L’omaggio del Calcio ad Akira Toriyama, il papà di Dragon Ball

L’omaggio del Calcio ad Akira Toriyama, il papà di Dragon Ball

L’omaggio del Calcio ad Akira Toriyama, il papà di Dragon Ball

158
0

La scomparsa di Akira Toriyama, papà di Dragon Ball, ha colpito una generazione intera. Anzi, facciamo anche due o tre. Goku e compagni hanno cresciuto milioni di ragazzi e adolescenti con le loro avventure, diventando un pilastro nel mondo dei manga e non solo.
Toriyama è stato ricordato e celebrato anche all’interno del mondo del Calcio, dove moltissime tifoserie hanno esposto coreografie meravigliose ritraenti i personaggi di Dragon Ball durante il weekend appena trascorso. Anche cori e sigle del cartone animato hanno fatto da cornice sonora e visiva allo spettacolo dei ventidue in campo.

 

GLI OMAGGI DEI TIFOSI A TORIYAMA

In Serie A ci ha pensato il Milan, che durante il riscaldamento della sfida casalinga di domenica pomeriggio contro l’Empoli, ha riprodotto in tutto lo stadio la sigla di apertura di Dragon Ball Z.
All’estero invece, le curve di moltissimi club hanno realizzato veri e propri capolavori. I tifosi del Psg hanno esposto un disegno del Drago Shenron con le sacre sette sfere del drago, mentre il Genk, formazione belga, ha scelto Vegeta Super Sayan God. Gogeta invece, è stato protagonista della coreografia del Los Angeles Fc, ultima squadra di Chiellini in Mls prima del ritiro.

Hanno fatto il giro del Mondo anche le opere dei supporters del Persija Jakarta (Indonesia), i quali hanno disegnato Goku bambino sulla nuvola Speedy e del Saprissa (Costa Rica) e Sp. Cristal (Perù), che invece si sono concentrati sul sayan protagonista dell’opera in versione adulta. La più bella però, rimane quella realizzata dai tifosi del Wydad, formazione marocchina, i quali hanno esposto prima un Goku grande come tutta la curva, poi la trasformazione del protagonista dell’anime in versione Super Sayan con uno splendido gioco di colori.

Insomma, omaggi arrivati da ogni parte del Mondo, segno di un fenomeno veramente globale.

 

LE ESULTANZE DEI CALCIATORI

Anche i calciatori hanno omaggiato Dragon Ball nel corso degli anni, imitando alcuni gesti iconici della saga. Xavi Simons, Aubameyang e Moukoko hanno esultato con le due dita sulla fronte, posa del teletrasporto di Goku. Gignac, Alex Moreno e Haaland invece, scelsero le due mani unite con i palmi aperti, segni propri della Kamehameha, la famosissima onda energetica. Ultimo ma non per importanza, il segno della fusione, composto dal tocco dei due indici. Chalanoglu e Kessie, Martinez e Almiron e infine più di recente Vlahovic e Gatti, tutte coppie che si sono fuse per festeggiare un gol.

Insomma, il buon Akira ci ha regalato un’opera straordinaria, diventata fenomeno generazionale e mondiale, e noi ci sentiamo di ringraziarlo così, augurandogli un buon viaggio lungo il serpentone che porta dritto al pianeta di Re Kaio.

 

(Credits: Getty Images)

(158)