Domenica francese, sabato italiano!

Domenica francese, sabato italiano!

Domenica francese, sabato italiano!

196
3

Solo 20 chilometri tra l’Ippodromo di Chantilly e lo Stadio di Saint Denis. Domenica, l’Europa dell’ippica e l’Europa del calcio guardano lì, in quel pezzo di Francia, dove si disputa un affascinante Gruppo I di galoppo e l’emozionante finale  dell’Europeo tra i Bleus e il Portogallo. Ben 228 mila euro porta in scuderia il purosangue che taglierà, per primo, il traguardo nel Premio Jean Prat, sui 1600 della pista costruita all’ombra del Castello del Principe di Condè. I cavalli cominciano ad accusare la stanchezza di una stagione massacrante, soprattutto i protagonisti delle corse più prestigiose. È una variabile che deve essere tenuta ben in conto quando si esaminano le singole chanches dei protagonisti.

Il favorito del Prat sarà certamente Zelzal, battuto solo una volta nelle quattro corse fin qui disputate. È allenato da Jean Claude Rouget, che sta dominando la stagione. È lui che ha vinto Jockey Club e Prix de Diane, le corse più importanti della primavera francese. Il figlio del grande Sea the Stars ha riscattato la brutta prestazione della Poule vincendo nettamente il Moussac, davanti a Moon Trouble. Proprio quest’ultimo, però, è finito lontano però nel Prix de Porte Maillot, dunque Zelzal potrebbe essere portatore di una linea non validissima. Io allora affido il pronostico alla femmina Nemoralia, montata da Franky Dettori. È una cavalla fresca, che ha corso solo due volte nell’annata. È seconda nella Coronations Stakes, lo scorso 17 giugno a Ascot. Una linea questa molto probante che, se ribadita, potrebbe confermare la classe e la qualità della allieva del Trainer J. Noseda.

L’Italia del galoppo tira il fiato dopo domeniche ricche di spunti. Si corre solo a Tagliacozzo, ma sabato bella la riunione di Varese. In programma un incertissimo Handicap, il tradizionale Oldrini, con tredici cavalli al via. Due gli anziani da seguire. Caruso, allenato da Natalino Urracci, che finalmente torna a correre con pesi più…umani, ma soprattutto Lucomagno. Dopo tre corse dove è arrivato sempre secondo, ben interpretato dal sempre ispirato Mariolino Esposito potrebbe finalmente centrare il bersaglio pieno. Non sotto le volte del Castello del Principe di Condè ma sulla pista dell’ippodromo rinfrescato dal verde del Sacro Monte!

(Credits: La Presse)

(196)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE