Ippica: l’inverno a Pisa fa rima con San Rossore

Ippica: l’inverno a Pisa fa rima con San Rossore

Ippica: l’inverno a Pisa fa rima con San Rossore

919
0

Inverno fa rima con Pisa San Rossore. Da sempre le corse al Prato degli Escoli si svolgono in questa fredda stagione, quest’anno, oltre che fredda anche molto secca, arida di pioggia, tanto che i terreni delle piste sono stati sempre buoni, tendenti al veloce.

Oggi finalmente, (non me ne vogliate ma l’acqua ogni tanto serve), dopo un paio di giorni di pioggia leggera, le previsioni sono per l’intensificarsi del fenomeno; cosa significa per noi? Beh, terreno almeno leggermente pesante, insomma terreno stagionale.

Il programma è vario, e visto che in diversi ce lo hanno richiesto, iniziamo la nostra veloce analisi con la corsa che sarà abbinata alla Tris, in questo caso la 5°, ore 16,45. Quindici discreti cavalli impegnati sulla distanza dei 2000 metri in handicap incerto, ma scommettibile. Ci fidiamo delle previsioni meteo ed azzardiamo una selezione di soggetti adatti ai terreni pesanti: Atlantic Avenue è da ottobre a Firenze che cerca la gradita pioggia, e quando l’ha trovata, a Roma in Novembre, ha vinto bene in categoria superiore. Dress Drive è un altro che sul leggermente pesante ha vinto, e si è mosso bene 10 giorni fa sulla pista, affronta i 2000 metri per la prima volta in carriera, ma confidiamo nelle doti di papà Yeats, favoloso fondista, per colmare i 200 metri in più rispetto al solito. Nella parte bassa della perizia intrigano in diversi: Universal Soldier ha un pedigree tedesco che ce lo fa immaginare in progresso col passaggio di età, ha vinto sulla pista il 1 gennaio, e sul pesante non dovrebbe avere problemi; Red Spirit inscenerà il solito generoso finale, la forma sembra in crescendo, l’adattabilità alla pista certa. Chiudiamo con Redinger appena rientrato a Pisa, filtrando bene per corsie interne; sui numeri estivi di Milano avrebbe una bella chance.

Nel resto del programma ci soffermiamo sulla nostra amica Middle Gray, 2° corsa ore 15,00, che a vendere con 50 Kg ed il terreno almeno leggermente pesante, ha un bella possibilità di vittoria, base della giornata direi.

Buone corse

(Credits: La Presse)

(919)

Andrea Zanoboni Andrea Zanoboni, Zanna per tutti, nasce nella affascinante e selvaggia Maremma, terra di cavalli e cavallari che lo porta a sviluppare interesse naturale per questi animali. La folgorazione per i purosangue inglesi avviene però a Newmarket, Inghilterra, quando in una fredda giornata di un maggio tipicamente British, vede sfrecciare una puledra saura di smisurata bellezza e classe di fronte ai suoi occhi. Oh So Sharp, nomen omen, colori di Sheik Mohammed. Pat Eddery in sella. A 13 anni è l'amore della sua vita. Da lì si è dilettato a raccontare le corse dei cavalli con la voce, cronista, da ippodromi italiani: Firenze, Grosseto, Livorno, e con la penna, ops la tastiera, per testate locali , Il Tirreno, e nazionali Trotto e Turf. Voce che spesso accompagna le corse estere trasmesse in Italia Sky 220,e per i meeting più importanti di Ascot, Longchamp, Dubai. Banditore alle aste di puledri in Italia, acquirente, con risultati "migliorabili", di puledri all'estero. "Finché c'è quota c'è speranza" ripete come massima dello scommettitore, tradotto nelle vita : "Never give up".

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI