a coprire il buco. In più Klopp ha dovuto fare a meno di tante, troppe pedine. Ha strappato una vittoria con le unghie e con i denti, d’orgoglio, contro il Manchester City, ma nelle restanti uscite nei confini nazionali si è arreso quattro volte e altrettante ha pareggiato. Paga quindici punti dai sorprendenti gunners di Arteta e sembra ormai tagliato fuori dai discorsi per la vittoria in campionato.

 

TOTTENHAM-LIVERPOOL, CONTE ALL’ESAME KLOPP

L’avversario, per il Tottenham, resta comunque di altissimo rango. Lo dimostra proprio la già citata vittoria contro il City, arrivata grazie a una magia di Salah. Inoltre l’impegno infrasettimanale del Liverpool è stato blando, un confronto il Napoli in cui bisognava vincere con quattro gol di scarto per assicurarsi il primo posto e al quale gli inglesi si sono avvicinati coscienti di non avere molte chances. Solo nel finale hanno centrato due volte il bersaglio, ma non sembrano essersi spremuti. Per contro il Tottenham ha una spinta emotiva importante che deriva da una qualificazione, sempre agli ottavi di Champions, arrivata in condizioni molto diverse. A metà della partita contro il Marsiglia gli Spurs erano sotto di un gol e virtualmente fuori dalla competizione. Il gol di Lenglet ha ridato un posto nella fase a eliminazione diretta, quello di Hojbjerg in pieno recupero addirittura ha garantito il primo posto.

 

TOTTENHAM-LIVERPOOL, L’EX JUVENTINO BENTANCUR L’UOMO DEL MOMENTO

Se il Tottenham può dirsi in un momento tutto sommato felice è anche e soprattutto grazie all’operato di una vecchia conoscenza della Serie A, l’uruguaiano Rodrigo Bentancur, ex Juventus oggi alle dipendenze dei londinesi. Un gol fondamentale contro lo Sporting Lisbona, quindi quello che nell’ultimo turno di Premier ha portato al 3-2 in casa del Bournemouth, che vinceva di due reti. Un acquisto fortemente voluto da Paratici (altro ex bianconero ma nei quadri dirigenziali) e che finora si è dimostrato particolarmente azzeccato.

 

(Credits: Getty Images)

(317)