CICLISMO, LA CRONO APRE IL MONDIALE: GANNA VUOLE IL TRIS

CICLISMO, LA CRONO APRE IL MONDIALE: GANNA VUOLE IL TRIS

CICLISMO, LA CRONO APRE IL MONDIALE: GANNA VUOLE IL TRIS

8
0

Da due anni la maglia arcobaleno ha un solo legittimo proprietario: Filippo Ganna l’ha onorata come meglio non avrebbe potuto fare, ma adesso gli tocca rimetterla di nuovo in palio nella prova iridata che apre ufficialmente il mondiale australiano di Wollongong, che per una settimana vedrà ciclisti provenienti da ogni parte del globo (oddio, non proprio tutte: qualche nazione ha rinunciato alla trasferta, adducendo costi insostenibili per il viaggio) darsi battaglia per conquistare titoli che possono davvero segnare un’intera carriera. Ganna è la speranza italiana, almeno tra gli uomini: se nella corsa in linea elite di domenica 25 settembre le chance di vittoria appaiono piuttosto scarne, con Bettiol capitano designato, a cronometro in teoria i più forti siamo noi. Perché non c’è solo Top Ganna da tenere d’occhio: Matteo Sobrero ed Edoardo Affini hanno fatti progressi notevoli negli ultimi tempi e cercheranno di inserirsi nel discorso medaglie, magari provando a interpretare meglio di altri un percorso che si preannuncia abbastanza piatto, con una breve salitella iniziale per poi scendere a valle, strizzando l’occhio agli specialisti puri.

EVENEPOEL E POGACAR, MA NON SOLO: OCCHIO AGLI SVIZZERI

Chi dovrà temere Ganna nell’operazione che (nelle intenzioni) dovrà condurlo verso il tris iridato? Di sicuro il principale rivale sarà Remco Evenepoel, uscito a cannone da una Vuelta dominata dall’inizio alla fine e nella quale ha scavato un solco tra se e il resto della carovana proprio nelle prove contro il tempo. Insomma, pur in assenza di Van Aert (piazzato secondo nelle ultime due edizioni), Ganna dovrà guardarsi le spalle da un belga che appare decisamente bellicoso. Anche Yves Lampaert potrebbe regalare una gioia al Belgio, memore magari della vittoria nel prologo del Tour di due mesi fa. La Svizzera schiererà due atleti assolutamente temibili come Stefan Bissegger e Stefan Kung, vale a dire coloro che un mese fa in Baviera salirono sui primi due gradini del podio continentale (con Ganna vestito di bronzo), mentre il francese Remy Cavagna e il britannico Ethan Hayter rappresentano due outsider da tenere in debita considerazione. Ma forse la vera mina vagante di giornata sarà Tadej Pogacar: lo sloveno ha mostrato un’ottima condizione nel GP del Quebec, battendo tra gli altri Van Aert e Bagioli, e pur puntando soprattutto sulla gara in linea in programma domenica 25 settembre ha fatto capire di volerci provare anche a cronometro, sfruttando una sorta di “effetto sorpresa”. Partirà per terzultimo, alle 8:16 italiane, un minuto e mezzo prima di Evenepoel e tre minuti prima di Ganna. Poco più di 40’ più tardi il podio iridato sarà bello che fatto: se riecheggeranno ancora le note dell’inno di Mameli, allora sarà decisamente un bel risveglio.

(8)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE