PATRICK DEMPSEY, IL DOTTOR SHEPERD DI GREY’S ANATOMY SUL PODIO DI LE MANS

PATRICK DEMPSEY, IL DOTTOR SHEPERD DI GREY’S ANATOMY SUL PODIO DI LE MANS

PATRICK DEMPSEY, IL DOTTOR SHEPERD DI GREY’S ANATOMY SUL PODIO DI LE MANS

87
0

Passare da un set a un abitacolo in pista? E che volete che sia per Patrick Dempsey! Lui queste cose le mastica da una vita, anzi, le “guida” letteralmente da ancor prima decidesse di diventare uno degli attori più amati dal pubblico femminile, e non solo. Perché il dottor Sheperd di Grey’s Anatomy, oltre a saperci fare davanti alla cinepresa, è decisamente a suo agio anche all’interno delle vetture con le quali di solito si diverte a correre nei circuiti più famosi al mondo. Tanto da aver fondato una scuderia (la Dempsey Racing), possedere una collezione di auto da corsa e di straordinaria bellezza da far invidia anche al più ricco tra gli sceicchi e, cosa ancor più rilevante, aver conquistato persino un podio alla celeberrima 24 Ore di le Mans, anno di grazia 2015, al volante di una Porsche 911 RSR. Solo una delle grandi imprese dell’attore, cresciuto con la velocità nel sangue e una passione ereditata dai geni paterni.

UN ATTORE SUL PODIO DI LE MANS

La storia di fatto comincia prima della venuta al mondo di Patrick, avvenuta a Lemistone (Maine) il 13 gennaio 1966. Suo padre William è un grande appassionato di auto, e più in generale delle corse automobilistiche. È ormai abitudine per lui tornare a casa ogni fine settimana con un nuovo modellino da aggiungere alla collezione del piccolo Pat, che a sua volta diventa un fan di quel circus che lo fa emozionare a suon di traversi e sgommate. E proprio il ricordo di quell’infanzia felice diventa per il futuro attore un modo per collegare i fili col passato, e provare in pista sensazioni sin lì solo immaginate. Così nel 2004, a 38 anni, Dempsey decide che è giunta l’ora di mettersi in gioco: al volante di una Panoz, partecipa per la prima volta a un vero e proprio campionato monomarca. È l’inizio di una bella avventura nelle competizioni GT, che un po’ ricalca anche la predilezione per le Porsche e le Ferrari che da sempre lo accompagna (ma in garage ci sono anche Lotus, Jaguar e Mercedes). Soprattutto le Porsche gli entrano in testa come e più di un chiodo fisso: le adora a tal punto da bramare di guidarle non solo sulle strade di città o di campagna (quelle asfaltate, naturalmente), ma anche in pista. Desiderio esaudito nel 2009 quando debutta a Le Mans, proprio nell’anno in cui fonda la Dempsey Racing. Le corse di durata diventano il suo pane quotidiano: e nel 2015 trionfa per la prima volta in Giappone, conquistando la 6 ore sul mitico circuito del Fuji (quello del duello finale tra Hunt e Lauda nel 1976, tanto per intenderci). Poco dopo centra un favoloso podio a Le Mans nella classe GTE Am (cioè categoria piloti amatori) e capisce che quel mondo è ciò che più di ogni altra cosa lo rende felice. Tanto da lasciare persino che il suo personaggio sul set di Grey’s Anatomy esca di scena per sempre, con gli sceneggiatori che fanno morire il dottor Sheperd. Nel 2018, pur non scendendo in pista, la sua scuderia (che nel frattempo ha visto entrare come socio nientemeno che l’ex capitano della Juventus, Alex Del Piero) vince la 24 Ore di le Mans, facendolo entrare una volta di più nella storia del motorsport.

LO SCIATORE CHE HA CONOSCIUTO LA BELLEZZA DELLA BICI

Prima delle auto da corsa, Dempsey è stato però grande appassionati di sci (persino campione regionale del Maine da giovanissimo) e di ciclismo, tanto che in bici ha continuato ad andare per tutto il resto della vita. Un’altra delle passioni che Pat non ha mai disdegnato è la corsa: per tenersi in forma e allenato a più non posso, qualche uscita in jogging è quanto di meglio possa esserci, e l’attore ha fatto capire di esserne a conoscenza. Di sicuro c’è che a 56 anni il suo fisico è ancora bello tonico e scolpito, merito anche dei consigli dati dal suo personal trainer. E chissà, se non avesse sfondato con la recitazione, se il mondo avesse conosciuto un atleta di fama mondiale dal sorriso ammaliante e dallo sguardo unico come Patrick…

(Credits: Getty Image)

(87)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE