OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: I DIECI CANDIDATI

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: I DIECI CANDIDATI

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: I DIECI CANDIDATI

1.05K
0

 

Dieci film, uno più bello dell’altro. O forse no, visto che, come sempre, non tutti sono apprezzati in modo univoco da critica e pubblico. La notte degli Oscar del 27 marzo assegnerà il premio più ambito in assoluto, quello che va, appunto, al miglior film. Vediamoli, uno per uno, quali sono i capolavori che hanno centrato la “finale”, in rigoroso ordine alfabetico.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “BELFAST” TRA I CANDIDATI

“Belfast” di Kenneth Branagh è il racconto, fatto da un nordirlandese, sugli scontri del 1969 tra cattolici e protestanti della capitale del suo paese, visti con gli occhi di un bambino, che nel film è Billy, ma altro non è che lo stesso regista, da piccolo. Così, da questa prospettiva, la guerra civile non è il centro nevralgico del mondo, ma uno sfondo alla vita in famiglia, alla scuola, alle fughe al cinema e alla prima cotta.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “CODA – I SEGNI DEL CUORE” TRA I CANDIDATI

“Coda – I segni del cuore” di Sian Heder è il remake di “La famiglia Belier”, film francese del 2015. La storia in sé avrebbe dei risvolti drammatici, ma la regista ha preferito il tono della commedia: la giovane Ruby è l’unica udente in una famiglia di sordomuti, ma è divisa tra il sogno di diventare una cantante e la necessità di aiutare i genitori e il fratello. Cocktail ben riuscito di risate basate sugli equivoci, buoni sentimenti e spunti di riflessione.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “DON’T LOOK UP” TRA I CANDIDATI

“Don’t look up” di Adam McKay ha un cast stellare con gli scienziati Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence costretti a scontrarsi con la miopia e gli interessi economici delle istituzioni, ben rappresentate dalla solita meravigliosa Meryl Streep, nei panni del Presidente degli Stati Uniti. La trama è semplice: una cometa sta per schiantarsi sulla Terra, ma l’umanità preferisce tenere lo sguardo a terra. Parodia dei tempi moderni, tra complottismi e cambiamento climatico.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “DRIVE MY CAR” TRA I CANDIDATI

“Drive my car” di Ryusuke Hamaguchi è l’unico film non in lingua inglese del lotto dei candidati. L’amore come rinascita dopo il lutto è un tema universale, ma la tendenza all’introspezione, tipica della cultura orientale, è il filo conduttore della pellicola giapponese, nonché della vita del protagonista, un regista vedovo che si rimette pian piano in gioco, sia in termini professionali che sentimentali, grazie a un’autista particolarmente silenziosa.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “DUNE” TRA I CANDIDATI

“Dune” di Denis Villeneuve è l’adattamento cinematografico del celebre romanzo di fantascienza di Frank Herbert. O meglio, la prima parte del romanzo, visto che ci sarà un sequel. Gli effetti speciali saranno apprezzati forse quanto la storia, che ha un eroe, Paul Atreides, un oggetto del desiderio, la spezia, e due popoli che lottano per accaparrarsela, i Fremen e gli umani. Più tanti altri dettagli che rendono il film avvincente come pochi.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “IL POTERE DEL CANE” TRA I CANDIDATI

“Il potere del cane” di Jane Campion è un film che ha fatto discutere soprattutto negli Stati Uniti perché sfata il mito della frontiera americana, un po’ per la scelta di girare le scene in Nuova Zelenda, un po’ per la storia di un cowboy prigioniero delle sue tendenze omosessuali. Il meglio sta nei quattro personaggi principali e nel modo in cui si evolvono, attraverso le loro inquietudini, il peggio nella tendenza all’estetismo.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “LA FIERA DELLE ILLUSIONI – NIGHTMARE ALLEY” TRA I CANDIDATI

“La fiera delle illusioni – Nightmare Alley” di Guillermo del Toro è tra i film meno apprezzati dalla critica tra i dieci in lizza per l’Oscar. Remake dell’opera di Edmund Goulding del 1947, ha il pregio di un cast stellare, con Bradley Cooper conteso da Rooney Mara e Cate Blanchett, e quello dell’accurata ricostruzione storica degli Stati Uniti pronti alla Seconda Guerra Mondiale, ma anche il difetto di restare a metà tra il dramma psicologico e il noir.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “LICORICE PIZZA” TRA I CANDIDATI

“Licorice Pizza” di Paul Thomas Anderson segna il ritorno di uno dei più apprezzati registi statunitensi con una storia ambientata nella San Fernando Valley del 1973. Nel cast stelle del calibro di Sean Penn e Bradley Cooper, ma i protagonisti sono due giovani attori (uno è il figlio di Philip Seymour Hoffman) che danno vita a una storia ricca di tenerezza, dove la voglia di restare eterni bambini prevale su ogni altro aspetto.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “UNA FAMIGLIA VINCENTE – KING RICHARD” TRA I CANDIDATI

“Una famiglia vincente – King Richard” di Reinaldo Marcus Green è il riuscitissimo biopic su Richard Williams, padre e allenatore di Venus e Serena, due delle più grandi tenniste della storia. La spettacolare interpretazione di Will Smith, non a caso anche lui candidato a miglior attore protagonista, potrebbe essere la chiave del successo, ma merita anche la storia in sé, focalizzata sul doppio ruolo del protagonista più che sulle vittorie delle figlie.

OSCAR 2022 MIGLIOR FILM: “WEST SIDE STORY” TRA I CANDIDATI

“West Side Story” di Steven Spielberg è una storia, scusate il gioco di parole, arcinota, tratta dal musical degli anni 50 ambientato a New York, con due bande di adolescenti protagoniste, e a sua volta ispirata a Romeo e Giulietta. Il regista – a detta di molti critici – non aggiunge nulla di speciale: a 75 anni, innamorato di questa tragedia moderna, aveva voglia di fare un musical e ha voluto cimentarsi anche in questo genere. Difficilmente vincerà.

(Credits: Getty Image)

(1051)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE