SBK: al via una stagione Rock

SBK: al via una stagione Rock

SBK: al via una stagione Rock

137
5

E ora bastaaaa! Finalmente parleranno solo i motori con il rombo di tuono degli scarichi in carbonio o in titanio! Il verdetto del cronometro delle prove di Phillip Island in Australia ci proietta dentro la stagione più attesa degli  ultimi anni delle SuperBike. Finalmente si torna ad un regolamento unico ed univoco per tutti con moto tutte uguali e sempre più vicine alla serie. Gara uno a Jonathan Rea, gara due Domenica alle 13. Quindi uno spettacolo doppio spalmato su due giorni racing.

Al termine delle primissime prove della stagione abbiamo la sorpresa Guintolì con il primo tempo davanti alla Honda di Van Der Mark e poi solo terza e quarta le favorite Kawasaki di Rea e Sykes. Ma le sorprese non finiscono qui perché al quinto posto troviamo la MV agusta F4 del britannico Camier che è andato fortissimo. Bene anche l’atteso debutto dell’americano Hayden che partirà per la sua prima SuperPole con il sesto tempo davanti alle due Ducati Panigale di Giugliano e Davies. Stupisce il nono posto del debuttante Savadori con la Aprilia RSV4 ancora da aggiornare visto il ritorno deciso all’ultimo momento. Ma quello che ci ha colpito e che ci dà garanzia di due gare davvero Rock e Roll è il distacco tra i primi undici piloti racchiusi tutti in un solo secondo pronti a darsi battaglia sull’incredibile tracciato di Phillip Island. La pista è sicuramente la più spettacolare di tutto il Mondiale essendo adagiata sul mare alla confluenza di tre Oceani che danno una visuale suggestiva e unica. L’unico serio problema viene dai numerosi gabbiani che volano bassi e spesso finiscono col colpire i Piloti creando situazioni pericolosissime e soprattutto letali per gli stessi uccelli. Ne hanno fatto già le spese Corser Edwards Haga e lo scorso anno Iannone in GP. Questo Mondiale SBK è anche il più seguito dai media, fidatevi del vecchio Ringo e svegliatevi all’alba per queste due prime gare che ci daranno una bella scarica di adrenalina e meritano una levataccia alle 5 di mattina sia di sabato che domenica. Il consiglio è di non andare a letto ma di tirare l’alba magari a qualche bel concerto Rock e poi andare a casa a sentire lo stesso Sound dei motori mille a 4 tempi delle SBK.

(Credits: La Presse)

(137)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE